Messaggio pubblicitario Master DA 2020

Ricadute nella depressione & attenzione selettiva verso volti rabbiosi

E' stato dimostrato che donne con precedenti episodi depressivi prestano maggiore attenzione rispetto al gruppo di controllo ai volti che esprimono rabbia.

ID Articolo: 111513 - Pubblicato il: 02 luglio 2015
Ricadute nella depressione & attenzione selettiva verso volti rabbiosi
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

FLASH NEWS

Più dell’80 % delle persone che hanno avuto un episodio di depressione maggiore rischiano che l’episodio si ripresenti di nuovo nel corso della loro vita. Tra i meccanismi cui può essere attribuita l’elevata percentuale di ricaduta vi è l’attenzione selettiva verso certi stimoli.

In una recente ricerca è stato analizzato il bias attentivo verso determinate espressioni facciali in un gruppo di donne con un passato di episodi depressivi e in un gruppo di controllo.

Messaggio pubblicitario A ogni soggetto venivano mostrate espressioni facciali neutre, tristi, felici o arrabbiate.

Il risultato è interessante: utilizzando la tecnica dell’eye-tracking è emerso che le donne con una storia anamnestica di depressione prestavano maggiore attenzione ai volti che esprimevano rabbia e collera.

Inoltre, i ricercatori hanno rivalutato nel corso dei successivi due anni le medesime donne per monitorare gli episodi di ricadute depressive. Tra le donne con storia di depressione, sono proprio coloro che prestano maggiore attenzione ai volti rabbiosi ad avere maggiore rischio di recidiva del disturbo nel medio termine.

In qualche misura è come se i soggetti a maggior rischio di ricaduta depressiva fossero iper-vigili alle espressioni facciali frequentemente legate al criticismo, al conflitto e alla svalutazione. Infine gli autori speculano sulle ricadute applicative considerando la possibilità di mettere a punto training attentivi sulle espressioni facciali nelle psicoterapie per la depressione.

 

ARTICOLO CONSIGLIATO:

La depressione e i pensieri negativi e pessimisti circa se stessi e il proprio futuro

BIBLIOGRAFIA:

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 2, media: 5,00 su 5)
State of Mind © 2011-2020 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Categorie

Messaggio pubblicitario