Assumere antidepressivi incrementa il rischio di episodi maniacali e disturbi bipolari

L'assunzione di antidepressivi può aumentare il rischio di episodi maniacali e disturbi bipolari, sebbene non sia chiaro il meccanismo alla base

ID Articolo: 116714 - Pubblicato il: 08 gennaio 2016
Assumere antidepressivi incrementa il rischio di episodi maniacali e disturbi bipolari
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

L’incidenza di episodi maniacali ed ipomaniacali nei pazienti depressi sembra spesso doversi imputare al trattamento farmacologico impiegato. Tuttavia, non è stato chiarito il meccanismo attraverso il quale tali farmaci possano predisporre i pazienti depressi a sviluppare questi episodi.

Nel dettaglio, ad oggi sappiamo che gli episodi maniacali acuti si associano all’uso di antidepressivi triciclici (TCA) e a doppia azione (es: SNRI), come ad esempio la venlafaxina. Tra i fattori di rischio più importanti per l’insorgenza del disturbo bipolare vi è una precedente storia familiare del disturbo, un episodio depressivo con sintomi psicotici, la diagnosi di depressione in giovane età ed infine la depressione resistente ai trattamenti.

Nel tentativo di stabilire l’incidenza di episodi maniacali, ipomanicali e del disturbo bipolare tra i pazienti depressi, i ricercatori guidati dal dr. Patel hanno esaminato le cartelle cliniche di 21012 soggetti con un’età compresa tra 16 e 65 anni, che stavano ricevendo un trattamento farmacologico per la depressione unipolare (criteri ICD-10) la cui storia psichiatrica era esente da episodi maniacali o disturbi bipolari.

Gli antidepressivi più comunemente prescritti erano SSRI (35,5%), mirtazapina (9,4%), venlafaxina (5,6%) e i triciclici (4,7%). In seguito, il team di ricerca ha valutato l’incidenza di successive diagnosi di disturbo bipolare ed episodi maniacali tra i pazienti considerati.

Messaggio pubblicitario L’analisi ha rivelato che il rischio complessivo (annuo) di una nuova diagnosi di disturbo bipolare e di episodi maniacali nel periodo considerato (2006-2013) era del 1,1%, ovvero circa 10,9 pazienti su 1000. Inoltre, il picco di tali diagnosi avveniva tra i 26 e i 35 anni, range nel quale il rischio di nuove diagnosi arrivava al 1,2%.

Dalle analisi statistiche è stato possibile osservare come un qualsiasi precedente trattamento farmacologico antidepressivo era associato ad un aumentato rischio di successive diagnosi di disturbo bipolare e/o episodi maniacali; tale rischio oscillava tra il 1,3% e il 1,9%. Ulteriori analisi hanno rivelato come il rischio maggiore fosse associato all’impiego di SSRI e venlafaxina. Questi farmaci, infatti, risultavano associati ad un aumento del rischio di disturbi bipolari e/o episodi maniacali del 34-35%.

Tra i limiti della ricerca sicuramente vi è l’impossibilità di inferire alcun rapporto di causa-effetto tra le variabili, trattandosi appunto di uno studio osservazionale. Inoltre, i ricercatori hanno voluto sottolineare la possibilità che l’aumento del rischio delle patologie soprammenzionate potesse dipendere più da potenziali disturbi bipolari latenti piuttosto che dal trattamento farmacologico. Infine, non è stato possibile raccogliere adeguatamente tutte le informazioni riguardanti i fattori di rischio del disturbo bipolare e dell’episodio maniacale. Tuttavia, i risultati di questo studio ci invitano a riflettere sull’importanza dell’influenza dei farmaci antidepressivi (ma non solo) sulle patologie in comorbilità nei pazienti depressi.

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 10, media: 3,60 su 5)

Consigliato dalla redazione

Rassegna Stampa - State of Mind - Il Giornale delle Scienze Psicologiche

Antidepressivi & Gravidanza: Si Può?

Antidepressivi & Gravidanza: Assumere antidepressivi durante la gravidanza non ha alcun effetto sulla crescita del bambino durante il suo primo anno di vita

Bibliografia

  • Patel, R., Reiss, P., Shetty, H., Broadbent, M., Steward, R., McGuire, P. & Taylor, M. (2015). Do antidepressants increase the risk of mania and bipolar disorder in people with depression? A retrospective electronic case register cohort study. BMJ Open, 5(12): e008341.  DOWNLOAD
State of Mind © 2011-2020 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Sono citati nel testo

Categorie

Messaggio pubblicitario