Ansia, il trattamento più efficace: CBT e Approccio Transdiagnostico

Ansia: la CBT in combinazione ad “un approccio transdiagnostico” risulta il trattamento elettivo, efficace per la persona nella sua interezza.

ID Articolo: 12555 - Pubblicato il: 04 luglio 2012
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

– FLASH NEWS –  Ansia 

Rassegna Stampa - State of Mind - Il Giornale delle Scienze Psicologiche

Secondo una ricerca durata dieci anni e i risultati di quattro studi clinici indipendenti, il trattamento elettivo per i disturbi d’ansia, sarebbe la CBT in combinazione ad “un approccio transdiagnostico”, un modello che prevede l’applicazione di una serie di principi trasversalmente validi per tutti i disturbi d’ansia. Questo modello di trattamento è stato messo a punto da Peter Norton, professore associato di psicologia clinica e direttore della Anxiety DisorderClinic at the University of Houston (UH).

Il disturbo di panico, disturbo ossessivo-compulsivo, post-traumatico da stress (PTSD), disturbo d’ansia sociale, fobie specifiche e disturbo d’ansia generalizzato, sono spesso anche in comorbilità con depressione o abuso di sostanze o alcool.

Secondo Norton i trattamenti mirati a ogni singolo disturbo d’ansia sarebbero per la maggior parte molto simili tra loro, e differirebbero realmente solo in alcuni specifici punti.

Nella sua esperienza clinica in Nebraska, Norton, non avendo abbastanza pazienti per creare gruppi di pazienti omogenei per ciascun disturbo d’ansia, ha incominciato a lavorare con gruppi eterogenei di pazienti, cercando di andare al nucleo del disturbo d’ansia, superando le artificiali distinzioni tra le diverse sottocategorie del disturbo.

Salkovskis- l’equazione dell’ansia nel disputing - Immagine: © lassedesignen - Fotolia.com

Articolo consigliato: Salkovskis- l’equazione dell’ansia nel disputing.

La svolta è arrivata usando CBT in collaborazione con l’approccio transdiagnostico. La combinazione era più efficace è risultata essere CBT in combinazione con altri tipi di trattamenti per i disturbi d’ansia, come training di rilassamento. I pazienti che ricevono il trattamento transdiagnostico hanno mostrato un miglioramento notevole, in particolare con il trattamento in diagnosi di comorbilità.

Quello che ho imparato sul campo è che se si tratta la diagnosi principale, come la fobia sociale e l’avversione a parlare in pubblico, si avrà un miglioramento solo su alcuni aspetti della diagnosi secondaria. Con un approccio transdiagnostico, invece, si può avere un impatto molto maggiore sulla diagnosi secondaria“, sostiene Norton. Nel suo studio di ricerca, oltre i due terzi dei pazienti con di diagnosi di comorbilità è andato incontro alla remissione dei sintomi; quando il trattamento invece è specifico per un disturbo, ad esempio un disturbo di panico, solo il 40% dei pazienti mostra un miglioramento nel disturbo in comorbilità. L’approccio transdiagnostico si pone quindi come un trattamento efficace della persona nella sua interezza.

Questi risultati forniscono importanti linee guida per il trattamento efficace dei disturbi d’ansia da parte di psicologi e psicoterapeuti.

 

 

BIBLIOGRAFIA: 

 

 

 

VOTA L'ARTICOLO
(Nessun voto)
State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Sono citati nel testo

Università e centri di ricerca

Categorie

Messaggio pubblicitario