Lo stress può contribuire allo sviluppo della Depressione tardiva

Lo stress ossidativo è una condizione patologica causata dalla rottura dell'equilibrio fisiologico fra la produzione e l'eliminazione di sostanze chimiche ossidanti. Tale squilibrio sembra giocare un ruolo importante nello sviluppo di depressione tardiva in soggetti di età avanzata.

ID Articolo: 153481 - Pubblicato il: 05 aprile 2018
Lo stress può contribuire allo sviluppo della Depressione tardiva
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

È ormai noto che lo stress ossidativo è implicato nella fisiopatologia dei disturbi dell’umore nei giovani adulti. Un recente studio ha cercato di valutare il suo ruolo anche nello sviluppo di forme di depressione tardiva in soggetti anziani.

 

Messaggio pubblicitario Lo stress ossidativo è una condizione patologica causata dalla rottura dell’equilibrio fisiologico, in un organismo vivente, fra la produzione e l’eliminazione, da parte dei sistemi di difesa antiossidanti, di sostanze chimiche ossidanti. Lo squilibrio tra i produttori di stress ossidativo e antiossidante può contribuire allo sviluppo della depressione tardiva.

Gli individui con depressione tardiva, cioè sviluppata in età avanzata (LLD), hanno livelli F2-isoprotani più elevati rispetto agli individui di confronto sani, suggerendo un aumento della perossidazione lipidica durante l’episodio depressivo. Livelli più alti di F2-isoprotano sono stati anche correlati a peggiori prestazioni cognitive tra individui LLD.

Era già noto che lo stress ossidativo fosse implicato nella fisiopatologia dei disturbi dell’umore nei giovani adulti. Tuttavia, ci sono pochi dati a sostegno del suo ruolo negli anziani. Un recente studio è andato proprio verso questa direzione, cercando di valutare se i soggetti con depressione in età avanzata (LLD) presentavano variazioni nella risposta allo stress ossidativo rispetto al gruppo di controllo non depresso. Il team di ricerca ha quindi esplorato i marcatori di stress ossidativo associati a caratteristiche specifiche di LLD, in particolare le prestazioni cognitive e l’età di esordio del disturbo depressivo maggiore in questi individui.

Hanno incluso un campione di 124 individui, 77 con LLD e 47 soggetti non depressi (gruppo di controllo) e misurato i livelli plasmatici di 6 marcatori di stress ossidativo. I risultati indicano che i partecipanti con LLD avevano livelli di 8-isoprostano liberi significativamente più alti (p = 0,003) e attività di glutatione perossidasi inferiore (p = 0,006) rispetto ai controlli. I livelli liberi di 8-isoprostano erano anche significativamente correlati con punteggi peggiori nei compiti iniziali, nella perseveranza (r = -0.24, p = 0.01), concettualizzazione (r = -0.22, p = 0.02) e i punteggi totali (r = -0,21, p = 0,04).

Messaggio pubblicitario Questo studio fornisce una solida evidenza dello squilibrio tra il danno da stress ossidativo, in particolare la perossidazione lipidica, e le difese antiossidanti come meccanismo correlato alla depressione in età avanzata e il deterioramento cognitivo in questa popolazione. Gli interventi volti a ridurre il danno da stress ossidativo possono avere un potenziale effetto neuroprotettivo per i soggetti di età avanzata.

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 3, media: 3,67 su 5)

Bibliografia

  • Diniz, B.S., Mendes-Silva, A.P., Barroso Silva, L., Bertola, L., Costa Vieira, M., Diniz Ferreira, J., Nicolau, M., Bristot, G., Dias da Rosa, E., Teixeira, A.L., Kapczinski, F., (2018) Oxidative stress markers imbalance in late-life depression; PlumX Metrics: https://doi.org/10.1016/j.jpsychires.2018.02.023
State of Mind © 2011-2021 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Categorie

Messaggio pubblicitario