expand_lessAPRI WIDGET

Psicologia penitenziaria

La psicologia penitenziaria promuove lo studio e il trattamento di individui incarcerati o coinvolti nel sistema di giustizia penale

Di Gloria Angelini

Pubblicato il 02 Apr. 2024

La psicologia penitenziaria

La psicologia penitenziaria rappresenta un campo disciplinare cruciale all’interno dei contesti carcerari, branca della psicologia giuridica e forense con cui condivide basi teoriche e metodologiche. 

La psicologia penitenziaria si occupa dello studio e della gestione del comportamento dei detenuti, delle dinamiche all’interno delle strutture carcerarie e delle relative sfide. Questa branca della psicologia svolge un ruolo fondamentale nell’analizzare e affrontare le complesse dinamiche psicologiche che si manifestano nelle strutture detentive, contribuendo a promuovere la sicurezza, la riabilitazione e, in definitiva, la reintegrazione nella società

In questo articolo esploreremo di cosa si occupa la psicologia penitenziaria, affrontando la definizione della disciplina e le sue radici storiche, il ruolo dello psicologo, i metodi e gli interventi utilizzati per affrontare le sfide psicologiche dei detenuti, sottolineando le sfide presenti nel contesto penitenziario.

Cos’è la psicologia penitenziaria e quali sono le linee guida

La psicologia penitenziaria, nota anche come psicologia carceraria o correttiva (traduzione dell’inglese “Correctional Psychology”), è una branca della psicologia forense che si concentra sullo studio e il trattamento di individui incarcerati, o coinvolti nel sistema di giustizia penale. È un campo multidisciplinare che attinge a varie discipline, tra cui psicologia, assistenza sociale, pedagogia, psichiatria e criminologia clinica. Implica la comprensione e l’approccio ai processi cognitivi, emotivi e comportamentali degli individui sottoposti a restrizioni di libertà, trattamenti di supporto e riabilitazione.

Il campo della psicologia carceraria è caratterizzato da specifici oggetti di studio e intervento, come i processi cognitivi, emotivi e comportamentali degli individui nelle strutture correzionali e di reinserimento. Il campo della psicologia carceraria è supportato da disposizioni normative, come l’articolo 80 della legge 348/1975, che consente l’impiego di professionisti esperti per le attività di osservazione e trattamento all’interno degli istituti di correzione.

Questi professionisti sono appunto gli psicologi carcerari, i quali forniscono valutazioni, interventi e supporto psicologico alle persone del sistema di giustizia penale, tra cui detenuti e persone in libertà vigilata. Gli psicologi carcerari possono essere coinvolti nella valutazione delle prestazioni condizionali o extramurali, nella valutazione dell’impatto dell’incarcerazione sul benessere degli individui e nella facilitazione dell’elaborazione critica del comportamento criminale.

Esistono linee guida professionali e principi etici specifici, delineati nelle Linee guida deontologiche della Società Italiana di Psicologia Penitenziaria e negli Elementi etici e deontologici per lo psicologo carcerario.

Cenni di storia di psicologia penitenziaria

La storia della psicologia penitenziaria affonda le sue radici nell’esplorazione delle dinamiche psicologiche in condizioni di detenzione e nell’evoluzione dei metodi di trattamento dei detenuti. Le origini di questa disciplina risalgono al XIX secolo, quando alcuni psicologi iniziarono a interessarsi agli aspetti comportamentali e mentali dei prigionieri. Si diffuse la consapevolezza che le tradizionali pratiche carcerarie dovevano essere integrate con approcci più umani e scientificamente fondati. Personaggi come Hugo Münsterberg e William Marston svolsero un ruolo chiave nell’introdurre metodologie psicologiche all’interno del sistema penitenziario, contribuendo a delineare i primi contorni di quella che oggi conosciamo come psicologia penitenziaria. Vennero incluse raccomandazioni per le strutture correzionali che prefiguravano l’evoluzione della psicologia correzionale, come la definizione di periodi di osservazione e screening per le persone appena entrate nelle strutture detentive, il rinvio delle persone con malattie mentali ai centri psichiatrici e la creazione di alloggi e programmi specializzati per i detenuti con problemi disciplinari.

