Paolo Mandolillo

Leggi tutti gli articoli di Paolo Mandolillo
Condividi
Paolo Mandolillo

Psicologo – Specializzando in Psicoterapia Psicoanalitica e Gruppoanalitica
Iscritto all'Ordine degli Psicologi della Regione Calabria - n° 1467

 

 

 

Di cosa mi occupo

 

Dopo le mie esperienze di tirocinio in strutture psichiatriche ed al consultorio familiare, dal 2013 a tutt'oggi esercito la libera professione nel mio studio privato di Reggio Calabria, occupandomi di adolescenti, adulti e coppie. Nel 2014 ho lavorato come psicologo presso la casa di cura "RSA La Rinascita" di Santa Caterina dello Ionio (CZ), successivamente ho continuato a crescere professionalmente prestando servizio al centro diurno per disabili mentali "Villa San Domenico" (2014) di Badolato (CZ) ed alla RSA-D e CRE "Santa Chiara" (dal 2015 al 2017) di San Giovanni in Fiore (CS). Attualmente lavoro da gennaio 2018 presso il Centro di prima accoglienza "Sant'Anna" di Ortì di Reggio Calabria.

Il sogno della mia vita è quello di lavorare in una struttura psichiatrica residenziale e definire un paradigma per il trattamento della psicosi, dalla prospettiva psico-sociale della recovery e della Psicoterapia Psicodinamica. A tal riguardo ho già documentato la mia esperienza clinica con pazienti psichiatrici (seguiti in RSA) presentando due miei casi clinici attraverso due poster scientifici presentati come primo autore al Congresso della Società Italiana di Psicopatologia (SOPSI) degli anni 2016 e 2017.

 

BIOGRAFIA

 

Sono nato e cresciuto a Reggio Calabria.

Il mio amore per lo studio della psiche umana nasce quando a 12-13 anni ho visto per la prima volta il film "Qualcuno volò sul nido del cuculo". Successivamente, mentre formalmente ero iscritto in un istituto tecnico per geometri, ho letteralmente divorato gli scritti di Freud e Jung restandone affascinato: così scelgo di iscrivermi con passione ed entusiasmo al corso di Laurea in psicologia dell'Università di Messina.

Ho conseguito a 23 anni la laurea triennale discutendo una tesi sperimentale sull'insight nella schizofrenia ed a 25 anni la laurea magistrale in psicologia argomentando le correlazioni tra la psicologia e la fisica quantistica.

Ho conseguito un master in sessuologia clinica e terapia di coppia ed attualmente sono iscritto al IV anno della Scuola di specializzazione in Psicoterapia Psicoanalitica e Gruppoanalitica di Reggio Calabria.

 



Contatti

Articoli di Paolo Mandolillo

La guerra fredda nei social network: meccanismi psicodinamici tra stati di WhatsApp e provocazioni su Facebook
Attualità Psicologia

La guerra fredda nei social network: meccanismi psicodinamici tra stati di WhatsApp e provocazioni su Facebook

Social Network: come gestiamo la fine di un’amicizia o di un’amore con Whatsapp e Facebook? Le teorie psicoanalitiche vedono in quei frangenti degli agiti regressivi che ci fanno perdere l’occasione di crescere anche di fronte ad una sconfitta

La vera forza della psicoterapia: il cambiamento epigenetico
Neuroscienze Psichiatria Psicologia Psicoterapia

La vera forza della psicoterapia: il cambiamento epigenetico

Epigenetica: le scienze mediche si stanno evolvendo a favore di un approccio integrato, che tenga conto della neuroplasticità del cervello umano. La psicoterapia potrebbe considerare il cambiamento epigenetico il fulcro della sua efficacia

Uno sguardo sull’universo di analogie tra la psicologia dinamica e la fisica quantistica
Psicologia Psicoterapia

Uno sguardo sull’universo di analogie tra la psicologia dinamica e la fisica quantistica

Psicoanalisi e Fisica quantistica hanno in comune molto più di quello che si possa pensare. Così come nella psicoanalisi si vive uno sforzo continuo verso la comprensione del paziente, anche i principi della fisica quantistica ci guidano verso la comprensione dell’altro, del mondo in cui viviamo e di noi stessi.

Psicoterapia psicodinamica per pazienti migranti: presupposti teorici e prassi clinica
Psicoterapia

Psicoterapia psicodinamica per pazienti migranti: presupposti teorici e prassi clinica

La psicoterapia psicodinamica con pazienti migranti, seppur ancora poco considerata tra le modalità di intervento, può rappresentare un’importante via di accesso all’elaborazione delle esperienze traumatiche di questi pazienti, grazie ad un lavoro sulla relazione terapeutica e sull’integrazione di un nuovo vero Sé.

Messaggio pubblicitario