Messaggio pubblicitario PERFORMAT SRL BANNER 2020-02

Terapia Metacognitiva (MCT) – Definizione Psicopedia

La PsicoTerapia Metacognitiva (MCT) agisce a livello metacognitivo per ridurre stili di pensiero ripetitivi e negativi, come la ruminazione e il rimuginio

ID Articolo: 107194 - Pubblicato il: 09 marzo 2015
Terapia Metacognitiva (MCT) – Definizione Psicopedia
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

La Terapia Metacognitiva (MCT) mira ad aiutare i pazienti a sviluppare nuovi modi di reagire ai pensieri negativi attraverso nuovi modi di controllare l’attenzione e modificando regole metacognitive controproducenti.

La Terapia Metacognitiva (Metacognitive Therapy o MCT) è una forma di psicoterapia di recente sviluppo che ha introdotto un nuovo modo di concettualizzare e trattare i disturbi psicologici. L’approccio MCT è basato su una teoria introdotta da Adrian Wells e Gerald Matthews (1994) ed è stato applicato inizialmente al trattamento del Disturbo d’Ansia Generalizzata (Wells, 1995, 2000). In seguito la Terapia Metacognitiva è stata estesa a tutti i disturbi d’ansia e alla depressione con numerose evidenze sull’efficacia del trattamento che propone (per una sintesi vedi Norman, van Emmerik e Molina, 2014).

Messaggio pubblicitario La metacognizione è l’aspetto del funzionamento mentale che controlla i processi attentivi e di pensiero. Molte persone hanno dirette esperienze metacognitive, per esempio quando sono incapaci di ricordare il nome di una persona pur sapendo di conoscerlo.

Questo esempio chiarisce come le componenti metacognitive lavorino per informare una persona che un ricordo è immagazzinato da qualche parte nella memoria anche se le persone non sono in grado di ricordarlo.

Molti altri aspetti della metacognizione operano al di fuori della nostra coscienza. Una delle caratteristiche dei disturbi psicologici come ansia e depressione è che il pensiero ripetitivo negativo (nelle forme di rimuginio o ruminazione) viene percepito come difficile da controllare o tendenzialmente produce prospettive distorte della realtà che alimentano stati d’animo negativi.

Questa modalità di funzionamento viene definita Sindrome Cognitivo-Attentiva (Cognitive Attentional Syndrome o CAS). La CAS consiste solitamente in rimuginio, ruminazione, fissazione dell’attenzione su stimoli minacciosi e strategie di coping disfunzionali. La CAS è controllata da credenze e regole metacognitive. 

La Terapia Metacognitiva ha come obiettivo ridurre questo stile di pensiero, vale a dire rimuovere la CAS, e riportarla sotto il controllo cosciente.

Messaggio pubblicitario La MCT mira ad aiutare i pazienti a sviluppare nuovi modi di reagire ai pensieri negativi attraverso nuovi modi di controllare l’attenzione e modificando regole metacognitive controproducenti.

Protocolli di intervento basati sulla teoria metacognitiva sono stati sviluppati per il trattamento dei disturbi d’ansia e della depressione (Wells, 2008).

 

ARTICOLO CONSIGLIATO:

Terapia Metacognitiva: come non usare la mente per controllare la mente! Congresso SITCC 2014

 

BIBLIOGRAFIA:

  • Norman, N., van Emmerik, A.A. & Morina, N. (2014). The efficacy of metacognitive therapy for anxiety and depression: a meta-analytic review. Depression & Anxiety, 31(5), 402-411.
  • Wells, A. (1995). Cognitive Therapy of Anxiety Disorders: A practice manual and conceptual guide. Chichester, UK: Wiley. Trad it. Trattamento cognitivo dei disturbi d’ansia. Milano: Mc-Graw-Hill
  • Wells, A. (2000). Emotional Disorders and Metacognition: Innovative Cognitive Therapy. Chichester, UK: Wiley. Trad it. Disturbi Emozionali e Metacognizione. Nuove strategie di psicoterapia cognitiva. Trento: Edizioni Erikson, 2002. ACQUISTA ONLINE
  • Wells, A.(2008). Metacognitive Therapy for Anxiety and Depression. New York: Guilford. Trad it. Terapia Metacognitiva dei Disturbi d’Ansia e della Depressione. Firenze: Eclipsi.
  • Wells, A., & Matthews, G. (1994). Attention and Emotion. A Clinical Perspective. Hove, UK: Erlbaum.
VOTA L'ARTICOLO
(voti: 7, media: 4,29 su 5)
State of Mind © 2011-2020 Riproduzione riservata.
Condividi

Articoli che trattano questo argomento

Disturbo Ossessivo-Compulsivo: Terapie Cognitivo-Comportamentale e Metacognitiva di gruppo a confronto
Psicologia Psicoterapia

Disturbo Ossessivo-Compulsivo: Terapie Cognitivo-Comportamentale e Metacognitiva di gruppo a confronto

Il Disturbo Ossessivo-Compulsivo (DOC), con una prevalenza lifetime nella popolazione di circa il 2%, rappresenta una patologia psichiatrica debilitante e cronica (Kessler et al., 2005), tanto da essere classificato come uno dei 10 disturbi più debilitanti del mondo (World Health Organization, 1999).   Sia che si tratti della sua forma

