inTherapy

Heart Rate Variability (HRV) – La variabilità interbattito

La HRV è considerata un indicatore del livello di efficienza nell’auto-regolazione emotiva dell’organismo e di un buon adattamento agli stimoli ambientali

ID Articolo: 34009 - Pubblicato il: 18 settembre 2013
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

LE DEFINIZIONI DI PSICOPEDIA

Psicopedia - Immagine: © 2011-2012 State of Mind. Riproduzione riservataLa variabilità interbattito (Heart Rate Variability, HRV) è ormai considerata un buon indicatore del livello di efficienza nell’auto-regolazione emotiva dell’organismo e di un buon adattamento agli stimoli ambientali.

Si tratta di un indice che misura l’effetto del tono vagale sul balance simpato-vagale, ovvero sulla capacità del tono vagale di ridurre l’attività del sistema nervoso autonomo, qualora eccessivo e/o prolungato nel tempo, in condizioni di stress.

Le linee guida internazionali per la quantificazione di questo indice (Task Force of the European Society of Cardiology and the North American Society of Pacing and Electrophysiology, 1996) prevedono un’analisi specifica del tracciato elettrocardiografico: i segnali di alta frequenza (High Frequency; HF-HRV) vengono utilizzati come indicatori dell’attivazione del sistema nervoso parasimpatico, mentre i valori delle basse frequenze (Low Frequency; LF-HRV) sono considerati marker della simultanea presenza di una modulazione da parte di entrambe le branche del sistema nervoso autonomo.

Messaggio pubblicitario La procedura standardizzata in letteratura e comunemente utilizzata, permette di ottenere una stima del balance simpato-vagale attraverso il calcolo del rapporto tra i segnali a bassa frequenza e i segnali ad alta frequenza (LF/HF-HRV) e di individuare l’eventuale riduzione della variabilità interbattito; l’HRV è infatti comunemente associata da un lato ad un aumentato rischio di ipertensione, malattie cardiovascolari e mortalità in genere, dall’altro alla presenza di diverse forme di psicopatologia quali, ad esempio, ansia e depressione (Brosschot & Thayer, 2003).

 

 LE DEFINIZIONI DI PSICOPEDIA

LEGGI:

STRESS – ANSIADEPRESSIONE 

IL RILASSAMENTO MODIFICA L’ESPRESSIONE GENICA

 

BIBLIOGRAFIA:

 

 

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 2, media: 5,00 su 5)
State of Mind © 2011-2021 Riproduzione riservata.
Condividi

Articoli che trattano questo argomento

Il canto corale sincronizza… i cuori! – Musica & Psicologia

Il canto corale sincronizza… i cuori! – Musica & Psicologia

  Una recente ricerca si è occupata di portare alla luce gli effetti positivi del canto corale sul corpo, e in particolare sul cuore, grazie alla capacità di stimolare la comunicazione neurobiologica tra gli esseri umani. Moltissime sono le manifestazioni di “canto corale” volte ad incrementare la comunione, la solidarietà

Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Categorie

Messaggio pubblicitario