inTherapy

“Ai gatti neri porta sfortuna essere attraversati da un’auto”: il bias del gatto nero (BCB)

I gatti neri vengono percepiti come meno amichevoli e più aggressivi rispetto alle loro controparti non nere. Come mai esiste il bias del gatto nero?

ID Articolo: 181544 - Pubblicato il: 05 febbraio 2021
“Ai gatti neri porta sfortuna essere attraversati da un’auto”: il bias del gatto nero (BCB)
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

Esistono molti aneddoti sul “bias del gatto nero” (BCB), un fenomeno dove i gatti dal manto nero sono visti in modo negativo, sono adottati di meno e vengono fatti sopprimere in modo più frequente rispetto ai gatti di altri colori (Jones & Hart, 2019).

 

Messaggio pubblicitario Come mai esiste e come si è formata questa discriminazione? 

Esistono diverse ipotesi alla base di questa discriminazione: la prima è legata alla cultura religiosa. In molte culture, il colore nero ha una connotazione negativa ed è la rappresentazione simbolica della morte, del lutto e del diavolo (Adams & Osgood, 1973; Allan, 2009; Kaya & Epps, 2004; Sherman & Clore, 2009). È possibile che il gatto nero venga visto in modo sinistro per l’associazione superstiziosa che spesso viene fatta (Sherman & Clore, 2009). A livello psicologico, il colore nero gioca un ruolo chiave per la formazione di pregiudizi o di atteggiamenti superstiziosi: ad esempio, quando un gatto nero attraversa la strada, molte persone pensano alla sfortuna (Jones & Hart, 2019). La seconda ipotesi è che atteggiamenti razziali e pregiudizievoli nei confronti di persone con la pelle scura siano stati generalizzati verso gli animali: Meier e colleghi (2004) notarono come i colori brillanti vengono categorizzati come positivi, mentre quelli scuri sono categorizzati come negativi. Ci sono pregiudizi negativi associati alla tonalità della pelle, per questo motivo le persone con la pelle scura sono discriminate (Alter et al., 2016). Ci sono delle evidenze empiriche di come questa forma di pregiudizio venga applicata anche agli animali e non solo agli umani: i cani e i gatti neri vengono percepiti in modo più negativo rispetto alle loro controparti (animali bianchi o colorati) e vengono adottati meno (Brown & Morgan, 2015; Leonard, 2011; Lum et al., 2011; Reeger, 2011; Woodward et al., 2012; Workman, 2016). Quando un gatto viene selezionato per l’adozione, le persone evidenziano come due criteri importanti siano la giocosità e la amicalità (Sinn, 2016; Southland et al., 2019). Stelow e colleghi (2016) osservarono come il colore del manto del gatto non sia correlato ad una variazione nei livelli di aggressività, nonostante ciò, i gatti neri sono valutati come meno amichevoli rispetto ai gatti colorati e di conseguenza sono adottati di meno (Kogan et al., 2013; Workman e Hoffman, 2015). Questa valutazione potrebbe essere correlata alla percezione della mimica facciale: dato che gli umani usano i segnali micro-facciali per leggere segnali sociali ed emotivi (Bennet et al., 2017; Leyhausen, 1979), si ipotizza che il colore scuro del mantello dei gatti neri renda la lettura delle espressioni più difficile (Jones & Hart, 2019).

Messaggio pubblicitario Dato che oltre agli aneddoti esistono scarse evidenze empiriche, Jones e Hart (2019) hanno cercato di studiare il fenomeno esaminando le differenze degli atteggiamenti delle persone 1) mostrando foto di gatti neri o di altri colori, 2) valutandone l’aggressività percepita, l’affettuosità e la volontà di adottare, 3) esaminando se i livelli di religiosità, le credenze superstiziose e gli atteggiamenti razziali pregiudizievoli dei partecipanti fossero legati nello specifico ai gatti neri, infine 4) se tale pregiudizio fosse correlato ad una possibile difficoltà nel comprendere le emozioni dei gatti scuri. Il campione, composto da 101 soggetti – nello specifico, 17 uomini e 84 donne – sono stati reclutati tramite i social media. Il 75,2% dei partecipanti erano caucasici, il 24,8% dei partecipanti erano ispanici, afroamericani, asiatici e nativi americani. Per quanto riguarda le credenze religiose, il 68,3% dei partecipanti erano cristiani, il 24,7% agnostici o atei, 1% ebrei, 1% mussulmani e 5% altro.

