Messaggio pubblicitario ISC Congresso 2019

Il rischio di sviluppare un secondo disturbo mentale, a seguito di una prima diagnosi

Diagnosi di disturbo mentale: uno studio condotto su 5,9 milioni di persone afferma che chi riceve la prima probabilmente riceverà anche la seconda

ID Articolo: 162106 - Pubblicato il: 07 febbraio 2019
Il rischio di sviluppare un secondo disturbo mentale, a seguito di una prima diagnosi
Messaggio pubblicitario SFU Presentazioni Settembre 2019
Condividi

l rischio di sviluppare un secondo disturbo mentale aumenta dopo una prima diagnosi iniziale, secondo una nuova ricerca condotta dal professor John McGrath del Queensland Brain Institute di UQ e dalla Aarhus University.

Adriano Mauro Ellena

 

Il professor McGrath e i colleghi hanno esaminato i dati sanitari di un campione di 5,9 milioni di individui danesi, preparando così lo studio più ampio e completo che sia mai stato condotto sulla comorbilità – ovvero lo sviluppo di due o più disturbi mentali.

Messaggio pubblicitario San Giorgio fino al 15 Luglio

Diagnosi di disturbo mentale: lo studio su 5,9 milioni di persone

I ricercatori hanno monitorato la salute mentale di ciascuna persona per lunghi periodi di tempo. Ciò ha portato alla scoperta sorprendente che il rischio di una seconda diagnosi di un disturbo mentale, rimane elevato, anche quindici anni dopo una diagnosi iniziale.

Nei primi sei mesi dalla diagnosi iniziale, il rischio di una seconda diagnosi è molto alto: per esempio, le persone diagnosticate con un disturbo dell’umore come ad esempio la depressione, hanno un rischio molto alto di essere diagnosticate con un disturbo d’ansia nei primi sei mesi dalla diagnosi – ha detto il professor McGrath – Dopo il primo anno questo rischio diminuisce in modo sostanziale, ma poi si stabilizza e rimane 2 o 3 volte più alto di quelli senza un precedente disturbo, anche quindici anni dopo la diagnosi iniziale. È importante sottolineare che il risultato è stato pervasivo – lo abbiamo trovato in tutte le coppie di disturbi che abbiamo studiato.

Messaggio pubblicitario NETWORK CLINICA

Diagnosi di disturbo mentale: riflessioni sui risultati

I risultati sono gli stessi anche per alcune coppie di disturbi, non importa quale sia venuto prima. Ad esempio, una diagnosi iniziale di depressione era altrettanto probabile che fosse seguita da una seconda diagnosi di ansia e viceversa.

È importante sottolineare che le persone che avevano meno di 20 anni al momento della comparsa del loro primo disturbo mentale erano significativamente più a rischio di sviluppare un secondo disturbo nei 10-15 anni successivi e questa vulnerabilità è stata riscontrata nella maggior parte delle coppie di disturbi.

Non solo lo studio è il più ampio e completo nel suo campo, ma la sua presentazione innovativa dei risultati ha fissato un nuovo standard per l’epidemiologia – ha affermato il professor McGrath – Abbiamo fornito un atlante dettagliato e completo dei modi in cui i disturbi mentali si raggruppano insieme a disposizione del pubblico e speriamo che questo aiuti a migliorare la clinica e la ricerca futura.

Il prossimo passo per il professor McGrath e i suoi colleghi è quello di estendere lo studio per identificare i rischi tra i disturbi mentali e la successiva insorgenza di condizioni mediche generali, come l’epilessia, l’emicrania, gli attacchi cardiaci e il diabete.

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 1, media: 5,00 su 5)

Consigliato dalla redazione

Depressione e Ansia: effetti delle patologie psichiatriche sulla salute fisica

Quali sono gli effetti della depressione e dell'ansia sulla salute fisica?

Depressione e ansia sono fattori negativi per la salute fisica degli individui che hanno conseguenze sull'organismo equiparabili all’obesità e al fumo.

Bibliografia

  • University of Queensland. (2019, January 17). Risk for developing more than one mental health disorder revealed. ScienceDaily. Retrieved January 27, 2019 from www.sciencedaily.com/releases/2019/01/190117090515.htm
  • Oleguer Plana-Ripoll, Carsten Bøcker Pedersen, Yan Holtz, Michael E. Benros, Søren Dalsgaard, Peter de Jonge, Chun Chieh Fan, Louisa Degenhardt, Andrea Ganna, Aja Neergaard Greve, Jane Gunn, Kim Moesgaard Iburg, Lars Vedel Kessing, Brian K. Lee, Carmen C. W. Lim, Ole Mors, Merete Nordentoft, Anders Prior, Annelieke M. Roest, Sukanta Saha, Andrew Schork, James G. Scott, Kate M. Scott, Terry Stedman, Holger J. Sørensen, Thomas Werge, Harvey A. Whiteford, Thomas Munk Laursen, Esben Agerbo, Ronald C. Kessler, Preben Bo Mortensen, John J. McGrath. Exploring Comorbidity Within Mental Disorders Among a Danish National Population. JAMA Psychiatry, 2019; DOI: 10.1001/jamapsychiatry.2018.3658
State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario DEFAULT SU NETWORK FORMAZIONE
Messaggio pubblicitario DEFAULT SU NETWORK FORMAZIONE

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Sono citati nel testo

Università e centri di ricerca

Categorie