L’aggressività alla guida

Oltre a una guida più veloce, tra i comportamenti negativi causati dalla rabbia alla guida si annoverano il tagliare la strada e il tailgating

ID Articolo: 193597 - Pubblicato il: 23 giugno 2022
L’aggressività alla guida
Messaggio pubblicitario SFU 2022

Guidare è un’attività praticata quotidianamente da milioni di persone e può essere molto stressante (Karimi et al., 2021); infatti, accade spesso che, durante la guida, il conducente del veicolo esperisca delle sensazioni di rabbia.

 

Messaggio pubblicitario  Sembra che i guidatori che esperiscono rabbia mentre guidano aumentino esponenzialmente il rischio di incidenti. Ad esempio, alcuni tendono a guidare più velocemente quando sono arrabbiati, oppure manifestano la loro rabbia con comportamenti aggressivi. Sembra che l’età sia una variabile importante in questo contesto. I guidatori più giovani, infatti, tendono a emettere comportamenti aggressivi alla guida e a infrangere le regole stradali molto più frequentemente rispetto a individui adulti.

Nel 2016, il numero di vittime causate da incidenti stradali è stato di 1,35 milioni e i numeri sono destinati ad aumentare (Brandenburg e Ohel, 2021). Ad esempio, in Germania comportamenti rischiosi e inadeguati attuati alla guida hanno mostrato una correlazione del 91% con gli incidenti mortali. Oltre a una guida più veloce, tra i comportamenti negativi causati dalla rabbia riscontrabili nell’attività della guida si annoverano il tagliare la strada, il fare sorpassi pericolosi e il tailgating, ovvero il “tallonare” inteso come l’atto di accorciare drasticamente e bypassare la distanza di sicurezza rispetto alla macchina davanti, cercando di causare agitazione nell’altro conducente.

L’espressione della rabbia alla guida

Sono state condotte numerose ricerche sui comportamenti aggressivi alla guida (Karimi et al., 2021). Deffenbacher e colleghi (1994) hanno sviluppato la Driving Anger Expression Inventory (DAX), che contiene 4 macro aree di espressione aggressiva: 3 aree si occupano di indagare le modalità aggressive con cui viene espressa la rabbia (aggressione verbale, aggressione fisica e utilizzo della macchina come mezzo per esprimere aggressività) e un’area indaga le modalità costruttive con cui esprimere aggressività e rabbia (Deffenbacher et al., 1994; Karimi et al., 2021). La DAX è uno strumento che è stato validato in molti paesi, come Francia, Turchia, Brasile, America e Nuova Zelanda (Karimi et al., 2021).

La DAX è risultata essere molto utile per misurare le conseguenze dei comportamenti aggressivi alla guida, poichè misura le frequenze di diversi tipi di risposta (Karimi et al., 2021). Inoltre, la DAX è utile anche perché riesce a individuare i guidatori che tendono a emettere più frequentemente comportamenti rischiosi alla guida (Karimi et al., 2021). In aggiunta, la DAX vede l’aggressività nella guida come un tratto di personalità associato a un’intensa e più frequente rabbia esperita mentre si guida (Brandenburg e Oehl, 2021).

Chi sperimenta rabbia alla guida?

Messaggio pubblicitario  Nel loro studio, Brandenburg e Oehl (2021) hanno condotto una ricerca su un campione di popolazione di 1136 individui tedeschi somministrando la DAX insieme al State-Trait Anger Expression Inventory (STAXI; Spielberger, 1999), con lo scopo di esaminare quali variabili demografiche possono influenzare l’esperienza della rabbia alla guida e di vedere se in Germania la tendenza a esperire rabbia alla guida è differente dagli altri paesi. I risultati hanno mostrato una moderata associazione tra l’espressione della rabbia alla guida e l’espressione della rabbia in generale, suggerendo l’ipotesi secondo la quale la rabbia esperita alla guida possa essere una caratteristica della personalità legata a come un individuo esperisce ed esprime la rabbia. Inoltre, l’esperienza della rabbia alla guida per la popolazione tedesca sembra essere differente dai guidatori di altri paesi. Infatti, i guidatori tedeschi hanno riportato una minore rabbia alla guida rispetto ai guidatori spagnoli o neozelandesi, livelli simili ai guidatori turchi e americani, e livelli maggiori rispetto ai guidatori francesi, australiani, inglesi e cinesi.

Tale ricerca è stata utile per tarare i livelli di rabbia alla guida nella popolazione tedesca, in modo da validare il test DAX in Germania (Brandenburg e Oehl, 2021). Sarebbe utile e interessante replicare la ricerca in Italia, per osservare i livelli di rabbia e aggressività alla guida tra i guidatori italiani e ottenere così uno strumento di valutazione specifico per il nostro Paese.

 

Consigliato dalla redazione

Psicologia del traffico: nuove prospettive di intervento

La psicologia del traffico. Un modo diverso di fare psicologia

La psicologia del traffico si occupa di prevenire e promuovere la salute pubblica e la mobilità analizzando il rapporto persona-ambiente e persona-veicolo

Bibliografia

State of Mind © 2011-2022 Riproduzione riservata.

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Messaggio pubblicitario