Salute e malattia: uomini e donne a confronto

Se per gli uomini più sono i sintomi maggiore è la preoccupazione, per le donne invece è la personalità a fare la differenza sulla gestione della malattia..

ID Articolo: 107298 - Pubblicato il: 05 marzo 2015
Salute e malattia: uomini e donne a confronto
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

FLASH NEWS

Per gli uomini è più una questione di numeri: più sono i sintomi maggiore è la preoccupazione, per le donne invece è la personalità a fare la differenza sulla gestione della malattia ma la reazione non cambia al cambiare dei sintomi.

Uno dei tanti luoghi comuni a proposito delle differenze tra uomini e donne riguarda come si affronta la malattia. Nonostante ormai persino le pubblicità ironizzino sulle esagerate reazioni maschili ai più banali sintomi influenzali, viene comunque da chiedersi se sia davvero così.

Una recente ricerca dimostra che effettivamente sia il genere che la personalità influenzano il modo in cui si affronta la malattia.

Robert Rosenman e i suoi colleghi della Washington State University hanno infatti condotto uno studio longitudinale che ha coinvolto 2859 persone del Regno Unito in cui, tra altre cose, hanno registrato dati circa le loro malattie fisiche e mentali, la personalità dei partecipanti, la loro felicità e il livello di soddisfazione della propria vita.

Secondo quanto raccolto per gli uomini è più una questione di numeri: più sono i sintomi maggiore è la preoccupazione, per le donne invece è la personalità a fare la differenza sulla gestione della malattia ma la reazione non cambia al cambiare dei sintomi.

Messaggio pubblicitario Non è tutto sembrerebbe che mentre per gli uomini non sussista alcuna correlazione tra personalità e malattia, per il gentil sesso ci siano due tipi distinti di personalità che sembrano essere meno colpite dalle malattie mentali rispetto a tutti gli altri: il primo tipo è caratterizzato da alti livelli di amabilità, il secondo da bassi livelli di coscienziosità.

Le donne appartenenti alla prima categoria hanno più probabilità di avere una migliore rete sociale e quindi di ricevere maggior supporto per far fronte a eventuali malattie e dunque riprendersi prima e meglio e subirne meno le conseguenze, nel secondo caso invece l’autore sostiene che esperendo con più frequenza la sensazione di non avere il controllo di ciò che accade non risentono eccessivamente dell’impatto di una malattia mentale.

GENDER STUDIES

In ogni caso dover affrontare una malattia, specie se mentale, è sempre una sfida e ogni individuo deve far ricorso alle proprie risorse per gestire al meglio il decorso e le eventuali conseguenze.

 

ARTICOLO CONSIGLIATO:

Ambiente e benessere. L’educazione ambientale come educazione alla salute

 

BIBLIOGRAFIA:

 

Articoli sul tema: Accettazione della Malattia

Parafilia: la sessualità atipica
Psicologia

Parafilia: la sessualità atipica

Le descrizioni della parafilia possono essere collegate alla pressione sociale e agli ideali presenti nella società. Molte delle definizioni viste, infatti, sono basate su deviazioni rispetto all’idea di normalità che la società ha assegnato al sesso. Andrea Goldoni – OPEN SCHOOL Studi Cognitivi San Benedetto del Tronto   Che cos’è

Perché le persone non scaricano l’app Immuni – Psicologia Digitale
Attualità Psicologia

Perché le persone non scaricano l’app Immuni – Psicologia Digitale

L’app Immuni ci aiuta ad individuare possibili contatti a rischio eppure ci sono ancora molti dubbi e un atteggiamento di scetticismo e preoccupazione e, sebbene garantisca il pieno rispetto dei diritti dei consumatori e l’anonimato, sono ancora pochi gli utenti che l’hanno scaricata: si stima solo 8 su 100. PSICOLOGIA

Dalla prevenzione alla promozione del benessere
Psicologia

Dalla prevenzione alla promozione del benessere

L’attuale concetto di salute comporta il superamento della prevenzione in favore di un’ottica che enfatizza la promozione della salute e la valorizzazione della persona: cultura, scuola e persona sono inscindibili (Guido & Verni, 2006).   In tutto il mondo occidentale e quindi anche in Italia, alla fine della seconda guerra

Psicoterapia online ai tempi del Coronavirus: cosa rimane dell’esperienza
Attualità Psicologia Psicoterapia

