“Ricky And The Spider”: un videogame per bambini affetti da disturbo ossessivo-compulsivo

"Ricky And The Spider" è un nuovo Serious Game sviluppato dall'Università di Zurigo per il trattamento del disturbo ossessivo compulsivo.

ID Articolo: 3900 - Pubblicato il: 08 dicembre 2011
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

– Rassegna Stampa –

Ricky And The Spider è un nuovo Serious Game sviluppato dall’Università di Zurigo per il trattamento dell’OCD.

Rassegna Stampa - State of Mind - Il Giornale delle Scienze PsicologicheVideogames con finalità serie, anche definiti in termini tecnici Serious Games, vengono in aiuto agli psicoterapeuti nell’attuazione di trattamenti evidence-based per la cura del disturbo ossessivo-compulsivo. Il Center of Child and Adolescent Psychiatry presso l’ Università di Zurigo ha progettato e sviluppato il gioco digitale “Ricky and the Spider“. Il gioco include gli elementi chiave di un trattamento cognitivo-comportamentale, facilitando negli utenti la comprensione del disturbo delle sue conseguenze e del trattamento.

 

Progetto iSpectrum: un Serious Game per favorire l'inserimento nel mondo del lavoro di chi è affetto da autismo

Articolo consigliato: "Progetto iSpectrum: un Serious Game per favorire l'inserimento nel mondo del lavoro di chi è affetto da autismo"

Nel gioco, un ragno cerca di costringere Ricky la Cavalletta e Lisa la Coccinella a fare cose che in realtà non vorrebbero fare. Per esempio, a Ricky è concesso di attraversare il prato solo saltellando secondo un particolare percorso e Lisa è costretta a contare i puntini neri sulle proprie ali ogni sera prima di andare a letto. Temendo il ragno cattivo, i due personaggi si ritrovano sempre più intrappolati nella rete del “DOC”, finché Ricky a un certo punto del gioco può chiedere aiuto al Dr. Owl.

 

Sam, un amico virtuale per i bambini autistici

Articolo consigliato: "Sam, un amico virtuale per i bambini autistici"

Veronika Brezinka, responsabile della progettazione, sottolinea che “Il gioco è finalizzato a incoraggiare i bambini con diagnosi di DOC a confrontarsi con il loro di disturbo all’interno di una cornice di trattamento con uno psicoterapeuta, e non invece come un gioco di auto-aiuto”.

 

BIBLIOGRAFIA:

VOTA L'ARTICOLO
(Nessun voto)
State of Mind © 2011-2020 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario