Disturbo della Condotta & Reazioni Cerebrali

I bambini con un disturbo della condotta quando osservano la sofferenza altrui hanno reazioni cerebrali atipiche, parti del loro cervello non reagiscono.

ID Articolo: 30559 - Pubblicato il: 16 maggio 2013
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

FLASH NEWS

Rassegna Stampa - State of Mind - Il Giornale delle Scienze Psicologiche

I bambini con un disturbo della condotta quando osservano la sofferenza altrui hanno reazioni cerebrali atipiche, parti del loro cervello non reagiscono.

LEGGI GLI ARTICOLI SU: NEUROSCIENZE

I bambini con un disturbo della condotta quando osservano la sofferenza altrui hanno reazioni cerebrali atipiche, cioè parti fondamentali del loro cervello non reagiscono come accade alla maggior parte delle persone.

Rassegna Stampa - State of Mind - Il Giornale delle Scienze Psicologiche

Articolo Consigliato: Bullismo & Effetti in Età Adulta

Questo modello di attività cerebrale ridotta può rapprsentare un fattore di rischio neurobiologico per la psicopatia dell’adulto, è quanto sostenuto in una ricerca pubblicata sulla rivista Current Biology.

Questo non vuol dire che tutti i bambini con problemi di condotta siano uguali, o che tutti i bambini che mostrano questo modello cerebrale diventeranno psicopatici. I ricercatori infatti sottolineano che molti bambini con problemi di condotta abbandonano successivamente il comportamento antisociale.

LEGGI GLI ARTICOLI SU: DISTURBO ANTISOCIALE DI PERSONALITA’

E però importante considerare questi risultati come un indicatore precoce di vulnerabilità, piuttosto che destino biologico. Sappiamo che i bambini possono essere molto sensibili agli interventi, e la sfida è quella di rendere tali interventi ancora più efficaci.

I problemi della condotta rappresentano un grave problema sociale e comprendono l’aggressione fisica, la crudeltà verso gli altri, e la mancanza di empatia o di sensibilità. Nel Regno Unito, dove è stato condotto lo studio, circa il 5% dei bambini beneficiano di una diagnosi di problemi di condotta. Ma molto poco si sa sulla base biologica del disturbo.

LEGGI GLI ARTICOLI SU: EMPATIA

Messaggio pubblicitario  I ricercatori hanno sottoposto a risonanza magnetica funzionale (fMRI) il cervello dei bambini con  per vedere come quelli con problemi di condotta differiscono nella risposta alla visualizzazione di immagini di persone sofferenti.

I risultati rivelano che i bambini con problemi di condotta mostrano una diminuzione della risposta al dolore altrui, specificamente nelle regioni del cervello che giocano un ruolo nell’empatia. 

“I nostri risultati indicano molto chiaramente che non tutti i bambini con problemi di condotta condividono le medesime vulnerabilità; alcuni possono avere una vulnerabilità neurobiologica alla psicopatia, mentre altri no”, dice Essi Viding. “per questo sarebbe importante personalizzare gli interventi esistenti per soddisfare il profilo specifico che caratterizza un bambino con problemi di condotta.”

 

LEGGI GLI ARTICOLI SU: 

NEUROSCIENZE – DISTURBO ANTISOCIALE DI PERSONALITA’ – EMPATIA

 

 

BIBLIOGRAFIA:

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 3, media: 5,00 su 5)
State of Mind © 2011-2020 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Sono citati nel testo

Riviste scientifiche

Categorie

Messaggio pubblicitario