Centri Clinici

Tolkien: la Bibbia senza sesso

ID Articolo: 2291 - Pubblicato il: 24 ottobre 2011
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

Tolkien - Licenza d'uso: Creative Commons - Owner: http://www.flickr.com/photos/maionese_paty/

 

L’opera di Tolkien affascina, ma dopo la lettura qualcosa sfugge. Forse è una sensazione che colpisce di più chi non è ancora abituato allo stile scattante dei best-seller moderni, sia fantasy che non. Il lettore cresciuto sul ritmo più lento del romanzo classico rimane in parte spaesato leggendo Tolkien. Solo lo Hobbit lo lascia del tutto convinto, con il suo ritmo favolistico e meraviglioso che richiama lo stile dei fratelli Grimm. Dalla sequenza iniziale dei nani che uno alla volta bussano alla porta di Bilbo alle scene del mutaforma uomo e orso, dall’apparizione arcana di Gollum e dei suoi indovinelli nelle grotte fino alle sequenze finali del drago, tutto suona perfettamente coinvolgente e perfettamente “letterario”. Qualunque cosa significhi questo termine.

Continua a leggere su Affari Italiani.

VOTA L'ARTICOLO
(Nessun voto)
State of Mind © 2011-2021 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Categorie

Messaggio pubblicitario