Centri Clinici

Uomo e cane: le origini dell’amicizia più lunga del mondo (2)

Vari scienziati studiano il legame uomo-cane, da alcuni studi emerge persino l'esistenza di una relazione d'attaccamento tra i due, come tra madri e figli

ID Articolo: 116499 - Pubblicato il: 24 dicembre 2015
Uomo e cane: le origini dell’amicizia più lunga del mondo
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

Fai come faccio io!

Molto della cultura umana è basato sull’apprendimento sociale. Il linguaggio, le regole della società e l’uso degli oggetti, sono trasmessi dai membri più anziani a quelli più giovani e da pari a pari. I cani sono molto propensi ad imparare osservando. Questa abilità è molto diffusa nel mondo animale, ma apprendere da rappresentanti di un’altra specie è molto più raro. Da poco tempo la scienza ha iniziato ad esplorare questa capacità.

Uno dei più comuni test per le abilità osservative è un semplice compito di deviazione chiamato detour task, nel quale il cane posto al di là di una recinzione di 3 metri di lunghezza deve raggiungere un target: del cibo o un gioco. In uno studio del 2001, il comportamentalista animale Peter Pongràcz, ed il suo gruppo, hanno mostrato come i cani che vivono in famiglia necessitano in media di 6/7 tentativi per padroneggiare questo compito, ma gli basta osservare una volta un cane esperto eseguire il compito per compierlo a loro volta. I cani apprendono in egual modo dagli esseri umani.

Il gioco che noi umani facciamo con i nostri bambini per insegnargli i comportamenti adeguati aiuta i ricercatori a capire come i cani imparano osservando. Madri e padri spesso mostrano una specifica azione (per esempio, come toccarsi il naso con un dito) ed incoraggiano i figli a fare altrettanto. Nel 2006 Topàl e i suoi colleghi sono stati i primi a dimostrare che le persone potevano insegnare allo stesso modo ai cani.

Cooperazione: siamo pratici

Nella società occidentale moderna i cani sono spesso amati solo perché sono cani. Ma probabilmente oggi non ci sarebbero se non avessero dimostrato di essere così utili alle società del passato; svolgendo compiti di difesa del territorio, proteggendo il gregge e trainando slitte. Oggi i cani continuano a svolgere compiti di pubblica utilità, ad esempio nelle unità cinofile di polizie, eserciti e squadre di soccorso, così come i cani che aiutano le persone con disabilità fisiche e psichiche. Inoltre, i cani guida per disabili forniscono non solo un aiuto pratico nelle attività quotidiane, ma hanno un importante ruolo sociale: l’amicizia. Infatti, un elemento vitale della competenza sociale dei cani riguarda le loro impressionanti capacità di cooperazione. In un un’utile relazione di collaborazione ogni individuo deve dimostrare autocontrollo, tenere ben presenti gli obiettivi dell’altro e imparare quando è il suo turno. Degli studi hanno dimostrato che i cani guida possiedono queste competenze.

Messaggio pubblicitario I cani possono collaborare in compiti nei quali sembrano capire le conseguenze di una azione di collaborazione. In uno studio pubblicato nel 2014, gli psicologi Ljerka Ostojic e Nicola Clayton si sono occupati dell’abilità dei cani di risolvere un compito di problem solving chiamato loose-string task. Nella predisposizione classica ai 2 partner è data una scatola dalla quale spuntano i capi di una medesima corda. Se entrambi i cani prendono un capo e tirano simultaneamente riusciranno a muovere l’oggetto target, posizionato sul fondo della scatola, in modo da avvicinarlo e poterlo afferrare. Tirando solamente un capo della corda, questa si sfilerà dall’apparato senza che nulla venga mosso. Durante l’esperimento i cani imparano a ricevere il premio quando coordinano i loro comportamenti, sia che si tratti di un compagno umano, che di un altro cane. Così, essi sono stati in grado di riconoscere la specifica azione che era necessaria da mettere in pratica per avere successo. Questo rapido sviluppo di cooperazione tra il cane e l’altro partner spiega perché sono così bravi ad aiutare noi umani in compiti di precisione come guidare una persona non vedente per le strade caotiche di una città.

I cani nel futuro High-Tech

L’invasione della moderna tecnologia nella vita di tutti i giorni potrebbe aver portato i proprietari di cani a pensare come la relazione con i loro compagni di vita potrebbe evolvere nell’era digitale. Già oggi i cani hanno iniziato ad interagire con la tecnologia e anche a creare delle partnership ad hoc con alcuni dispositivi. In un recente studio pubblicato su Plos One la comportamentalista animale Anna Gergely ha provato a mandare a dei cani del cibo attraverso una macchinina telecomandata. Dopo alcune interazioni, iniziano a guardarla, a toccarla o a spingerla, se questa non si muove più, come se volessero che la macchinina facesse il suo dovere.

In superficie, le azioni che i nostri amici a quattro zampe mettono in pratica con gli strumenti tecnologici sono simili a quelle messe in pratica con i proprietari in circostanze simili. In linea di principio, se l’abilità del dispositivo diventa più complessa, dovrebbe diventarlo anche la relazione cane-macchina. Questa relazione potrebbe avere anche dei risvolti positivi.

In un progetto recente guidato dall’ingegnere informatico Bernard Plattner, i ricercatori hanno testato l’idea che la ricerca di persone disperse nei boschi o in aree di montagna potrebbe essere più efficace se i gruppi di ricerca fossero accompagnati da gruppi di cani e da piccoli aerei dotati di telecamere. La comportamentalista animale Linda Gerencser ha lavorato in collaborazione con l’addestratrice cinofila Barbara Kerekes per insegnare a 4 cani a seguire un robot aereo ad una distanza di 100-150 metri. Hanno inoltre insegnato agli animali a fermarsi nel seguire i robot ed iniziare a cercare il disperso con l’olfatto se vedevano la macchina sorvolare una specifica area. I cani avrebbero poi avvertito i soccorritori umani abbaiando se avessero trovato la persona.

I ricercatori credono che con lo sviluppo della tecnologia queste macchine potrebbero migliorare le prestazioni dei gruppi di soccorso tradizionali, specialmente se i cani imparassero a riconoscere i robot volanti come compagni di squadra – ai quali potrebbero rispondere con lo stesso entusiasmo con cui rispondono a noi.

La vita dell’essere umano si sta sviluppando sempre più lontano dalla natura, ed i cani non saranno mai in grado di comprendere la mole di questi cambiamenti. Le loro competenze sociali, però, potranno aiutarli ad imparare a vivere in una società in evoluzione proprio come hanno fatto fin dall’inizio del loro viaggio al nostro fianco.

L'articolo continua nelle pagine seguenti : 1 2

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 15, media: 3,87 su 5)

Consigliato dalla redazione

Dognition: il website per scoprire quanto è intelligente il nostro cane

Il Dott. Hare, antropologo evoluzionista, ha creato Dognition, un sito web che aiuta i cinofili a capire meglio la mente del loro amico a quattro zampe.

Bibliografia

State of Mind © 2011-2021 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario