inTherapy

La caffeina contrasta lo stress cronico

Secondo un recente studio, un maggior consumo di caffeina diminuirebbe l'insorgenza di depressione e preverrebbe le alterazioni cerebrali stress indotte.

ID Articolo: 112613 - Pubblicato il: 31 luglio 2015
La caffeina contrasta lo stress cronico
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

 

Un maggior consumo di caffeina diminuirebbe la probabilità di sviluppo di depressione e preverrebbe le alterazioni cerebrali stress indotte.

Un recente studio condotto presso l’Università di Coimbra in Portogallo, ha messo in luce la relazione esistente tra l’assunzione di caffeina e lo stress cronico. Un maggior consumo di caffeina diminuirebbe la probabilità di sviluppo di depressione e preverrebbe le alterazioni cerebrali stress indotte.

Messaggio pubblicitario È noto che lo stress rappresenti un importante fattore di rischio per lo sviluppo di conseguenze cognitive, emotive, fisiche e comportamentali negative, come depressione, perdita di memoria e di concentrazione. In particolare la ricerca, pubblicata su Proceedings of the National Academy of Sciences (Pnas), fornisce nuove conoscenze sui meccanismi molecolari alla base della correlazione tra consumo di caffeina e disturbi psichiatrici.

Le molecole di caffeina agiscono legandosi principalmente ai recettori dell’adenosina e bloccandoli. La ricercatrice Manuella P. Kaster e colleghi hanno osservato il comportamento dei topi sottoposti a situazioni stressanti, che includevano letto umido, la condivisione dello spazio di vita con gli altri, la privazione di acqua e cibo, bagni freddi e gabbie inclinate a 45 °; è emerso che lo stress altera sia il comportamento che le sinapsi, molte delle quali appaiono atrofizzate, soprattutto nell’ippocampo, regione preposta al consolidamento della memoria e all’inibizione comportamentale. I circuiti ippocampali infatti sono ricchi di recettori dell’adenosina.

Lo studio ha previsto il coinvolgimento di due ulteriori gruppi di topi (sottoposi alle stesse situazioni stressanti del primo gruppo): uno geneticamente modificato in modo che i neuroni non esprimessero i recettori dell’adenosina, l’altro di topi normali in cui tali recettori erano stati bloccati farmacologicamente.

Messaggio pubblicitario Bloccando il funzionamento dell’adenosina in condizioni di stress cronico nei topi e somministrando loro caffeina, si è osservato come questi avessero migliori prestazioni di memoria e sinapsi meno atrofizzate rispetto al gruppo di topi stressati ma non trattati con la caffeina.

L’assunzione di caffeina potrebbe essere un tentativo inconsapevole di questi animali di auto-medicarsi, allentando la tensione e riducendo l’incidenza di depressione.

Potrebbe, in tal modo, essere spiegata la necessità impellente di caffeina da parte di chi è sottoposto a condizioni continue di stress; inoltre questa scoperta potrebbe aprire la strada a un nuovo possibile approccio alla terapia dei disturbi dell’umore e della memoria dovuti allo stress cronico.

 

ARTICOLO CONSIGLIATO:

Stress Inoculation Training: intervento psicoterapeutico per le cognizioni disfunzionali da stress

BIBLIOGRAFIA:

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 2, media: 5,00 su 5)
State of Mind © 2011-2021 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Sono citati nel testo

Università e centri di ricerca

Messaggio pubblicitario