Nuove cellule staminali sono state trovate nel cervello degli adulti

Uno studio ha messo in luce come si formano le nuove cellule staminali nel cervello degli adulti durante tutto l'arco della vita.

ID Articolo: 152085 - Pubblicato il: 21 febbraio 2018
Nuove cellule staminali sono state trovate nel cervello degli adulti
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

Gli autori del presente studio sono riusciti a rintracciare per la prima volta le singole cellule staminali e la loro progenie neuronale all’interno del cervello adulto. Questo studio fa luce su come i nuovi neuroni vengano prodotti durante l’intero arco della vita.

 

Come si formano le nuove cellule staminali nel cervello adulto

Messaggio pubblicitario La generazione di cellule nuove si pensava finisse al termine dello sviluppo embrionale, tuttavia recenti ricerche hanno dimostrato che il cervello adulto può generare nuove cellule per tutta la vita. Una delle aree in cui questo accade è l’ippocampo, una struttura cerebrale implicata in molti dei processi di apprendimento e memoria, svolge un ruolo importante nella formazione delle memorie esplicite e nella trasformazione della memoria a breve termine in memoria a lungo termine.

In un nuovo studio pubblicato su Science, il laboratorio di Sebastian Jessberger, professore del Brain Research Institute dell’Università di Zurigo, ha mostrato per la prima volta il processo attraverso il quale le cellule staminali neurali si dividono e i neuroni neonati si integrano nell’ippocampo del topo adulto. Lo studio, condotto da Gregor Pilz postdoc e dalla studentessa di dottorato Sara Bottes, ha utilizzato l’imaging in vivo a 2 fotoni e l’etichettatura genetica delle cellule staminali neurali per osservare le divisioni delle cellule staminali nel momento in cui si sono verificate, e per seguire la maturazione delle nuove cellule fino ai due mesi.

Osservando le cellule in azione e nel tempo, il team ha mostrato come la maggior parte delle cellule staminali si dividono solo per pochi round prima che maturino nei neuroni. Questi risultati offrono una spiegazione sul perché il numero di cellule appena nate diminuisce drasticamente con l’avanzare dell’età. “In passato era ritenuto tecnicamente impossibile seguire le cellule staminali monocellulari nel cervello nel corso del tempo, data la profonda localizzazione dell’ippocampo nel cervello“, ha detto Jessberger.

Messaggio pubblicitario Ha aggiunto che la svolta è stata resa possibile solo formando una squadra interdisciplinare. “Siamo stati fortunati che un gruppo di collaboratori, tra cui Fritjof Helmchen del Brain Research Institute e David Jörg e Benjamin Simons dell’Università di Cambridge, si siano uniti per mettere insieme le loro competenze nell’imaging cerebrale profondo e nella modellazione teorica, che ci ha permesso di ottenere e interpretare i nostri dati.”

Lo studio ha risposto a domande di lunga data, ma i ricercatori hanno affermato che questo è solo l’inizio di molti altri esperimenti volti a capire come i nostri cervelli siano in grado di formare nuove cellule per tutta la vita. “In futuro, speriamo di essere in grado di utilizzare cellule staminali neurali per la riparazione del cervello – ad esempio per malattie come l’invecchiamento cognitivo, il morbo di Parkinson e l’Alzheimer o la depressione maggiore“, riassume Jessberger.

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 6, media: 4,00 su 5)

Bibliografia

State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Università e centri di ricerca

Riviste scientifiche

Categorie

Messaggio pubblicitario