Messaggio pubblicitario Master DA 2020

La depressione post-partum: cos’è e come riconoscerla?

La depressione post-partum insorge nelle settimane dopo il parto e si caratterizza per umore depresso, anedonia, autosvalutazione, alterazioni fisiologiche.

ID Articolo: 115838 - Pubblicato il: 26 novembre 2015
La depressione post-partum: cos’è e come riconoscerla?
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

Depressione Post-partum – Il periodo della gravidanza e del post-partum è un momento di grande vulnerabilità per la donna. Fin dal concepimento infatti si verificano una serie di cambiamenti non solo esterni, ma soprattutto interni. Per questo motivo la gravidanza viene considerata un’esperienza di “crisi”, in cui la donna acquisirà una nuova organizzazione psichica.

La gravidanza e il parto

I nove mesi di gestazione da un lato permettono alla futura madre di preparare al neonato un suo spazio fisico nel mondo reale, dall’altro le consente di riorganizzare i propri spazi interiori, di creare nella sua mente uno spazio adatto a contenere l’idea di un bambino e di sé come genitore.

Alcune donne hanno difficoltà ad accettare lo stato di gravidanza, provando sentimenti contrastanti, di felicità, di paura, di preoccupazione per ciò che le attende. Queste reazioni sono in realtà condivise da molte donne, ma non sempre vengono espresse, nel timore di sentirsi “diverse” e giudicate come inadeguate. È molto importante saper “leggere” i propri stati interni, perché tristezza, sconforto e ansia possono trasformarsi in veri e propri sintomi di depressione.

Messaggio pubblicitario Quando il bambino nasce le cose possono complicarsi ulteriormente, poiché i due neogenitori si trovano spesso impreparati nello svolgimento del loro nuovo ruolo. Inoltre, sappiamo che per la donna il post partum è caratterizzato da un rapido cambiamento ormonale, che può favorire l’insorgere di un’alterazione dell’umore, nella maggior parte dei casi transitoria. Solo il 10-15% della popolazione generale arriva a manifestare sintomi clinicamente significativi per una depressione post-partum. Questi sintomi non sono transitori e possono persistere anche per diversi anni.

L’interesse riscontrato per la depressione post-partum è legato al forte impatto che ha non solo sulla donna, ma anche sul padre e sul bambino. Ma quali sono i sintomi e come si può riconoscere?

 

Sintomi della Depressione post-partum

Per fare diagnosi di depressione post-partum è necessario individuare almeno cinque sintomi tra i seguenti per un arco di tempo di almeno due settimane:

  • umore depresso
  • anedonia (perdita di piacere)
  • modificazione del peso e/o dell’appetito
  • alterazione del sonno
  • astenia (perdita di energie)
  • isolamento
  • sentimenti di colpa e di inutilità bassa autostima, impotenza e disvalore
  • ansia e relativi connotati somatici
  • perdita della libido
  • riduzione della concentrazione
  • pensieri ricorrenti di morte e/o progettualità di suicidio
  • agitazione o rallentamento psicomotorio.

I sintomi nel linguaggio delle mamme si possono tradurre così:
– Umore depresso, labilità emotiva, tristezza e perdita di piacere:

“Ogni cosa ha perso il suo colore”
“Piangerei sempre”
“Non voglio vedere nessuno”
“Per un attimo mi sento benissimo e un attimo dopo sono di nuovo a terra”

– Mancanza di energia, confusione mentale e difficoltà di concentrazione:

“Sono così stanca…”
“Tutto quello che faccio è una fatica”
“Non riesco a prendere decisioni”
“Sono confusa e ho la mante annebbiata”

– Senso di disperazione, inadeguatezza e pensieri pessimisti, a volte pensieri di morte. Sentirsi prive di valore, senso di colpa e biasimo:

“Non sono capace di fare niente”
“Agli altri interessa solo il mio bambino, non come mi sento io”
“Perché sto così male adesso che ho questo bellissimo bambino?”
“Mi sono appena seduta e il bambino ricomincia a piangere”
“A volte penso che tutti starebbero molto meglio se io non ci fossi più”

– Sintomi ansiosi, irritazione:

“Mi sento in allarme”
“Sento che sto per esplodere”
“Ho le palpitazioni, il respiro corto”
“Mi sento un nodo alla gola”

– Alterazione funzioni neurovegetative (sonno, appetito, libido):
“Non sopporto di essere toccata”
“Mi sveglio presto”
“Non ho appetito”
“Mangio senza un freno”

Alcune donne possono presentare solo alcuni di questi sintomi senza soddisfare i criteri per la diagnosi di depressione post-partum. Si può trattare infatti di altri disturbi come il disturbo dell’adattamento con umore depresso.

Messaggio pubblicitario Quando lo stress che la donna vive nel periodo immediatamente dopo la nascita del bambino è una reazione momentanea alle richieste del neonato o di altri membri della famiglia, non viene fatta alcuna diagnosi. In questi casi fornire informazioni, rassicurazioni e ascolto possono bastare.
Altre volte le difficoltà a concentrarsi, a prendere decisioni e a prendere sonno possono derivare da ansia grave. A meno che non sia presente anche un umore depresso, non si parla di depressione post-partum, ma di un disturbo d’ansia che necessita comunque di un trattamento specifico. È bene però ricordare che la presenza di un certo grado di ansia in un quadro depressivo è una caratterista comune della depressione post-partum.

 

Quando si manifesta la depressione post-partum?

I primi sintomi possono cominciare a manifestarsi già nella 3-4 settimana successiva al parto, manifestandosi clinicamente tra il quarto e il sesto mese, con segnalazioni di casi anche fino ai nove mesi. Questi sintomi non vanno però confusi con la maternity blues, un lieve disturbo emozionale transitorio di cui soffrono più della metà delle donne nei primi giorni dopo il parto e che si risolve spontaneamente entro una settimana senza particolari conseguenze sulla mamma e sul neonato.

Quando la mamma o le persone che le stanno vicine riconoscono i sintomi della depressione post-partum o notano che il malessere persiste per più di due settimane è bene rivolgersi a uno psicologo, che attraverso un colloquio, specifici test e l’osservazione clinica potrà consigliare il percorso di trattamento migliore. Uno tra i trattamenti più efficaci è quello cognitivo-comportamentale (CBT). Prima si interviene, migliore è la prognosi.

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 10, media: 4,70 su 5)

Consigliato dalla redazione

TabletPC, un aiuto nella diagnosi della Depressione Post-Partum - Immagine: 65703646

Depressione Post-Partum: la tecnologia al servizio della diagnosi

Garantisce una migliore raccolta delle informazioni cliniche, che potrebbero altrimenti risultare parziali.

Bibliografia

State of Mind © 2011-2020 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario