inTherapy

Obesità: si perde peso ma si perde anche il senso della sazietà

Una dieta ricca di grassi manda in tilt i nervi dello stomaco che trasmettono il senso di pienezza. E si continua a mangiare troppo anche dopo una dieta

ID Articolo: 34524 - Pubblicato il: 19 settembre 2013
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

 

La Redazione di State of Mind consiglia la lettura di questo contenuto:

 

Un nuovo studio svolto presso l’università di Adelaide conferma i nostri sospetti! La difficoltà non è la dieta ma il mantenimento del peso perso. In questo studio, pubblicato sul International Journal of Obesity,gli studiosi australiani sottolineano come solo il 5% del campione riesce a mantenere il peso perso.

Ma come mai gli ex obesi non riescono a controllarsi? Sembra che il responsabie della ripresa della sovra alimentazione sia la leptina, ormone che regola l’assunzione del cibo  e può anche cambiare la sensibilità dei nervi dello stomaco,  infatti succede proprio questo, secondo gli studiosi, quello che comporta la sovra alimentazione dopo una grande perdita di peso, è questo difetto nella leptina che comporta la perdita del senso di sazietà.

 

 

 

“Un ormone del corpo, la leptina, noto per regolare l’assunzione di cibo, può anche cambiare la sensibilità dei nervi dello stomaco che segnalano la sazietà”, spiega Amanda Page, autore principale dello studio pubblicato sull’International Journal of Obesity. “In condizioni normali la leptina agisce per fermare l’assunzione di cibo. Però, nello stomaco di una persona resa obesa da una dieta ricca di grassi, la leptina fa perdere sensibilità ai nervi che rilevano la sazietà”.

 

Obesità: stomaco mai sazio, nemmeno dopo la dietaConsigliato dalla Redazione

Una dieta ricca di grassi manda in tilt i nervi dello stomaco che trasmettono il senso di pienezza. E si continua a mangiare troppo anche dopo una dieta (…)

Tratto da: Panorama

 

Per continuare la lettura sarete reindirizzati all’articolo originale … Continua  >>

LEGGI ANCHE: L’abbuffata natalizia e i cannabinoidi endogeni.


VOTA L'ARTICOLO
(Nessun voto)
State of Mind © 2011-2021 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Si parla di

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Messaggio pubblicitario