La Vergogna e la Colpa nei Disturbi del Comportamento Alimentare (DCA). Cicli Emotivi e Patologia.

Le emozioni più spesso trattate nella clinica dei DCA sono la vergogna e la colpa, stati emotivi autocoscienti che affliggono l’Io.

ID Articolo: 5827 - Pubblicato il: 14 febbraio 2012
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

Dott.ssa Alessia Zoppi, Dott.ssa Chiara Spinaci.
Università di Urbino “Carlo Bo”, Dipartimento di Scienze dell’Uomo.

 

La Vergogna e la Colpa nei Disturbi del Comportamento Alimentare (DCA). Cicli Emotivi e Patologia. - Immagine: © bobyramone - Fotolia.com Le emozioni più spesso trattate nella clinica dei DCA sono la vergogna e la colpa, stati emotivi autocoscienti che affliggono l’Io.

La vergogna è un’emozione che determina reazioni psico-fisiche specifiche: non si ha più controllo del proprio corpo e della propria mente, ci si sente smascherati, spogliati e inermi davanti all’altro che ci ha “scoperti”. Questa emozione favorisce comportamenti di rispetto verso se stesso e gli altri e protegge dalla costruzione di una identità grandiosa e megalomanica; se eccessiva può bloccare il soggetto e spingerlo al ritiro sociale, scatenando senso di inadeguatezza, inferiorità, inamabilità auto-attribuita, bassa autostima. Questa emozione può essere il risultato di una valutazione percepita come interna o esterna: quando è interna il Sé giudica se stesso, con connotazioni fortemente negative e invalidanti; quando è esterna il Sé si sente giudicato dagli altri, teme lo sguardo altrui, soprattutto quando si esperisce come portatore di aspetti negativi e umilianti.

No recipes for treating eating disorders. Image: © kikkerdirk #27366320 -

Articolo consigliato: Science does not offer recipes for treating eating disorders.

La colpa è un’emozione legata a qualcosa che si è compiuto a danno di terzi o che può essere giudicato negativamente. Questa emozione è legata a giudizi, valori e morale socialmente condivisi. Mentre nella vergogna il giudizio negativo è attribuito al Sé nella sua interezza, nella colpa si assiste ad una risposta emotiva evento-specifica: l’attribuzione negativa è legata allo specifico comportamento attuato.

La letteratura sulle emozioni nei DCA è ampia ed è possibile parlare di “circoli emotivi” di mantenimento della sintomatologia.

Da una ricerca di Skarderud (2007), attuata con un intervista semistrutturata che indaga il costrutto di vergogna nell’Anoressia Nervosa (AN), è emersa una classificazione delle tipologie di vergogna esperite da soggetti anoressici. Questa emozione è sia “vissuta” come interna (auto-valutazione negativa) che come esterna (sensazione che gli altri li giudichino negativamente).

I pazienti esprimono una sensazione generale di vergogna, ma a un livello più profondo sembra che essi vivano specifiche tematiche di vergogna:

  • vergogna di alcune emozioni: dell’avidità personale, dell’invidia, della tristezza, della sensazione di grandiosità, della rabbia;
  • vergogna del fallimento;
  • vergogna del corpo: della propria apparenza e della funzione del corpo;
  • vergogna rispetto all’autocontrollo e ai comportamenti auto-distruttivi;
  • vergogna degli abusi sessuali: sensazione di inferiorità, sensazione di non aver resistito;
  • vergogna di avere un disturbo alimentare: per il problema legato al mangiare, per auto-accuse di vanità, per timore dello stigma sociale.

Messaggio pubblicitario Nell’AN i soggetti sospendono volontariamente e forzatamente l’alimentazione, in linea con un comportamento controllante e rigido più che punitivo. Essi spostano sul corpo l’espressione di un disagio psicologico legato alla propria valutazione personale: si sentono sbagliati, inamabili, inadeguati (emozione di vergogna) ma non provano colpa, rispetto al proprio comportamento patologico. Infatti nei pazienti emergono anche degli indici elevati legati al sentimento di orgoglio (Skarderud, 2007). Per orgoglio si intende uno stato emotivo opposto alla vergogna, autoconsapevole, associato al successo sociale e ad approvazione o ammirazione da parte degli altri. Le tematiche di orgoglio nella AN sono:

  • Orgoglio generato dall’auto-controllo rispetto alla gestione e assunzione del cibo, alle diete ferree, all’attività fisica compensatoria;
  • Orgoglio generato dalla sensazione di essere straordinario, manifestato attraverso una narrativa di eccezionalità, anche grazie alla patologia;
  • Orgoglio generato dall’apparenza fisica, espresso nell’attrazione per la magrezza;
  • Orgoglio generato dalla ribellione e protesta, manifestato con difese ripetute e irremovibili della sindrome.
I Disturbi dell'alimentazione: resoconto di un convegno - SISDCA 2011 - Immagine: © DURIS Guillaume - Fotolia.com

Articolo consigliato: “I Disturbi dell’alimentazione: resoconto di un convegno – SISDCA 2011”

La tenacia e l’orgoglio verso il comportamento patologico avrebbero lo scopo di compensare la propria inadeguatezza; ma i soggetti con AN continuano a esperire le diverse tematiche di vergogna a causa dell’impossibilità di raggiungere il perfezionismo auspicato.