William Thomas Root ha dato un contributo significativo al campo all’inizio del XX secolo, concentrandosi sull’influenza dell’ambiente sul comportamento umano e affrontando questioni come la criminalità, la disciplina e l’uso del tempo libero. Root e altri, come Philip Magaletta e Marc Patry, sono stati tra i primi a sostenere l’applicazione della telemedicina e della telepsicologia nell’ambiente correzionale, evidenziando la potenziale risorsa del fornire servizi psicologici nelle carceri attraverso la tecnologia.

Il ruolo del professionista della psicologia penitenziaria

Il professionista della psicologia penitenziaria svolge un ruolo cruciale nel contesto carcerario, impegnandosi in una vasta gamma di compiti e responsabilità mirati a comprendere e affrontare le sfide psicologiche dei detenuti. 

Tra le varie mansioni rientra la valutazione psicologica dei detenuti, che consente di individuare le specifiche esigenze e vulnerabilità di ciascun individuo. Questa valutazione fornisce la base per la creazione di interventi personalizzati volti alla riabilitazione, alla prevenzione della recidiva e al miglioramento del benessere psicologico, seguendo principi etici e linee guida professionali specifiche per la pratica del lavoro con le persone all’interno del sistema di giustizia penale, che siano essi incarcerati o in libertà vigilata. Infatti, gli psicologi carcerari possono essere coinvolti nella valutazione delle prestazioni condizionali o extramurali, nella valutazione dell’impatto dell’incarcerazione sul benessere degli individui e nella facilitazione dell’elaborazione critica del comportamento criminale.

Un aspetto fondamentale del ruolo del professionista della psicologia penitenziaria è la collaborazione stretta con il personale carcerario e altri professionisti, lavorando in sinergia per garantire un approccio olistico e coordinato alle esigenze psicologiche dei detenuti. La collaborazione facilita la progettazione e l’implementazione di programmi efficaci, mirati a promuovere il cambiamento positivo nei comportamenti e nelle attitudini dei detenuti. 

Gli obiettivi finali di questi interventi includono il sostegno alla riabilitazione individuale, la riduzione del rischio di recidiva e il miglioramento complessivo del benessere psicologico all’interno dell’ambiente penitenziario.

Metodi e interventi della psicologia penitenziaria

La psicologia penitenziaria si avvale di metodi e approcci mirati a comprendere e affrontare le sfide psicologiche presenti nel contesto carcerario. Perciò la valutazione psicologica dei detenuti rappresenta un tassello fondamentale, permettendo ai professionisti di valutare la loro salute mentale, i fattori di rischio e le esigenze terapeutiche, adottando così un approccio personalizzato nell’elaborazione di interventi. Queste valutazioni possono includere interviste, test psicologici e osservazioni comportamentali.

Gli interventi psicologici, sia individuali che di gruppo, giocano un ruolo cruciale nel promuovere la salute mentale e il cambiamento positivo dei detenuti. Gli incontri individuali consentono una focalizzazione più approfondita sui singoli casi e lo scopo delle sedute è quello di affrontare problemi psicologici specifici e promuovere la crescita personale e la riabilitazione, per esempio attraverso interventi psicoeducativi.

Le sessioni di gruppo favoriscono la condivisione e il supporto reciproco, offrendo ai detenuti l’opportunità di interagire, condividere esperienze e sviluppare capacità di coping. La terapia cognitivo-comportamentale (CBT) e altri interventi basati sull’evidenza sono comunemente usati per affrontare problemi come la gestione della rabbia, l’abuso di sostanze e i traumi, utilizzati quindi per promuovere abilità sociali, regolazione emotiva e comportamenti prosociali. Questi interventi possono essere terapie di gruppo, gruppi di sostegno o programmi psicoeducativi di gruppo.

