expand_lessAPRI WIDGET

L’intervento cognitivo-comportamentale per l’età evolutiva – Recensione

Il libro "L’intervento cognitivo-comportamentale in età evolutiva" costituisce un'ottima guida per il clinico che lavora con bambini e adolescenti

Di Marco Nicastro

Pubblicato il 06 Mar. 2023

Aggiornato il 08 Mar. 2023 00:09

Il libro “L’intervento cognitivo-comportamentale per l’età evolutiva” descrive in modo esemplare la fase di accoglienza dei genitori e del bambino/adolescente ed in seguito le varie tecniche cognitivo-comportamentali che è possibile utilizzare in psicoterapia.

 

Avere una guida chiara quando si intraprende il lavoro con i bambini e gli adolescenti è molto importante per un clinico, sia, nello specifico, se si è nella fase iniziale della propria carriera professionale, sia soprattutto per le difficoltà di lavoro con questa tipologia di utenti. Infatti, essendo in una fase evolutiva, quindi ricca di rapidi cambiamenti, ed essendo anche particolarmente soggetti all’influenza dell’ambiente esterno (in particolare quello familiare), non è facile capire se ci sia un problema di rilevanza clinica e di che tipologia specifica, perciò avere strumenti da poter utilizzare e un modus operandi generale che possa orientare sul da farsi risulta particolarmente rassicurante per il clinico.

Cerca di fornire questo orientamento e questi strumenti il libro di Mario Di Pietro “L’intervento cognitivo-comportamentale in età evolutiva” pubblicato da Erickson nel 2013. Già dal titolo si intende che si tratta di un testo che approfondisce gli aspetti dell’intervento terapeutico vero e proprio secondo un ben preciso orientamento teorico e in tal senso potrebbe non interessare a chi si sente distante da quell’orientamento. Tuttavia, il libro contiene alcuni capitoli di interesse generale per il clinico indipendentemente dalla sua formazione, utili a orientarsi appunto durante la fase di accoglienza e diagnosi del minore che accede al servizio.

Il libro descrive in modo esemplare la fase di accoglienza dei genitori e del bambino/adolescente con alcuni utili consigli, alcuni aspetti tipici di questa fascia di età che possono aiutare nella distinzione tra ciò che può considerarsi normale e ciò che invece può essere di rilevanza clinica, una riflessione sull’area del problema principale del paziente (se internalizzante o esternalizzante), infine la presentazione di alcuni strumenti (ovvero questionari) di facile e rapido utilizzo che sono inclusi nel CD-Rom allegato al libro e che permettono di fare un rapido screening dei problemi iniziali del giovane paziente.

 La restante parte del testo, che è quella principale, è costituita dalla descrizione delle varie tecniche cognitivo-comportamentali che è possibile utilizzare in psicoterapia, direttamente in seduta o attraverso i genitori. E sebbene appunto si tratti di informazioni che alcuni clinici, data la loro formazione, magari non utilizzeranno, può essere molto utile studiare alcune di queste che sono –a mio avviso– più trasversali e comunque possono essere utilizzate (e nella pratica certamente lo sono) anche da chi non aderisce a quello specifico orientamento teorico. Per esempio, alcuni interventi utili a rafforzare la consapevolezza emotiva o legati all’uso dei rinforzi e delle “punizioni” per modificare il comportamento, aspetto quest’ultimo che costituisce un elemento molto importante nel lavoro di potenziamento delle competenze educative dei genitori.

Un libro, come dicevo, dal chiaro taglio pratico (i capitoli sono brevi, ben strutturati e facilmente leggibili), che costituisce un’importante lettura per chi volesse avvicinarsi per la prima volta al lavoro con i pazienti in età evolutiva e affrontarlo in un modo strutturato ed economico, cosa molto importante in particolare per chi, lavorando come psicologo in ambito pubblico, si confronta sempre di più con la necessità di ottimizzare tempo e risorse a disposizione per la valutazione dei pazienti.

Si parla di:
Categorie
RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI
  • Di Pietro M., Bassi E., L’intervento cognitivo-comportamentale per l’età evolutiva. Strumenti di valutazione e tecniche di intervento, Erickson, Trento, 2013.
CONSIGLIATO DALLA REDAZIONE
DBT skills nelle scuole (2019) - Recensione del libro
DBT skills nelle scuole (2019) – Recensione

'DBT skills nelle scuole' vuole istruire gli insegnanti a riconoscere e gestire la disregolazione emotiva prevenendo così comportamenti a rischio futuri

ARTICOLI CORRELATI
La psicoterapia è efficace come i farmaci?

L'efficacia della psicoterapia viene spesso confrontata con l'efficacia dei trattamenti farmacologici in ambito psichiatrico e non. Cosa ne esce?

Le linee guida internazionali per la salute mentale

Le linee guida identificano le più recenti e solide evidenze scientifiche relativamente a diagnosi e trattamento in tema di salute mentale

cancel