Terapia Metacognitiva per Pazienti con Disturbo da Uso di Alcol
Psicoterapia

Terapia Metacognitiva per Pazienti con Disturbo da Uso di Alcol

Il Disturbo da Uso di Alcol (AUD) è definito dal DSM 5 come una patologia caratterizzata dall’incessante desiderio di consumare la sostanza (craving), una mancanza di controllo sul suo utilizzo e situazioni problematiche, pericolose e dannose in cui il soggetto si ritrova a causa del bere (APA, 2013).   Un

Terapia Metacognitiva per pazienti sopravvissuti al cancro
Psicologia Psicoterapia

Terapia Metacognitiva per pazienti sopravvissuti al cancro

Un recente studio pubblicato su Frontiers in Psychology (Fisher et al., 2019), ha indagato l’efficacia della Terapia Metacognitiva (MCT) su pazienti sopravvissuti al cancro che riportavano sintomi psicologici negativi in seguito alle cure, spesso particolarmente invasive, appena terminate.   In Inghilterra, negli ultimi 15 anni, vi è stato un incremento

Bambini e metacognizione: sintomi, metacredenze e attention control in presenza o assenza di disturbi d’ansia
Psicologia Psicoterapia

Bambini e metacognizione: sintomi, metacredenze e attention control in presenza o assenza di disturbi d’ansia

I disturbi d’ansia sono fra i disturbi più comuni nei bambini e negli adolescenti, con una prevalenza stimata tra il 3 e il 20% (Costello et al., 2005); sono associati a numerosi problemi di sviluppo, psicosociali e psicopatologici come un cattivo rendimento scolastico e difficoltà con il gruppo di pari

I meccanismi neurobiologici della Terapia Metacognitiva
Psicologia Psicoterapia

I meccanismi neurobiologici della Terapia Metacognitiva

Uno studio recentemente pubblicato su Frontiers in Psychology, indaga i meccanismi neurobiologici che stanno alla base dei cambiamenti clinici osservabili nei pazienti con Disturbo Ossessivo-Compulsivo in Terapia Metacognitiva (Winter et al., 2019).   Grazie all’utilizzo delle tecniche di neuroimaging, negli ultimi anni i meccanismi neurobiologici correlati alle modificazioni cognitive e

La Terapia Metacognitiva per bambini e adolescenti con Disturbo da Stress Post-traumatico
Psicologia Psicoterapia

La Terapia Metacognitiva per bambini e adolescenti con Disturbo da Stress Post-traumatico

La Terapia Metacognitiva (MCT, Wells, 2009) si è dimostrata negli ultimi anni un’alternativa alle terapie tradizionalmente adottate per trattare adulti con Disturbo da Stress Post-traumatico (PTSD). Nonostante queste evidenze, non sono ancora presenti studi sulla sua efficacia su bambini e adolescenti.   Una ricerca recente ha esplorato gli effetti della

Terapie di terza ondata – Introduzione alla Psicologia
Psicologia Psicoterapia

Terapie di terza ondata – Introduzione alla Psicologia

Le terapie di terza ondata sono tutte quelle nuove forme di psicoterapia che si evolvono a partire dalla terapia cognitiva standard, aventi come scopo un lavoro sui processi cognitivi che sostanziano e mantengono i differenti sintomi da cui deriva disagio mentale. Realizzato in collaborazione con la Sigmund Freud University, Università di

Terapia Metacognitiva e Depressione: un follow-up rivela l’efficacia della terapia a un anno di distanza dal primo trattamento
Psicologia Psicoterapia

Terapia Metacognitiva e Depressione: un follow-up rivela l’efficacia della terapia a un anno di distanza dal primo trattamento

Il Disturbo Depressivo Maggiore (DDM) rappresenta a tutti gli effetti una reale problematica dei nostri tempi, data la sua prevalenza all’interno della popolazione e la sua natura tragicamente ricorrente. Un recente studio mostra le potenzialità della Terapia Metacognitiva per i disturbi depressivi.   Hagen e colleghi (2017) hanno condotto uno

L’importanza delle meta credenze nel disturbo da uso di alcol
Psicologia Psicoterapia

L’importanza delle meta credenze nel disturbo da uso di alcol

Nel disturbo da uso di alcol è possibile rilevare la presenza di metacredenze relative all’alcol stesso, che si distinguono in positive, quando consistono nell’aspettativa che questo permetta di ottenere effetti benefici, e negative, quando riguardano le convinzioni relative agli esiti disfunzionali legati ad esso.   La ricerca relativa alla psicoterapia applicata ai Disturbi da

Trattare il Disturbo Borderline di Personalità con la Terapia Metacognitiva: un possibile punto di svolta
Psicoterapia

Trattare il Disturbo Borderline di Personalità con la Terapia Metacognitiva: un possibile punto di svolta

I successi ottenuti dalla Terapia Metacognitiva (MCT) nel trattamento dei disturbi dello spettro ansioso (Nordahl et al., 2018; Normann & Morina, 2018) e dei disturbi depressivi (Wells, 2009), hanno spinto gli autori del recente studio pubblicato su Frontiers in Psychology (Nordhal e Wells, 2019) a indagare le potenzialità della MCT

Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Sono citati nel testo

Categorie

Messaggio pubblicitario