I risultati indicano come, indipendentemente dall’etnia e dalle credenze religiose, i gatti neri vengono percepiti come meno amichevoli e più aggressivi rispetto alle loro controparti non nere (Jones & Hart, 2019). Tenendo in considerazione la religiosità, la superstizione e gli atteggiamenti razziali, i risultati indicano come solamente la superstizione prevede in modo significativo dei pregiudizi sfavorevoli contro i gatti neri. Infine, è stata confermata l’ipotesi secondo cui le persone che non riescono a identificare chiaramente le espressioni dei gatti neri hanno un pregiudizio più forte, in quanto la lettura delle emozioni è significativamente correlata con l’adozione (Jones & Hart, 2019).

 

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 3, media: 5,00 su 5)

Consigliato dalla redazione

Bias ed Euristiche

Bias ed Euristiche - Introduzione alla Psicologia Nr. 38

Le euristiche sono scorciatoie comode e rapide estratte dalla realtà, i bias cognitivi sono euristiche inefficaci e logorate, non basate su dati di realtà.

Bibliografia

  • Adams, F. M., & Osgood, C. E. (1973). A cross-cultural study of the affective meanings of color. Journal of Cross-Cultural Psychology, 4(2), 135–156.
  • Allan, K. (2009). The connotations of English colour terms: Colour-based X-phemisms. Journal of Pragmatics, 41(3), 626–637.
  • Alter, A. L., Stern, C., Granot, Y., & Balcetis, E. (2016). The bad is black effect: Why people believe evildoers have darker skin than do-gooders. Personality and Social Psychology Bulletin, 42(12), 1653–1665.
  • Brown, W. P., & Morgan, K. T. (2015). Age, breed designation, coat color, and coat pattern influenced the length of stay of cats at a no-kill shelter. Journal of Applied Animal Welfare Science, 18(2), 169–180.
  • Jones, H. D., & Hart, C. L. (2019). Black cat bias: Prevalence and predictors. Psychological Reports, 0(0), 1-9.
  • Kaya, N., & Epps, H. H. (2004). Relationship between color and emotion: A study of college students. College Student Journal, 38(3), 396–405.
  • Kogan, L. R., Schoenfeld-Tacher, R., & Hellyer, P. W. (2013). Cats in animal shelters: Exploring the common perception that black cats take longer to adopt. The Open Veterinary Science Journal, 7, 18–22.
  • Leonard, A. (2011). The plight of “Big black dogs” in American animal shelters: Colorbased canine discrimination. Kroeber Anthropological Society, 99(1), 168–183.
  • Lum, H. C., Nau, N., & McClellan, K. (2013, July). Exploring “black dog” syndrome: How color can influence perceptions of companion animals. Poster presented at the 22nd Annual Conference of the International Society of Anthrozoology, Chicago, IL, USA.
  • Meier, B. P., Robinson, M. D., & Clore, G. L. (2004). Why good guys wear white: Automatic inferences about stimulus valence based on brightness. Psychological Science, 15(2), 82–87.
  • Reeger, J. (2011, October 28). In animal shelters, some suffer from Black Cat Syndrome. Tribune-Review (Greensburg, PA) [serial online]. Retrieved from Newspaper Source, Ipswich, MA. Accessed November 26, 2017. https://archive.triblive.com/news/inanimal-shelters-some-suffer-from-black-cat-syndrome/
  • Sherman, G. D., & Clore, G. L. (2009). The color of sin: White and black are perceptual symbols of moral purity and pollution. Psychological Science, 20(8), 1019–1025.
  • Sinn, L. (2016). Factors affecting the selection of cats by adopters. Journal of Veterinary Behavior: Clinical Applications and Research, 14, 5–9.
  • Southland, A., Dowling-Guyer, S., & McCobb, E. (2019). Effect of visitor perspective on adoption decisions at one animal shelter. Journal of Applied Animal Welfare Science, 22(1), 1–12.
  • Stelow, E. A., Bain, M. J., & Kass, P. H. (2016). The relationship between coat color and aggressive behaviors in the domestic cat. Journal of Applied Animal Welfare Science, 19(1), 1–15.
  • Woodward, L., Milliken, J., & Humy, S. (2012). Give a dog a bad name and hang him: Evaluating big, black dog syndrome. Society & Animals, 20, 236–253.
  • Workman, M. K., & Hoffman, C. L. (2015). An evaluation of the role the Internet site Petfinder plays in cat adoptions. Journal of Applied Animal Welfare Science, 18(4), 388–397.
  • Workman, M. K. (2016). Perceptions of personality: How what we see influences our perceptions about and behavior toward companion animals. In M. PreRgowski (Ed.) Companion animals in everyday life (pp. 61–72). New York, NY: Palgrave Macmillan.
State of Mind © 2011-2021 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Messaggio pubblicitario