To be or not to be, vogliamo vivere – Recensione – Cinema & psicologia

To be or not to be, vogliamo vivere: film del '42 di E. Lubistch e da poco riproposto nelle sale dopo essere stato restaurato e rimasterizzato, è perfetto.

ID Articolo: 35232 - Pubblicato il: 10 ottobre 2013
Messaggio pubblicitario SFU 2020

Recensione

“To be or not to be, vogliamo vivere!”

(2013)

TUTTE LE RECENSIONI DI STATE OF MIND

To be or not to be. Vogliamo vivere! - LocandinaRaramente un film si può definire perfetto. Come trama, tempi recitativi, costruzione dei dialoghi. “To be or not to be,Vogliamo vivere!” nella traduzione italiana -, pellicola del 1942 firmata da Ernst Lubistch e recentemente riproposta nelle sale dopo essere stata restaurata e rimasterizzata, è un film perfetto.

Siamo nella Polonia invasa dai nazisti e le vicende di una coppia di attori teatrali si intrecciano a quelle della Resistenza; il dilemma amletico è una scena che ritorna più volte e puntualmente il protagonista, iniziando il celebre monologo shackespeariano, vede uno spettatore alzarsi da una delle prime file e andarsene: la ferita all’orgoglio d’artista sarebbe ancor più cocente se l’attore sapesse che il camerino di sua moglie è il luogo in cui lo sconosciuto, un giovane e aitante aviatore, si reca ogni sera all’incipit del monologo.

In breve tempo scoppia il conflitto bellico e il triangolo amoroso inaugura un susseguirsi di equivoci e intrighi sottili in cui il marito intuisce senza aver certezza, trovandosi poi costretto dagli eventi a collaborare con il presunto amante della moglie per combattere il comune nemico tedesco.

La compagnia teatrale è al centro di acrobazie pericolose ed esilaranti a stretto contatto con la Gestapo, che viene ripetutamente ingannata e sbeffeggiata a pochi passi dal precipizio mortale.

To be or not to be“, si diceva, è un’opera perfetta; l’ironia con cui viene affrontato un tema complesso come la guerra, l’arguzia utilizzata per descrivere gli stati d’animo dei personaggi non possono essere pienamente trasmesse a chi non ha visto il film: si tratta di una comicità seria, comunicata attraverso espressioni da registro drammatico che vengono sapientemente modulate per ottenere l’effetto della farsa.

I dialoghi sono geniali, spesso serrati e i colpi di scena si susseguono senza diventare ridondanti, le situazioni alternano i diversi piani del racconto e li sovrappongono, variando di continuo i temi, i riferimenti. Le risate dello spettatore sono inevitabili ma non indotte dalla ricerca del ridicolo, poiché ogni scena sarebbe perfettamente plausibile anche in un film drammatico e lo stesso può dirsi per i dialoghi; sono la magistrale espressività degli attori e la superba raffinatezza della sceneggiatura, che in ogni passaggio afferma qualcosa per intendere altro, a generare l’effetto comico.

Messaggio pubblicitario La regia di Lubistch è eccezionale specie nel lavoro sugli interpreti, che con un gesto quasi impercettibile o un movimento del corpo studiato ad arte fanno comprendere al pubblico le differenti dinamiche dei sentimenti, la gelosia, una reazione indispettita, il gioco divertito tra realtà e finzione o il compiacimento incosciente di un ingenuo Amleto al cospetto del Terzo Reich. La missione di far ridere senza un solo sorriso recitato viene ampiamente portata a termine e l’opera riesce anche a entrare nel cuore, dileggiando la follia nazista con leggerezza penetrante, mettendo a nudo l’ottusità di certi umani ma in fondo di tutti gli umani e mantenendo vivo l’interesse dello spettatore sia verso le intenzioni comiche sia nella riflessione sul destino dei personaggi; un film da assorbire tutto d’un fiato, da amare e rivedere per cogliere i dettagli che nella prima proiezione si perdono.

Vogliamo vivere, ed è molto meglio farlo con questi film.

 

LEGGI ANCHE:

TUTTE LE RECENSIONI DI STATE OF MIND

CINEMA – AMORE E RELAZIONI SENTIMENTALI

OTELLO E LE AREE DEL CERVELLO DELLA GELOSIA

 

GUARDA IL TRAILER:

State of Mind © 2011-2022 Riproduzione riservata.

Messaggio pubblicitario

Categorie

Messaggio pubblicitario