Psicoterapia online ai tempi del Coronavirus: cosa rimane dell’esperienza

Può uno spostamento di setting mettere in discussione l’efficacia psicoterapeutica? Non si tratta di stabilire se le terapia via Skype sia giusta o sbagliata, ma se si possa considerare questa modalità percorribile, in funzione del proprio modo di figurare il mondo.   …tutte le nostre percezioni attuali sono aperte alla

Paura del buio – CBT vs ACT
Psicologia Psicoterapia

Paura del buio – CBT vs ACT

Uno studio recente ha paragonato l’efficacia della Terapia Cognitivo-Comportamentale e dell’Acceptance and Commitment Therapy in un campione di bambini con alti livelli di ansia e paura del buio.   Anche se parte del normale sviluppo (Muris et al., 2001), approssimativamente il 20% dei bambini soffre di paure notturne e problemi legati

Ansia esistenziale e personalità nei giovani adulti
Psicologia

Ansia esistenziale e personalità nei giovani adulti

Porsi delle domande circa il senso della vita accomuna tutti gli esseri umani. Tuttavia, alcune persone possono essere particolarmente angosciate rispetto a questi temi, che più volte sono stati trattati anche nell’arte e nel cinema.   Alcune persone quindi sperimentano quella che viene definita ansia esistenziale. L’ansia esistenziale è l’apprensione

U.S.A.: La rivincita della psicoterapia online?
Attualità Psicologia Psicoterapia

U.S.A.: La rivincita della psicoterapia online?

In tempi di pandemia la parola d’ordine è online: se puoi fare qualcosa a distanza, falla a distanza! Smart working, spesa online, videolezioni, ginnastica, sessioni di laurea, corsi, convegni, eventi… un’infinità di attività ha traslocato sul web. Tra queste anche la psicoterapia.   Durante la fase di lockdown le sedute

Call for Abstract – European Conference on Digital Psychology
Attualità

Call for Abstract – European Conference on Digital Psychology

Online il sito della prima Conferenza Europea sulla Psicologia Digitale , organizzata dalla Sigmund Freud University il 19 e 20 febbraio 2021 presso lo Spazio Eventi Magna Pars a Milano. Disponibili le informazioni sugli speaker già confermati, sulle aree tematiche trattate e sul programma dei due giorni di conferenza, che per il

I miei primi 40 giorni da mamma. Tutto quello che c’è da sapere sulle prime settimane dopo il parto. (2019) di Cheryl R. Zauderer – Recensione
Psicologia

I miei primi 40 giorni da mamma. Tutto quello che c’è da sapere sulle prime settimane dopo il parto. (2019) di Cheryl R. Zauderer – Recensione

La gravidanza è un periodo particolare nella vita di una donna: comporta numerosi cambiamenti e solleva diversi interrogativi. Questo il tema centrale del libro I miei primi 40 giorni da mamma.   Nel libro I miei primi 40 giorni da mamma l’autrice Cheryl R. Zauderer, infermiera e ostetrica da più

L’inquinamento atmosferico altererebbe la morfologia cerebrale
Neuroscienze Psicologia

L’inquinamento atmosferico altererebbe la morfologia cerebrale

Mentre l’inquinamento atmosferico è stato a lungo considerato un problema per la salute polmonare e cardiovascolare, solo negli ultimi dieci anni gli scienziati hanno rivolto la loro attenzione ai suoi effetti sul cervello.   I ricercatori dell’Università della California hanno trovato un legame tra l’inquinamento atmosferico legato al traffico e

Ansia sociale, eventi positivi e benefici momentanei
Psicologia

Ansia sociale, eventi positivi e benefici momentanei

Alcune ricerche dimostrano che gli individui con un’elevata ansia sociale tendono a sperimentare effetti positivi molto deboli dalle situazioni quotidiane e talvolta a riportare una scarsa frequenza di eventi positivi nel corso della loro vita.   Gli individui con elevati livelli di ansia sociale sono soggetti a frequenti ed eccessive

Alle radici mitiche psicologiche e ambientali dell’epidemia

Alle radici mitiche psicologiche e ambientali dell’epidemia

Il virus è ancora un mistero di difficile decifrazione, molto si è appreso dalle ricerche di laboratorio e dalle epidemie del passato, ma molto resta ancora da capire perché l’alieno sfugge a ogni identificazione medico-scientifica razionale e oggettivante, cui questo articolo cerca di ovviare offrendo una chiave di comprensione inedita