Parallelamente, i programmi di formazione e riabilitazione sono progettati per equipaggiare i detenuti con competenze pratiche e risorse psicologiche, al fine di agevolare una reintegrazione efficace nella società, affrontando le cause alla base del comportamento criminale e promuovendo cambiamenti positivi. Possono includere anche programmi di formazione professionale per migliorare conoscenze e competenze.

Questi approcci combinati costituiscono la cornice attraverso cui la psicologia penitenziaria si impegna a offrire soluzioni personalizzate e mirate, favorendo la trasformazione individuale e contribuendo così al processo di riabilitazione all’interno del sistema penitenziario, grazie ai programmi educativi che promuovono lo sviluppo di competenze sociali.

Sfide e criticità della psicologia penitenziaria

La psicologia penitenziaria si trova ad affrontare una serie di sfide e criticità intrinseche al complesso contesto carcerario. 

Innanzitutto, le limitazioni delle risorse all’interno delle strutture penitenziarie rappresentano un vincolo importante. Il sovraffollamento carcerario, la scarsità di personale qualificato e le condizioni ambientali difficili possono ostacolare l’efficacia degli interventi psicologici, a causa di un limitato accesso ai servizi e alle risorse di salute mentale per i detenuti. 

Sovraffollamento e spazio fisico limitato nelle carceri sono solo alcuni esempi di limitazioni che possono influire sul benessere e sulla sicurezza dei detenuti. La mancanza di strutture organizzative chiare e ruoli definiti per gli psicologi all’interno del sistema carcerario, oltre alle sfide nel mantenimento della riservatezza e della privacy dovute alla natura dell’ambiente carcerario rendono difficoltoso per i detenuti impegnarsi in attività e programmi significativi a sostegno della riabilitazione e del reinserimento. Inoltre, la prevalenza dei disturbi di salute mentale tra i detenuti è significativamente più elevata rispetto alla popolazione generale, quindi la richiesta di valutazione e il trattamento è alta.

Un’altra sfida importante è rappresentata dalla stigmatizzazione e dalla resistenza al cambiamento, sia da parte dei detenuti che della società in generale. La psicologia penitenziaria si impegna proprio a superare queste barriere, promuovendo la comprensione e la consapevolezza dei bisogni psicologici dei detenuti e combattendo pregiudizi che potrebbero ostacolare il processo di riabilitazione. 

Inoltre, è importante mantenere un delicato bilanciamento tra sicurezza e obiettivi riabilitativi. La necessità di preservare l’ordine e la sicurezza all’interno delle strutture carcerarie coesiste con l’importanza di implementare programmi che favoriscano la riabilitazione. 

Affrontare queste sfide richiede un approccio olistico e la collaborazione stretta tra professionisti della psicologia penitenziaria, personale carcerario e altri attori coinvolti nel sistema penitenziario. Fortunatamente, diverse organizzazioni e società professionali, come la Società Italiana di Psicologia Penitenziaria, forniscono linee guida e risorse per gli psicologi carcerari, i quali collaborano anche con altre figure professionali, come assistenti sociali, professionisti medici e psichiatrici, per fornire assistenza e supporto completi ai detenuti.

Prospettive future per la psicologia penitenziaria

La psicologia penitenziaria si trova oggi di fronte a sfide dinamiche e, al contempo, ad opportunità di sviluppo che plasmeranno il suo futuro. Attualmente, gli sviluppi più rilevanti includono la crescente comprensione delle dinamiche di gruppo all’interno delle strutture carcerarie, che richiede l’integrazione di una prospettiva sociale più approfondita nel processo di riabilitazione. Tuttavia, nuove sfide emergono costantemente, come ad esempio la gestione della salute mentale in situazioni di isolamento prolungato e la necessità di rispondere in modo efficace alle esigenze di gruppi culturali specifici. 

