Appraisal emotivo & differenze di genere – Neuroscienze

Lo studio dimostra che le donne valutano le immagini emotigene come più intense e attivanti rispetto agli uomini e le ricordano anche più facilmente.

ID Articolo: 106161 - Pubblicato il: 06 febbraio 2015
Appraisal emotivo & differenze di genere – Neuroscienze
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

FLASH NEWS

Uno studio appena pubblicato sul Journal of Neuroscience conferma il sapere naif e popolare secondo cui le donne valutano le immagini emotigene come più intense e attivanti rispetto agli uomini; e inoltre le ricorderebbero anche più facilmente.

Uno studio su larga scala svolto dall’Università di Basilea ha approfondito le differenze di genere nell’appraisal emotivo e riguardo la memoria emotiva.
In generale gli studi sulla memoria emotiva già hanno sottolineato che gli stimoli emotigeni vengono ricordati con più facilità rispetto a elementi emotivamente neutri, se poi vi è -come sottolinea lo studio- una differenza di genere significa che vi sarebbero differenze nel processo di elaborazione emotiva tra maschi e femmine.

Messaggio pubblicitario In particolare le differenze emergono anche a livello dell’appraisal di stimoli emotigeni negativi, che vengono valutati come emotivamente più intensi dalle donne rispetto agli uomini, mentre non si rilevano differenze nel processo di valutazione se gli stimoli sono emotivamente neutri.
Successivamente, i soggetti sottoposti a un test mnestico dovevano ricordare quante più immagini emotigene possibile: numericamente le donne ricordavano una quantità maggiore di tali stimoli rispetto agli uomini.

Inoltre, in uno studio successivo che ha coinvolto circa 600 soggetti, i ricercatori hanno dimostrato, usando la risonanza magnetica funzionale, che la tendenza delle donne a valutare come più intensi dal punto di vista emotivo alcuni stimoli sarebbe correlata anche ad una maggiore attivazione nelle regioni motorie a livello cerebrale, in linea con le ipotesi esplicative della embodied cognition.

 

ARTICOLO CONSIGLIATO:

Cognitive reappraisal: l’efficacia dipende dal contesto!

BIBLIOGRAFIA:

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 2, media: 5,00 su 5)
State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Università e centri di ricerca

Riviste scientifiche

Categorie

Messaggio pubblicitario