Il verdetto del Dodo: perché il Dodo deve o non deve morire – Terzo quadro, Epilogo e penultimo verdetto
Psicologia Psicoterapia

Il verdetto del Dodo: perché il Dodo deve o non deve morire – Terzo quadro, Epilogo e penultimo verdetto

La relazione terapeutica può essere l’unico fattore di cambiamento in psicoterapia? È immaginabile che parlando del più e del meno in una relazione configurabile come caratterizzata da accurate empathy, positive regard, nonpossessive warmth, and congruence or genuineness il paziente superi le sue difficoltà in modo diverso e migliore da quello

Coping power nella scuola
Psicologia

Coping power nella scuola

Il Coping Power Program (CPP) (Lochman e Wells, 2002) è un programma multimodale per il controllo e la gestione della rabbia e dell’impulsività nei bambini e nei ragazzi, sviluppato dal Prof. J. E. Lochman, dell’Università dell’Alabama. Originariamente previsto per essere applicato nel contesto scolastico. Luisana D’Alessandro – OPEN SCHOOL Studi

Covid-19 e demenza: l’emergenza sanitaria dentro un’emergenza quotidiana e futura
Attualità Psicologia

Covid-19 e demenza: l’emergenza sanitaria dentro un’emergenza quotidiana e futura

La recente pandemia legata al Covid-19 ha avuto un particolare impatto sugli anziani con demenza e nelle loro famiglie. Infatti queste persone, da un giorno all’altro, si sono ritrovate totalmente isolate dalla propria rete di supporto sanitario, sociale e psicologico.   Nel mondo, si stima siano più di 50 milioni

Social network e body image: il costo di voler apparire sempre perfetti
Psicologia

Social network e body image: il costo di voler apparire sempre perfetti

Un articolo recentemente pubblicato su Addictive Behaviors Reports indaga il rapporto esistente tra social network, in particolare con l’attività di condividere selfie e foto di se stessi, narcisismo patologico e oggettificazione del proprio corpo (Boursier et al., 2020).    L’uso dei social network è sempre più diffuso al giorno d’oggi,

Psicopatia e suicidio nelle carceri giovanili
Psicologia

Psicopatia e suicidio nelle carceri giovanili

Uno studio recente (Heirings et al., 2019) ha sottoposto 723 giovani reclusi presso il Missouri State Division of Youth Services (DYS) a un’indagine sul rapporto tra i tratti personologici di psicopatia e il suicidio.   Tra le cause di morte per gli adolescenti statunitensi il suicidio è secondo solo agli

Il verdetto del Dodo: perché il Dodo deve o non deve morire – Secondo quadro
Psicologia Psicoterapia

Il verdetto del Dodo: perché il Dodo deve o non deve morire – Secondo quadro

Esiste una relativa superiorità di efficacia e/o efficienza di un trattamento? Si è cercato di rispondere a questa domanda attraverso il confronto diretto tra psicoterapie tramite Trial clinici, gli studi controllati randomizzati e le meta-analisi. Il presente contributo è il secondo di una serie di articoli sull’argomento. Il primo contributo

Metacognizione nel Binge Eating Disorder
Psicologia

Metacognizione nel Binge Eating Disorder

Al fine di sviluppare e valutare trattamenti psicologici efficaci per il Binge Eating Disorder, è importante essere in grado di misurare in modo affidabile le caratteristiche sottostanti lo sviluppo e il mantenimento del disturbo.  Alice Covolan – OPEN SCHOOL Psicoterapia Cognitiva e Ricerca Mestre   II binge eating, come già

Ma che cosa ho in testa – Recensione del libro di Tim Parks (2019)
Psicologia

Ma che cosa ho in testa – Recensione del libro di Tim Parks (2019)

Ma che cosa ho in testa di Tim Parks è un bel “Viaggio di un ignorante tra i misteri della mente” come recita il sottotitolo, un viaggio ben riuscito e alla portata di tutti. Per chi non conoscesse l’Autore, basti sapere che è uno scrittore e giornalista inglese, che scrive

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 2, media: 5,00 su 5)
State of Mind © 2011-2020 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Sono citati nel testo

Università e centri di ricerca

Categorie

Messaggio pubblicitario