inTherapy

Stigma – Definizione

Lo stigma consiste in una attribuzione di pregiudizio infondato che ha come conseguenza l’isolamento del malato e l’incurabilità.

ID Articolo: 19063 - Pubblicato il: 24 ottobre 2012
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

 

 

LE DEFINIZIONI DI PSICOPEDIA

Psicopedia - Immagine: © 2011-2012 State of Mind. Riproduzione riservata

La parola stigma, di origine greca, significa marchio, impronta, segno, distintivo.

È utilizzata in diversi ambiti, dalla botanica alla musica. In particolare, gli espetti di salute mentale individuano con questo termine la discriminazione basata sul pregiudizio nei confronti del malato mentale. Di conseguenza per un malato mentale subire lo stigma significa vivere ogni giorno nell’esclusione, nel rifiuto, nella vergogna e nella solitudine.

Il pregiudizio nei confronti dei malati mentali si sviluppa in contesti in cui le informazioni sono accettate in maniera apparente e superficiale, e portano, di conseguenza, all’attuarsi di pregiudizi ed emarginazione nei confronti delle persone malate. Alla base si genera una mancanza di riconoscimento della sofferenza derivante dalla malattia mentale e una attribuzione di stabile invalidità nei confronti di queste persone, che se adeguatamente considerate e curate potrebbero recuperare parte delle proprie capacità sociali e intellettive.

Lo stigma consiste in una attribuzione di pregiudizio infondato che ha come conseguenza l’isolamento del malato e l’incurabilità. Se si considerasse il malato mentale come un comune malato colpito da una particolare sintomatologia allora si accetterebbe il concetto di cura e di soccorso. Solo se si intervenisse in questo modo sarebbe possibile aiutare il malato mentale ad affrontare adeguatamente la propria sofferenza, consentendogli di andare oltre la solitudine perché possibile trovare aiuto nella cura.

Stigma

STIGMA – Illustrazione di Lorenzo Recanatini – Alpes Editore

 

TUTTE LE DEFINIZIONI DI PSICOPEDIA

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 4, media: 5,00 su 5)
State of Mind © 2011-2021 Riproduzione riservata.
Condividi

Articoli che trattano questo argomento

Il paradosso dell’obesità: cosa ci dicono i topi più obesi al mondo
Psicologia

Il paradosso dell’obesità: cosa ci dicono i topi più obesi al mondo

Nonostante l’incessante incremento del tasso di obesità, nel 2018 pari al 42% della popolazione statunitense adulta (Hales et al., 2020), negli ultimi tempi medici e ricercatori stanno promuovendo un approccio volto a non demonizzare il grasso, quanto a favorirne una comprensione più profonda.   Essere obesi, difatti, non sembrerebbe sempre

Quando la malattia mentale colpisce gli psicoterapeuti: un limite o una risorsa?
Psicologia Psicoterapia

Quando la malattia mentale colpisce gli psicoterapeuti: un limite o una risorsa?

La malattia mentale, al pari di qualsiasi altra forma di malattia, può colpire chiunque, compresi i professionisti della salute mentale.   Prevalenza della malattia mentale tra i terapeuti Tuttavia, pochi studi si sono proposti di valutare la prevalenza delle diagnosi di malattia mentale tra i terapeuti, ma gli attuali dati

Stigma verso i disturbi mentali: quali effetti?
Psicologia

Stigma verso i disturbi mentali: quali effetti?

La stigmatizzazione dei disturbi mentali è un problema importante nelle scienze sociali e uno dei più importanti ostacoli nel campo dell’assistenza alla salute mentale pubblica.   Cosa vuol dire stigma? Il punto di partenza per definire lo stigma del disturbo mentale è la definizione di Goffman (1963), che definisce lo

Il razzismo interiorizzato: quando le discriminazioni sociali entrano a far parte dell’individuo
Psicologia

Il razzismo interiorizzato: quando le discriminazioni sociali entrano a far parte dell’individuo

Due manifestazioni particolarmente importanti che indicano la presenza di razzismo interiorizzato consistono nell’alterazione dell’aspetto fisico e il cambiamento dei capelli.   La discriminazione razziale è un’esperienza pervasiva (Hope, Hoggard, & Thomas, 2015) ed è stata associata ad esiti negativi come disturbi dell’umore (Paradies et al., 2015), diminuzione dell’autostima (Yip, 2015)

È possibile ridurre l’auto-stigma e la vergogna che affliggono le donne tossicodipendenti?
Psicologia

È possibile ridurre l’auto-stigma e la vergogna che affliggono le donne tossicodipendenti?

Uno studio preso in esame ha perseguito l’obbiettivo di sviluppare un programma educativo per ridurre l’auto-stigma e la vergogna tra le donne affette da una tossicodipendenza.   L’abuso di sostanze è un problema rilevante all’interno della società che determina innumerevoli ripercussioni negative sulla vita, gravando anche sulle spese pubbliche nazionali.

Origini della bifobia: riflessioni sullo stigma che accompagna le persone bisessuali
Psicologia

Origini della bifobia: riflessioni sullo stigma che accompagna le persone bisessuali

Brewster e Moradi (2010) hanno identificato due peculiari caratteristiche che differenziano la bifobia dall’omofobia: la “instabilità dell’orientamento sessuale” e la”irresponsabilità sessuale”.   La bisessualità può essere definita come un orientamento sessuale che comporta l’attrazione romantica e/o sessuale verso un partner di ambo i sessi. Tale attrazione non è vissuta necessariamente

Indice di massa corporea (IMC): un acronimo controverso
Psicologia

Indice di massa corporea (IMC): un acronimo controverso

L’IMC, acronimo di Indice di Massa Corporea, è il principale parametro utilizzato oggigiorno per valutare lo stato nutrizionale e di salute di una persona. Ne sentiamo parlare in ambito medico, ha contagiato il mondo dello sport e funge da dittatore quando si parla di peso e forma del corpo. Ma

La clinica e l’economia comportamentale verso un obiettivo comune: la prevenzione del suicidio
Psicologia

La clinica e l’economia comportamentale verso un obiettivo comune: la prevenzione del suicidio

La prevenzione del suicidio ha dinanzi a sé innumerevoli ostacoli, come la scarsa tendenza alla ricerca di un trattamento e la discutibile accuratezza dei metodi di auto-rivelazione (King et al., 2015).   Al fine di poter superare le suddette problematiche, l’utilizzo di strategie e tecniche proprie dell’economia comportamentale potrebbe rappresentare

Sexting e revenge porn: quando ad essere colpevolizzata è la vittima
Psicologia

Sexting e revenge porn: quando ad essere colpevolizzata è la vittima

Uno studio di Scott e Gavin del 2018 ha indagato la percezione di responsabilità attribuita alla vittima di revenge porn che ha precedentemente praticato il sexting, da parte di altre persone non direttamente coinvolte.   Il sexting può essere definito come la trasmissione tramite mezzi elettronici di immagini o video

I giovani e la ricerca di sostegno psicologico: quali sono i principali ostacoli?
Psicologia

I giovani e la ricerca di sostegno psicologico: quali sono i principali ostacoli?

Lo studio preso in esame ha esaminato l’impatto dello stigma personale, lo stigma percepito e l’auto-stigma, sullo stigma del trattamento nella popolazione universitaria e quindi gli ostacoli alla ricerca di sostegno psicologico.   Gli studenti universitari costituiscono una parte della popolazione caratterizzata da specifici fattori di rischio rispetto alla salute

Messaggio pubblicitario

Si parla di

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Categorie

Messaggio pubblicitario