Stalking: quando le Relazioni diventano Possesso

Stalking : atteggiamenti tenuti da un individuo che affligge un'altra persona, perseguitandola e generandole stati di ansia e paura.

ID Articolo: 26246 - Pubblicato il: 12 febbraio 2013
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

 

 

Psicopedia - Immagine: © 2011-2012 State of Mind. Riproduzione riservata

Con il termine Stalking ci riferiamo a una serie di atteggiamenti tenuti da un individuo che affligge un’altra persona, perseguitandola e generandole stati di ansia e paura, che possono arrivare a comprometterne il normale svolgimento della quotidianità.

Anche detto “sindrome del molestatore assillante” questo fenomeno è caratterizzato da tre aspetti fondamentali, ovvero la presenza di un “persecutore” (o molestatore), una vittima e una relazione tra i due, caratterizzata dall’esercizio del controllo l’uno sull’altro, che determina uno stato emotivo nella vittima di intensa ansia e paura. È quindi il perdurare nel tempo delle condotte persecutorie oltre il volere della vittima che dà forma a questo fenomeno.

ARTICOLI SU ANSIAPAURA

Un problema, quello dello stalking, tanto di natura psicologica che giuridica, ed è ad oggi considerato un reato sanzionabile secondo la legge a tutti gli effetti.

RUBRICA: PSICHE & LEGGE 

La Psicologia del Femminicidio

Articolo consigliato: La Psicologia del Femminicidio

Un fenomeno inoltre in veloce e preoccupante diffusione in Italia, come mostrano i dati rilevati dall’indagine condotta dall’Osservatorio Nazionale Stalking e pubblicati nel Settembre 2012. In Italia si parla di 10 vittime (donne) al mese, molte delle quali uccise da uomini che conoscevano, in seguito a una separazione o a un rifiuto. Nonostante tale cifra fosse addirittura superiore nel 2011, il quadro oggi è aggravato dal fatto che nel 15% dei casi i delitti sono stati preceduti da denunce per stalking. Emerge inoltre come almeno un persecutore su tre sia recidivo e dopo la denuncia o condanna torni a molestare la vittima.

ARTICOLI SU: FEMMINICIDIO 

Sulla sua identità i dati dell’Osservatorio rivelano che nel 70% dei casi si tratta di un uomo, nel 95% dei casi è un conoscente della vittima, nell’80% dei casi è un manipolatore affettivo, nel 70% dei casi ha subito un lutto, un abbandono o una separazione significativa mai elaborata.

ARTICOLI SU: TRAUMA ED ESPERIENZE TRAUMATICHE 

Il pattern del comportamento persecutorio dello stalker, seppur principalmente diffuso entro relazioni affettive e sentimentali, può riscontrarsi anche in altri contesti relazionali come gli ambiti lavorativi e quelli scolastici. Il comune denominatore è sempre lo stesso: una vittima che, nella percezione del molestatore, è privata dei suoi diritti, diventa un oggetto da “utilizzare” per soddisfare i propri bisogni.

Messaggio pubblicitario Lo stalker in generale manifesta un’evidente problematica nell’area affettivo-emotiva, relazionale e comunicativa che comunque non sempre corrisponde ad una preciso quadro psicopatologico.

Sembrerebbe infatti esistano cinque tipologie di stalker, che si contraddistinguono per il variare del loro Sistema degli Scopi, quindi dei loro bisogni e desideri verso l’altro.

Il “risentito” rappresenta una tipologia di stalker presente in letteratura. Si tratta di solito di un ex-partner che desidera vendicarsi per la rottura della relazione sentimentale causata, a suo avviso, da motivi ingiusti. Agisce ledendo direttamente la persona, la sua immagine o le sue proprietà (casa, macchina, ecc). E’ quello che pubblica sul web foto o immagini private, aspetta fuori casa o segue la vittima, danneggia la sua macchina, ecc. Ogni comportamento è giustificato dal molestatore sulla base del danno che crede di aver subito, e che in un certo senso lo legittima a rispondere.

