inTherapy

Stereotipi Razziali e Mancanza di Creatività: un Processo Comune

Il legame tra stereotipi razziali e la stagnazione della creatività può essere spiegata da un aumento della chiusura mentale.

ID Articolo: 24619 - Pubblicato il: 14 gennaio 2013
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

FLASH NEWS

Rassegna Stampa - State of Mind - Il Giornale delle Scienze Psicologiche

I risultati di uno studio di follow-up dimostrano che il legame tra stereotipi razziali e la stagnazione della creatività può essere spiegata, almeno in parte, da un aumento della chiusura mentale.

Una nuova ricerca condotta alla Tel Aviv University suggerisce che gli stereotipi razziali e la mancanza di creatività hanno un meccanismo comune: il pensiero categorico.

LEGGI ANCHE ARTICOLI SU: CREDENZE – BELIEFS

Anche se apparentemente molto diversi, questi due fenomeni hanno luogo perché ci si “fissa” su alcune categorie di informazioni e su un atteggiamento mentale convenzionale.

Stereotipi, Pregiudizi ed Euristiche

Articolo consigliato: Stereotipi, Pregiudizi ed Euristiche

I ricercatori hanno cercato di stabilire una relazione causale tra l’essenzialismo razziale – la convinzione che i gruppi razziali possiedono tratti di base e capacità stabili – e la creatività.

Hanno ipotizzato che, una volta attivata, la mentalità essenzialista porterebbe ad una certa riluttanza a prendere in considerazione punti di vista alternativi, con la conseguenza di una generalizzata chiusura mentale.

LEGGI ANCHE ARTICOLI SU: PSICOPATOLOGIA DELLA VITA QUOTIDIANA

I ricercatori hanno manipolato le credenze dei partecipanti sugli stereotipi razziale facendogli leggere uno di tre articoli: uno descriveva una falsa ricerca scientifica a sostegno degli stereotipi razziali, uno contrario allo stesso tema e uno sulle proprietà scientifiche dell’acqua.

I partecipanti hanno poi preso parte a un diffuso test sulla creatività chiamato Remote Associates Test durante il quale gli venivano date tre parole e loro dovevano trovare una nuova parola che le collegasse tra loro.

I risultati indicano che coloro che erano stati influenzati dalla visione essenzialista erano meno creativi, e risolvevano un numero significativamente minore di esercizi rispetto ai partecipanti degli altri due gruppi.

I risultati di uno studio di follow-up dimostrano che il legame tra stereotipi razziali e la stagnazione della creatività può essere spiegata, almeno in parte, da un aumento della chiusura mentale.

Messaggio pubblicitario Insieme, questi studi suggeriscono che l’essenzialismo esercita i suoi effetti negativi sulla creatività modificando il modo di pensare delle persone, non tanto i contenuti del pensiero. 

LEGGI ANCHE ARTICOLI SU: BIAS – EURISTICHE

La ricerca suggerisce anche che gli stereotipi sono però abbastanza malleabili. Diversi aspetti che devono ancora essere esplorati, ma i ricercatori ipotizzano di utilizzare questi risultati per elaborare un programma di intervento in grado di ridurre gli stereotipi razziali, permettendo ai partecipanti non solo di diventare socialmente più tolleranti, ma anche di esprimere tutto il loro potenziale creativo.

LEGGI ANCHE ARTICOLI SU: CREDENZE – BELIEFS – PSICOPATOLOGIA DELLA VITA QUOTIDIANA – BIAS – EURISTICHE

BIBLIOGRAFIA: 

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 3, media: 5,00 su 5)
State of Mind © 2011-2021 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Università e centri di ricerca

Categorie

Messaggio pubblicitario