Il campo sta esplorando pratiche basate sull’evidenza, come interventi cognitivo-comportamentali, interventi focalizzati sui traumi e interventi di giustizia riparativa. 

È fondamentale la collaborazione tra istituti penitenziari, professionisti della salute mentale e organizzazioni comunitarie per la continuità delle cure e il successo del reinserimento. 

Inoltre, la tecnologia sta assumendo un ruolo sempre più centrale nella psicologia penitenziaria, offrendo nuove possibilità per la valutazione, l’intervento e il monitoraggio continuo. L’impiego di strumenti tecnologici, come applicazioni e piattaforme online, potrebbe facilitare l’accesso ai servizi psicologici anche in ambienti remoti, contribuendo così a colmare eventuali disparità nell’assistenza. La telepsicologia, ad esempio, viene utilizzata per le valutazioni e la terapia, la realtà virtuale per lo sviluppo delle competenze e la desensibilizzazione, e il monitoraggio con dispositivi elettronici per la gestione del comportamento. 

Guardando al futuro, si prospettano miglioramenti sostanziali, quali una maggiore personalizzazione degli interventi in base alle esigenze individuali, l’implementazione di programmi preventivi più efficaci e una collaborazione sempre più stretta tra gli esperti di psicologia penitenziaria e altri professionisti del settore giuridico e sociale. Le prospettive future della psicologia penitenziaria sono intrinsecamente legate all’adozione di approcci innovativi e all’abilità di adattarsi a un panorama in continua evoluzione.

Una sintesi sulla psicologia penitenziaria

In sintesi, la psicologia penitenziaria emerge come un fondamentale tassello nella costruzione di sistemi penitenziari più efficaci, dove la comprensione delle dinamiche psicologiche costituisce la chiave per la riabilitazione e la prevenzione della recidiva. 

Riflettendo sull’importanza di questa disciplina, diventa evidente come la sua presenza possa influire positivamente sulla vita dei detenuti, favorendo cambiamenti significativi nei comportamenti e migliorando il loro benessere psicologico. L’interazione sinergica tra professionisti della psicologia penitenziaria, personale carcerario e altri attori coinvolti nel sistema giuridico si rivela fondamentale per il successo di tali sforzi. 

La psicologia penitenziaria, attraverso un costante dialogo e l’adozione di approcci innovativi, può svolgere un ruolo cruciale nella costruzione di sistemi penitenziari che non solo assicurino la sicurezza pubblica, ma promuovano anche il cambiamento positivo e la reintegrazione sociale.

Si parla di:
Categorie
SCRITTO DA
Gloria Angelini
Gloria Angelini

Redattrice di State of Mind

Tutti gli articoli
RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI
  • Consiglio Nazionale Ordine degli Psicologi. (n.d.) Psicologia penitenziaria. Disponibile qui.
  • Magaletta, P. R., Ternes, M. e Patry M. (2023). The History and Future of Correctional Psychology. Springer Nature.  
  • Polaschek, D. L. L.,  Day, A. e Hollin, C. R. (2019). The Wiley International Handbook of Correctional Psychology. WILEY Blackwell.
CONSIGLIATO DALLA REDAZIONE
Carcere, isolamento e malattia mentale: un ciclo che si autoalimenta
La malattia mentale e l’isolamento in carcere: un ciclo che si autoalimenta

Spesso la cattiva condotta di persone con malattia mentale in carcere è punita con l'isolamento, ma la malattia stessa sarebbe la causa del comportamento

ARTICOLI CORRELATI
Avere una infatuazione durante una relazione stabile: quali effetti sulla coppia?

Può capitare di avere una cotta al di fuori della propria relazione. Quando accade quali che effetti può avere sulla coppia?

Giornata Nazionale del Fiocchetto Lilla contro i Disturbi Alimentari – “Sempre più casi, ma sempre meno strutture”

In occasione della Giornata Nazionale del Fiocchetto Lilla contro i Disturbi Alimentari una riflessione sui dati e sulle strutture per la presa in carico

cancel