Il “bisognoso d’affetto” è invece quello stalker che è spinto dal bisogno di creare una relazione affettiva con la vittima. Ogni segnale di vicinanza o di confidenzialità espressa dalla vittima viene riletta come chiara espressione del desiderio di contatto e vicinanza emotiva, che giustifica quindi i comportamenti di avvicinamento.

E arriviamo al “corteggiatore impacciato”, imbranato in termini relazionali e per questo inadeguato nell’entrare in relazione con la vittima, che si percepisce come oppressa, “invasa”, aggredita.

E infine il “predatore” quello che solitamente è mosso dal desiderio di avere un contatto di tipo sessuale con la vittima, direttamente proporzionale alle reazioni di paura di quest’ultima.

Stalking: Sono le Donne le Più Violente. - Immagine: © Gina Sanders - Fotolia.com

Articolo consigliato: Stalking: Sono le Donne le Più Violente

Ma se questi sono i presunti profili dello stalker che cosa succede nella persone perseguitate? Potremmo dire prima di tutto un turbinio di sensazioni ed emozioni intense, che vanno da un iniziale stato di allerta e di stress psicologico a intensi e pervasivi vissuti di preoccupazione, di paura per la propria vita, di rabbia e disprezzo per il molestatore, di colpa e vergogna per quello che sta loro accadendo.

La dimensione privata e personale viene violata così come la propria dignità e quei valori morali socialmente condivisi che siamo cresciuti tutti nella convinzione di dover rispettare, perché sono giusti per noi e per il corretto convivere con gli altri. Il senso di colpa e la vergogna per quello che sta accedendo favoriscono l’isolamento, la chiusura, l’assenza spesso e volentieri di comportamenti efficaci di richiesta d’aiuto e soccorso.

Ed ecco che il terreno si fa sempre più fertile per lo sviluppo di stati di ansia acuti, disturbi del sonno e veri e propri quadri psicopatologici.

Possiamo evitare tutto questo? Se è vero che non scegliamo noi di essere delle vittime dobbiamo però essere consapevoli che lo stalking è un reato, e come tale è perseguibile secondo la legge. Non solo, ma chiedere aiuto prima che sia troppo tardi è la migliore e più efficace arma che abbiamo per riprenderci la vita.

 

VISUALIZZA L’EVENTO: Stalking, Mobbing e Discriminazioni di Genere 

Oltre la Barriere dal silenzio: dalla Solidarietà al Sostegno

 

 

BIBLIOGRAFIA:

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 5, media: 4,80 su 5)
State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi

Articoli che trattano questo argomento

You (2018) La lettera di Beck – La violenza di genere inizia prima di uno sguardo ammiccante
Psicologia

You (2018) La lettera di Beck – La violenza di genere inizia prima di uno sguardo ammiccante

Attenzione: l’articolo contiene spoiler su tutta la stagione You è una produzione Netflix del 2018, che fa parlare di sé, ma sopratutto di stalking e dipendenza relazionale.   Molti ne hanno scritto una disamina in chiave psicologica e psicopatologica, concentrandosi sull’interessante personaggio di Joe, bibliotecario affascinante e premuroso all’apparenza. Altri

L’aggressione con l’acido e la sicurezza pubblica: quali strumenti per fermare l’escalation violenta
Attualità Psicologia

L’aggressione con l’acido e la sicurezza pubblica: quali strumenti per fermare l’escalation violenta

Il presente articolo analizza il recente caso di cronaca in cui Sara, una donna di trentotto anni, ha aggredito Giuseppe, un uomo di ventinove anni, conosciuto in chat, gettandogli dell’acido sul volto. Simona Galasso, Deborah Natalie Wahl, Maria Elisabetta Ricci – Gruppo di Lavoro sulla violenza nelle relazioni intime, Ordine

Amare uno stalker (2015): vittime e stalker manipolatori, prede e predatori – Recensione del libro
Psicologia

Amare uno stalker (2015): vittime e stalker manipolatori, prede e predatori – Recensione del libro

