Quale empatia? L’importanza di utilizzare l’empatia con flessibilità

L'empatia è collante in una relazione di cura, eppure va utilizzata in maniera flessibile, a seconda delle persone o delle situazioni in cui interagiamo.

ID Articolo: 114585 - Pubblicato il: 19 ottobre 2015
Quale empatia? L’importanza di utilizzare l’empatia con flessibilità
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

Could a greater miracle take place than for us to look through each other’s eyes for an instant?

(H.D.Thoreau)

L’utilizzo dell’empatia è una questione di etica professionale, dal momento che contribuisce al principio basilare del rispetto dell’autonomia del paziente. Eppure va utilizzata in maniera flessibile, a seconda delle persone o delle situazioni in cui interagiamo.

In un recente articolo su una rivista di dermatologia, la dott.ssa S. Olbricht spiega l’importanza dell’empatia nel contesto medico. La definisce come il processo di esperire, comprendere, prendere consapevolezza ed essere sensibili alle emozioni, ai pensieri e ai vissuti di altre persone sia nel momento presente, che in ricordi passati, senza provare o aver provato in prima persona quelle emozioni, pensieri e vissuti, e senza che essi siano stati comunicati in maniera esplicita. Un’altra definizione, o più semplicemente un altro modo di concepire l’empatia, è vedendola come la curiosità per la prospettiva emotiva di un’altra persona. Non è la partecipazione, che consiste invece nel condividere le emozioni di un’altra persona influenzandosi reciprocamente, e non è la compassione, che è l’emozione che ci induce ad aiutare qualcuno.

Piuttosto, l’empatia è una forma di conoscenza, pur riflessiva e personale: utilizzando il paragone con le relazioni di cura (delle quali la diade medico-paziente è un esempio) è come se il medico fosse per un attimo al posto del paziente. Un medico empatico conserva sempre il senso di sé, così da poter essere determinato ed obbiettivo nel valutare le informazioni che gli vengono fornite. L’empatia è apertura verso sé stessi (chiedendosi ad esempio: Perché ho questa strana sensazione riguardo al modo in cui il paziente mi sta guardando?), e apertura verso l’altro (chiedendosi invece Perché il suo piede si sta muovendo nervosamente?). Non solo una forma di conoscenza, ma un’abilità che può essere praticata e in cui si può diventare esperti, l’empatia è fatta di osservazione, ascolto, introspezione e riflessione, ripetute ciclicamente fino al momento in cui si riesce a giungere ad una conclusione. E’ un processo cognitivo che riconosce la presenza di un conflitto di interessi in maniera rispettosa e non giudicante. E’ una manifestazione del fatto che il curante è pienamente presente alla situazione e alla persona, ma senza provare in prima persona le emozioni di preoccupazione e pietà.

Messaggio pubblicitario L’autrice di questo articolo passa in rassegna alcune buone motivazioni per cui i medici dovrebbero aggiungere l’empatia alla loro cassetta degli attrezzi. Innanzitutto, anche se la fisiologia dell’empatia non è compresa appieno, è certo che abbia un effetto fisiologico nella relazione medico-paziente: la concordanza della conduttanza cutanea tra paziente e medico è risultata positivamente correlata con la percezione del paziente dell’empatia del medico (Marci et al., 2007). Inoltre, alcuni studi hanno verificato che l’empatia del medico, misurata come l’abilità di comprendere i bisogni del paziente, incoraggia la collaborazione del paziente, favorisce il sollievo dal dolore e la guarigione stessa, in studi su pazienti con cancro in stadio avanzato (Lelorain et al., 2015) o che hanno subito un intervento chirurgico conseguente ad un trauma (Steinhausen et al., 2014). Inoltre, l’empatia può rendere più facile e veloce il processo del prendere una decisione condivisa riguardo ad un piano di trattamento.

L’utilizzo dell’empatia è una questione di etica professionale, dal momento che contribuisce al principio basilare del rispetto dell’autonomia del paziente. Promuove il lavoro di squadra e un approccio integrato nella cura del paziente. L’empatia può avere un suo spazio terapeutico specifico: dalle ricerche di psicologia cognitiva (Decety et al., 2015) emerge che l’empatia consente di gestire le emozioni in maniera positiva e funzionale a livello sociale, in modo da facilitare anche l’adattamento ai cambiamenti del contesto. L’empatia riduce il rischio di incorrere nei sintomi e nelle conseguenze del burnout, sindrome a cui sono particolarmente esposti tutti i professionisti nell’ambito della salute.

Un articolo di O. Klimecki apparso pochi giorni fa su Social Neuroscience conferma che le emozioni sociali sopra citate, l’empatia e la compassione, oltre a facilitare le interazioni interpersonali, possono anche essere allenate con training specifici, grazie alla plasticità neurale funzionale dei circuiti che ad esse sottendono. Tuttavia, da questo articolo emerge che un eccessiva condivisione empatica della sofferenza può incrementare le emozioni negative e l’attivazione dell’insula e della corteccia cingolata anteriore (circuito neurale della minaccia e della disconnessione sociale). Al contrario, il training per la compassione può rafforzare le emozioni positive e l’attivazione della corteccia mediale orbito-frontale e dello striato (circuito neurale della ricompensa e della connessione sociale). Tali evidenze di neuroimaging sono in linea con i risultati degli esperimenti comportamentali (Leiberg et al., 2011) che sottolineano come la compassione sia connessa a gesti di aiuto e perdono, mentre lo stress empatico non solo diminuisce i comportamenti di aiuto, ma è anche associata con l’incremento dei comportamenti aggressivi.

In linea con questo studio, c’è anche chi, provocatoriamente ma non troppo, sostiene che il mondo abbia bisogno di un po’ meno empatia. Oliver Burkeman (2014), in un articolo apparso sulla rivista Internazionale lo scorso anno, riferendosi alle parole dello psicologo Paul Bloom (2014), passa in rassegna i bias (gli errori sistematici) a cui essa è soggetta: ad esempio, ci è più facile provarla per le persone che hanno un bell’aspetto e per quelle della nostra stessa razza. Siamo anche soggetti alla trappola della vittima identificabile, che ci fa preoccupare di più per un unico bambino scomparso che non per le migliaia che potrebbero essere danneggiate da una certa politica del governo.

L'articolo continua nelle pagine seguenti : 1 2Bibliografia

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 5, media: 4,20 su 5)

Consigliato dalla redazione

Si può imparare ad essere più empatici? Tre consigli per capire meglio gli altri - Immagine: 78154142

Si può imparare ad essere più empatici? Tre consigli per capire meglio gli altri

Nonostante l'empatia faccia parte dell'essere umano, ci capita a volte di non voler essere empatici. Esistono però tre metodi per capire meglio gli altri.

Bibliografia

State of Mind © 2011-2020 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Si parla di

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Sono citati nel testo

Riviste scientifiche

Categorie

Messaggio pubblicitario