Sarebbero dunque contemporaneamente attivi il circolo “vergogna-orgoglio” e il circolo preferenziale “vergogna-vergogna”.

Nel circolo “vergogna-vergogna” questa emozione, come causa dell’innesco di sintomi, è legata a: fattori svalutativi personali, gestione inadeguata delle emozioni, spostamento sul corpo delle emozioni negative. La vergogna come effetto è invece collegata a tutte le tematiche di vergogna sopracitate.

Nel circolo “vergogna-orgoglio” i sentimenti di vergogna iniziali sono i medesimi del circolo precedente ma la risposta da parte del soggetto ha lo scopo di garantire elevati livelli di orgoglio. Questo secondo circolo è interessante poiché può spiegare alcuni comportamenti tipici dei soggetti con AN in trattamento, come ridotta motivazione alla terapia e la difesa del sintomo.

Rifacendosi allo studio di Hayaki et al., (2002) nella Bulimia Nervosa (BN) i soggetti esperiscono emozioni fortemente destabilizzanti di colpa, oltre che vergogna, legate al meccanismo patogeno “abbuffata- eliminazione”. Si può dire che in questi pazienti il circolo emotivo sia caratterizzato da sentimenti di “vergogna-colpa”.

Disturbi Alimentari - Alpbach Bologna 2011 - Immagine: © waterlilly - Fotolia.com -

Articolo consigliato: “Alpbach e Bologna: due congressi non anglofoni sui disturbi alimentari”

La compulsività e la perdita di controllo nell’orgia bulimica alimenta emozioni negative. La colpa si manifesta come effetto del comportamento “abbuffata-eliminazione”, ma è anche un fattore eziologico poiché si riscontra nei pazienti con BN una vulnerabilità personale a sperimentare emozioni di colpa.

Colpa e vergogna possono inoltre spiegare la comorbilità esistente tra DCA e altre sindromi (Grabharn et al., 2006; Hayaki, et al., 2002): depressione, ansia e DCA sono i quadri più spesso associati all’emozione di vergogna globale interiorizzata.

In presenza di comorbilità tra DCA e Fobia Sociale è possibile pensare che l’emozione di vergogna legata al corpo e al Sé sia associata al timore di essere osservati, giudicati negativamente e “scoperti” dagli altri. Il soggetto vive la vergogna rispetto al Sé negativo e teme di essere giudicato dall’esterno.

Nel caso di comorbiltà tra quadri depressivi e DCA è possibile pensare che il soggetto giudichi in modo assolutamente negativo il Sé e perda qualsiasi aspettativa e speranza. La vergogna si esperisce a causa di fattori interni costituzionali sentiti come negativi.

Edimburgh - Immagine: Creative Commons - Attribution: By Yo (foto hecha por mí) [GFDL (www.gnu.org/copyleft/fdl.html) or CC-BY-SA-3.0-2.5-2.0-1.0 (www.creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0)], via Wikimedia Commons

Articolo consigliato: EDRS 2011: le neuroscienze all’assalto dei disturbi alimentari.

La comorbilità dei DCA con il Disturbo Borderline di Personalità e del Controllo degli Impulsi potrebbe essere spiegata dal circolo emotivo “vergogna/colpa-rabbia” presente nei soggetti Shame-Prone. Essi non sono consapevoli dell’emozione esperita e tendono a esternalizzarla per evitare il contatto con la negatività del Sé: all’emergere di elevati livelli di vergogna e colpa il soggetto reagisce con comportamenti rabbiosi e attribuendo la causa dell’emozione a eventi o persone esterne, con esiti catastrofici sulle relazioni interpersonali (Meneghini, 2008).

Concludendo, le emozioni sono sia “attivatori” che “meccanismi di mantenimento” della sintomatologia. Colpa e vergogna sembrano avere un ruolo specifico come attivatori, in quanto nei DCA sembra esserci una vulnerabilità a sperimentare tali emozioni e difficoltà nella gestione e riconoscimento delle stesse; ma si dimostra anche come le stesse emozioni possano essere fattori di mantenimento ed effetti del comportamento patologico, paradossalmente attuato nel tentativo di allontanarle.

 

 

BIBLIOGRAFIA: 

  • GRABHORN et al., (2006). Social Anxiety in Anorexia Nervosa and Bulimia Nervosa: the mediating role of shame. Clin. Psychol. Psychother., 13, pp.12–19.
  • HAYAKI, J., FRIEDMAN, M.A., BROWNELL, K.D. (2002). Shame and severity of bulimic symptoms. Eating Behaviors, 3, pp. 73–83.
  • MENEGHINI, A.M., (2008). Quando la colpa è costruttiva. DIPAV, 23, pp. 103-120.
  • SKARDERUD, F. (2007). Shame and pride in anorexia nervosa: a qualitative descriptive study. European Eating Disorders Review, 15, pp. 81-97.
VOTA L'ARTICOLO
(voti: 4, media: 3,25 su 5)
State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Messaggio pubblicitario