Ruben De Luca, con la collaborazione di Alisa Mari, nel libro Amare uno stalker, spiega come i manipolatori strutturano la loro realtà con l’obiettivo di sedurre e possedere la persona amata.   I personaggi del libro Amare uno stalker sono le vittime, o prede, e gli stalker manipolatori, o predatori. In

Dipendenza affettiva, rifiuto nella relazione e stalking – Congresso SITCC 2018
Psicologia Psicoterapia

Dipendenza affettiva, rifiuto nella relazione e stalking – Congresso SITCC 2018

Nel corso del Congresso SITCC 2018, ho avuto la possibilità di partecipare al simposio sulle “Dipendenze affettive tra teoria e pratica” con un contributo dal titolo: “Dalla dipendenza affettiva allo stalking”. Il razionale dell’argomentazione trattata è di sviluppare l’attenzione alla modalità attraverso cui il fenomeno della dipendenza affettiva coniuga con

Quando lo stalking viene perpetrato da una donna
Attualità Psicologia

Quando lo stalking viene perpetrato da una donna

Quando si parla di stalking lo stereotipo prevalente suggerisce che la violenza sia stata perpetrata da un uomo. Circa l’80% dei casi conosciuti riportano un soggetto maschile come carnefice, ma dalle ricerche emerge che anche le donne possono mettere in atto una campagna di stalking verso una persona dello stesso

L’incidenza del fenomeno dello Stalking tra gli Health Care Professional
Psicologia

L’incidenza del fenomeno dello Stalking tra gli Health Care Professional

I motivi dell’alta incidenza di vittimizzazione si possono rintracciare nella natura stessa della professione d’aiuto (Pathè, Mullen e Purcell, 2002); professione che prevede l’instaurarsi della relazione con soggetti spesso inseriti in un quadro di sofferenza e disagio. In alcuni di loro l’intervento di cura dell’ HCP può essere frainteso nei

Vittime di stalking: effetti psicopatologici e intervento
Psicologia Psicoterapia

Vittime di stalking: effetti psicopatologici e intervento

Quali sono le conseguenze psicologiche per le vittime di stalking? Qual è la strategia migliore per poterle aiutare efficacemente a guarire dai segni di tale forma di violenza? Giulia Fuse’ e Camilla de Nadai – OPEN SCHOOL Studi Cognitivi Modena  L’obiettivo di questo articolo è cercare di comprendere il fenomeno dello

Il lato oscuro dell’amore: lo stalking – Intervista a Leonardo Abazia
Psicologia

Il lato oscuro dell’amore: lo stalking – Intervista a Leonardo Abazia

“Il lato oscuro dell’amore. Lo stalking: comprendere e riconoscere il fenomeno attraverso il racconto di storie vere”. Con questo testo Leonardo Abazia, psicologo psicoterapeuta e direttore dell’Istituto Campano di Psicologia Giuridica di Napoli, approfondisce, per la casa editrice Franco Angeli, la tematica complessa e difficile dello stalking, andando al di

Stalking: il corteggiamento diventa persecuzione. Ma perché?
Psicologia

Stalking: il corteggiamento diventa persecuzione. Ma perché?

Lo stalking è una condotta lesiva, che compromette notevolmente la tranquillità di un’altra persona. Nei casi più estremi può essere definito un vero e proprio reato. Ma perché un soggetto arriva a tanto? Vi è un soggetto, la cui maggior parte dei suoi pensieri riguardano prevalentemente un’altra persona. Fin qui sembrerebbe

Guns & Violence: la violenza contro le donne
Psicologia

Guns & Violence: la violenza contro le donne

Troppo spesso “l’unica differenza tra una donna maltrattata e una donna morta è la presenza di una pistola”. Negli USA il Secondo emendamento della Costituzione Americana sancisce dal 1791 il diritto di portare armi: «A well regulated Militia, being necessary to the security of a free State, the right of

Messaggio pubblicitario

Si parla di

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Categorie

Messaggio pubblicitario