Messaggio pubblicitario ISC Congresso 2019

Meditazione: L’Incontro tra Oriente e Occidente

Forse la meditazione non cambierà il mondo esterno, ma può certamente cambiare la nostra maniera di relazionarci ad esso.

ID Articolo: 25618 - Pubblicato il: 01 febbraio 2013
Messaggio pubblicitario SFU Presentazioni Settembre 2019
Condividi

 

Dialogo tra un maestro Zen e l’imperatore

Imperatore: Che merito per i lavori di costruzione del tempio?

Maestro Zen: Nessuno

Imperatore: Qual è il senso della realtà?

Maestro Zen: il vuoto

Imperatore: ma se il vuoto è la realtà con chi sto parlando?

Maestro Zen: non lo so

 

Convegno: L'Evoluzione della Cura tra Oriente e Occidente - Firenze 1 Dicembre 2012

Forse la meditazione non cambierà il mondo esterno, ma può certamente cambiare la nostra maniera di relazionarci ad esso.

LEGGI GLI ARTICOLI SU: ACCEPTANCE AND COMMITMENT THERAPY

Convegno: “L’Evoluzione della Cura tra Oriente e Occidente” – Firenze 1 dicembre 2012

Il primo dicembre a Firenze ho partecipato ad un interessante evento organizzato da IFP Istituto di Formazione Psicosomatica di Firenze – SIMP TOSCANA Società Italiana di Medicina Psicosomatica Sezione Toscana – SIPNEI Società Italiana di PsicoNeuroEndocrinoImmunologia Sezione Toscana, con la collaborazione della Scuola di Agopuntura Tradizionale della città di Firenze, nel quale ci si interrogava sulle aree di contatto e di similitudine dei paradigmi di cura occidentali ed orientali, una visione d’insieme, un macro-sguardo volto a trovare sinergie nell’ottica di un approccio olistico all’individuo e ai processi di cura.

Premessa teorica che ha spinto gli organizzatori a promuovere questo evento è certamente la crisi del modello biomedico ad oggi dominante in occidente. L’evento risponde all’esigenza dei curanti di riflettere sul rapporto tra medicina e filosofia della cura nel modello occidentale ed orientale, capire quali i punti comuni quali le incongruenze e come poter apportare nell’uno e nell’altro modello importanti miglioramenti mutuati dall’altro.

LEGGI GLI ARTICOLI SU: SOCIETA’ & ANTROPOLOGIA

Vasi comunicanti. il dialogo tra mente e corpo. - Immagine: © freshidea - Fotolia.com

Articolo Consigliato: Vasi Comunicanti: Il dialogo tra Mente e Corpo

Se ci pensiamo l’intreccio tra filosofia e medicina ha origini molto antiche, anzi possiamo dire che sia in Cina che in Grecia segna indelebilmente gli inizi delle due discipline. Molto spesso in effetti le due discipline erano incarnate nella stessa persona, altre volte erano l’uno allievo e l’uno maestro dell’altro.

In occidente poi con la rivoluzione scientifica si è aperta una forbice sempre maggiore tra filosofia e medicina andando incontro ad  una visione  estremamente meccanicistica e specializzata che pur trovando negli anni importanti riscontri di eccellenza ha portato ad una visione sempre più “spezettata” dell’essere umano, un non dialogo tra i professionisti della cura, tra gli stessi professionisti che hanno in cura uno stesso individuo. Questo non è accaduto in oriente dove il paradigma di cura mantiene una visione olistica dell’individuo, dove il legame tra medicina e filosofia è rimasto saldo.

Il convegno nasce dall’esigenza di trovare un dialogo dopo tempo, nasce dall’idea di poter integrare e trovare una via olistica di cura, senza vincitori né vinti, ma trovando nell’uno e nell’altro modello tecniche e specializzazione che possano apportare ad un aiuto prezioso al superamento della sofferenza.

LEGGI GLI ARTICOLI SU: MINDFULNESS

Messaggio pubblicitario San Giorgio fino al 15 Luglio  “Abbracciare, ecco la gran scienza. Distinguere è la scienza di ordine inferiore” forse è da qui che si può partire per trovare un ponte tra Oriente ed Occidente. Tra i tanti, forse, il ponte di più facile comprensione tra modello Orientale e modello Occidentale è l’utilizzo della meditazione, intesa come strumento di terapia e di cura del sé, in questo ci viene in aiuto l’intervento del Dott. Bottaccioli che proprio di questo tratta nel suo interessante intervento.

Il Dott. Bottaccioli pone l’attenzione sul sottogruppo di meditazioni basate sulla consapevolezza (meditazione Vipassana, meditazione Zen, meditazione sulla consapevolezza per la riduzione dello stress….), il cui elemento comune è lo sviluppo di un’attenzione rivolta al momento presente caratterizzata da apertura, attenzione nel presente, accettazione e curiosità.

LEGGI GLI ARTICOLI SULLA MEDITAZIONE

Spegnere il Cervello. La Meditazione per contrastare il Rimuginio. - Immagine: © hollymolly - Fotolia.com

Articolo consigliato: Spegnere il Cervello. La Meditazione per contrastare il Rimuginio.

Sono infatti ormai molte le ricerche che suggeriscono che questo allenamento all’attenzione abbia significativi effetti benefici sulla salute fisica e mentale. L’applicazione delle tecniche di neuro-imaging al cervello dei meditanti mostra che gli effetti positivi della meditazione sulla salute si combinano con la riprogrammazione di cruciali circuiti cerebrali.  Ad esempio, diversi studi hanno osservato come la corteccia prefrontale dorsolaterale, la corteccia prefrontale ventromediale e la corteccia anteriore cingolata si attivano maggiormente nei soggetti che praticano da anni meditazione rispetto a controlli sani paragonabili per genere età e scolarizzazione, che non hanno mai meditato (Holzel, 2007).

LEGGI GLI ARTICOLI NEUROSCIENZE

Inoltre, i dati di un altro studio interessante dell’Università di Toronto, ci mostrano come un corso di 8 settimane di meditazione mindfulness “sia” in grado di alterare in maniera significativa il pattern di attivazione cerebrale di coloro che avevano meditato. In sostanza parafrasando un antico detto buddista, forse la meditazione non cambierà il mondo esterno, ma può certamente cambiare la nostra maniera di relazionarci ad esso. Anche in questa giornata, poi, viene posto l’accento sull’importanza della relazione, come uno degli strumenti più importanti nelle mani del clinico, la relazione medico paziente come parte integrante del processo di cura.

Lascio Firenze con molti spunti, qualche libro di filosofia da rispolverare e con una diversa attenzione per l’individuo nella sua totalità.

LEGGI GLI ARTICOLI SU:

ACCEPTANCE AND COMMITMENT THERAPY – SOCIETA’ & ANTROPOLOGIA – MINDFULNESS – MEDITAZIONE – NEUROSCIENZE

 

 

BIBLIOGRAFIA:

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 3, media: 3,67 su 5)
State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario DEFAULT SU NETWORK FORMAZIONE
Messaggio pubblicitario DEFAULT SU NETWORK FORMAZIONE

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Università e centri di ricerca