Depressione Materna: Il Lavoro e il Partner possono Aiutare a Vincere la Depressione

Depressione: mamme che lavorano, sposate e con un partner accanto non depresso hanno maggiori probabilità di andare incontro alla remissione.

ID Articolo: 20157 - Pubblicato il: 07 novembre 2012
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

FLASH NEWS 

Rassegna Stampa - State of Mind - Il Giornale delle Scienze Psicologiche

Le mamme che lavorano, sposate e con un partner accanto non depresso hanno maggiori probabilità di andare incontro alla remissione.

LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI SULLA DEPRESSIONE

Il disturbo depressivo maggiore è uno dei disturbi mentali più comuni, che colpisce, annualmente, più di 13 milioni di individui solo negli Stati Uniti e genera, spesso, una serie di limitazioni nello svolgimento delle attività della vita quotidiana. Ma se la depressione colpisce le mamme, allora è evidente che gli effetti appaiono ancora più gravi, visto che i bambini non ne escono indenni, anzi spesso riportano disturbi cognitivi e comportamentali che possono persistere anche in età adulta. Le madri depresse infatti, di solito, manifestano atteggiamenti ostili e negativi nei confronti dei bambini e questo crea un ambiente familiare che viene percepito come stressante. 

Rassegna Stampa - State of Mind - Il Giornale delle Scienze Psicologiche

Articolo Consigliato: Ketamina: nuova strada per la cura della Depressione?

A questo punto potremmo chiederci: quali fattori potrebbero favorire la persistenza della depressione nelle mamme e quali, invece, potrebbero fungere da fattori di protezione e generare una remissione?

LEGGI ANCHE GLI ARTICOLI SU: PSICOPATOLOGIA POST-PARTUM/PERINATALE

Per fornire una risposta a questi interrogativi, Kristin Turney ha condotto uno studio longitudinale coinvolgendo 4.898 coppie. Entrambi i genitori sono stati intervistati subito dopo la nascita del bambino e successivamente sono stati nuovamente intervistati, quando i bambini avevano compiuto 1, 3, 5 e 9 anni. Nella fase iniziale della ricerca, l’82% delle mamme erano coniugate, mentre l’87% non erano sposate. Tuttavia, non tutte le mamme che inizialmente hanno preso parte alla ricerca, hanno fornito il proprio contributo in tutte le fasi dello studio; per questo, sono state considerate solo le mamme (N=4.366) che hanno partecipato ad almeno 2 sessioni consecutive, escludendo la baseline, ossia il momento subito dopo la nascita del bambino. La depressione materna è stata rilevata attraverso la CIDI-SF, quando i bambini  avevano 1, 3, 5 e 9 anni: alle mamme è stato chiesto se nell’anno precedente avessero esperito sintomi di disforia o anedonia.

Messaggio pubblicitario  Le variabili prese in considerazione dall’autrice come potenziali fattori, in grado di innescare un cambiamento nel decorso della depressione o di inibirlo, sono le seguenti: nazionalità, età, educazione, stato civile, impegno lavorativo, presenza di altri bambini e depressione nel partner. Dai risultati è emerso che la depressione è un problema molto comune tra le donne non coniugate: circa il 16% delle mamme era depresso quando il bambino aveva 1 anno, il 21% era depresso dopo 3 anni dalla nascita del bambino, il 17% quando il bambino aveva 5 anni e il 17% quando il bambino aveva compiuto 9 anni. Inoltre, circa il 38% del campione complessivo ha riportato sintomi depressivi almeno una volta nel periodo preso in considerazione dalla ricerca, il 31% ha riportato una depressione intermittente e il 7% una depressione persistente. Rispetto alla variabile della nazionalità, è emerso che le donne non ispaniche, sia bianche che nere hanno maggiori probabilità di sviluppare una depressione persistente rispetto alle donne ispaniche; mentre, rispetto alla variabile dell’età, la depressione è risultata più diffusa tra le donne più giovani dei 25 anni.

Inoltre, la depressione materna è più comune tra le donne che hanno un partner depresso, col quale sono sposate o coabitano; nel caso in cui i due genitori non coabitano o non hanno più alcun tipo di relazione, la presenza di depressione del partner non incide sulla depressione materna.

Rassegna Stampa - State of Mind - Il Giornale delle Scienze Psicologiche

Articolo Consigliato: Abuso Economico & Depressione Materna

LEGGI ANCHE ARTICOLI SU: DISTURBI DELL’UMORE

Per quanto riguarda le caratteristiche demografiche, l’educazione e l’impegno lavorativo possono essere determinanti per la depressione intermittente delle mamme, ma non per la depressione permanente, evidenziando come le cause dell’esordio della depressione siano diverse da quelle responsabili della sua permanenza. Altro fattore di rischio per la stabilità della depressione riguarda la presenza di altri bambini in casa: le mamme con depressione intermittente o permanente spesso hanno più bambini.  

LEGGI ANCHE ARTICOLI SU: GRAVIDANZA E GENITORIALITA’

Ma quali potrebbero essere, invece, i fattori in grado di modificare il decorso della depressione materna? Dai risultati è emerso come potrebbero fungere da fattori di protezione rispetto alla cronicità della depressione l’impegno lavorativo, la relazione coniugale e la mancanza di depressione nel partner: mamme che lavorano, sposate e con un partner accanto non depresso hanno maggiori probabilità di andare incontro alla remissione.

Conoscere i fattori di rischio e di protezione della depressione materna può essere sicuramente funzionale ad una maggiore prevenzione e ad un miglior trattamento del disturbo.

LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI SULLA DEPRESSIONE

 

BIBLIOGRAFIA:

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 1, media: 5,00 su 5)
State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Categorie

Messaggio pubblicitario