Non crediamo in bio: il cibo come fede – L’editoriale di Altroconsumo

Psicologia & Alimentazione: pubblichiamo l'editoriale di Rosanna Massarenti di Altroconsumo in merito all'inchiesta di Altroconsumo sul cibo biologico.

ID Articolo: 114511 - Pubblicato il: 13 ottobre 2015
Non crediamo in bio: il cibo come fede – L’editoriale di Altroconsumo
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

Editoriale di Rosanna Massarenti, pubblicato su Altroconsumo.

 

Non crediamo in bio: forse è stato questo titolo a turbare e a scatenare reazioni al nostro articolo sul biologico (vedi a pag. 63). Bene, non era né casuale né scelto con leggerezza. Era anzi volutamente provocatorio per far riflettere – e magari discutere, come è avvenuto – su quello che è il nuovo approccio al cibo, quasi un credo, una religione.

Il cibo è legato alla nostra visione del mondo, ai nostri valori, ma anche a paure profonde. E in un mondo che si fa sempre più minaccioso, anche decidere che cosa mangiare è diventato motivo di ansia. Si cerca qualcosa di rassicurante, che ci metta in pace con noi stessi, forse anche di salvifico. E nel biologico spesso si trova sicurezza, per la propria salute, ma anche per la propria coscienza.

Messaggio pubblicitario I presupposti di alcuni regimi alimentari sono non solo condivisibili, ma devono essere al centro di battaglie su cui tutti dovremmo impegnarci, come la salvaguardia della natura, il rispetto degli animali, i diritti dei lavoratori, l’attenzione alla salute. Il problema sta nel fatto che certe adesioni fideistiche rischiano di diventare vere ossessioni, come quella per il bio o per il veganesimo (vedi a pag. 25), che a volte sfociano in forme di integralismo.

Allo stesso modo, certe ansie per la forma fisica o la magrezza sono placate con perniciose soluzioni pseudosalutistiche che stanno inducendo sempre più persone ad adottare regimi alimentari insensati, punitivi e carenti dal punto di vista nutrizionale: latte e derivati, glutine, carboidrati sono diventati il demonio, incubi allergenici da cui sfuggire.

Il rischio è cadere in fobie o nuove forme di disturbi alimentari, come l’ortoressia, il terrore di introdurre nel nostro corpo qualcosa di impuro.

La verità è che dietro la buona fede di chi ci crede, ci sono mercati globali milionari che prosperano. E il cibo convenzionale – di cui si nutre la maggioranza delle persone, che ha pur sempre diritto a mangiar sano – non è per forza il demonio. La crescente richiesta di alimenti biologici crea grandi occasioni di business: non sono tutti campi di grano, fattorie e caprette sull’erba, come vuole l’immaginario, e anche molte multinazionali dell’alimentare o catene di distribuzione sono entrate in questo fiorente mercato.

Fare informazione indipendente è anche questo: vedere le cose con occhio obiettivo e su basi scientifiche e razionali. Saper sfidare l’impopolarità, non essere accondiscendenti solo per non urtare qualche sensibilità. Altrimenti, il mondo è pieno di siti e riviste di cucina e di salute che vi raccontano quello che volete sentirvi dire, per poi comprare contenti quello che altri decidono che compriate.

Nella prossima pagina l’inchiesta di Altroconsumo.it sul cibo biologico.

L'articolo continua nelle pagine seguenti : 1 2 3

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 3, media: 4,67 su 5)

Consigliato dalla redazione

Aldi_Ortoressia_Costanza Prinetti 2103

Ortoressia nervosa: quando mangiare bene non fa più bene.

Ortoressia: siamo costantemente sottoposti ad un bombardamento di informazioni su ciò che fa bene o fa male alla salute, sugli alimenti “buoni” e “cattivi”.
State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario