Cool! ma non più come una volta… Evoluzione del concetto di Coolness

Chi sono i nuovi cool? da una versione tradizionale del cool contro-culturale a una versione “it’s good and I like it” più generica.

ID Articolo: 10849 - Pubblicato il: 12 giugno 2012
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

– FLASH NEWS – 

Rassegna Stampa - State of Mind - Il Giornale delle Scienze PsicologicheIl concetto di cool si è sviluppato dopo la Seconda Guerra Mondiale ed è stato incarnato da personaggi come James Dean e Miles Davis.

L’essere cool è stato tradizionalmente associato a freddezza, ribellione, controllo emotivo, durezza, ricerca di emozioni forti e più in generale al comportarsi secondo i propri desideri e inclinazioni, preferendo l’individualismo al conformismo delle norme imposte dalla società.

Cool! ma non più come una volta… Evoluzione del concetto di Coolness. - Immagine: Licenza Creative Commons 2.0 - Autore: Eliza Peyton

James Dean: un'icona culturale che ha brillato per 60 anni.

Secondo un originale studio condotto alla University of Rochester Medical Center, però, il concetto di cool è radicalmente cambiato nel corso degli anni, perdendo gran parte delle sue origini storiche e connotazione di individualismo contro-corrente. Infatti, sembra proprio che James Dean non sia più sinonimo di cool, o meglio, la versione più cupa del cool è ancora lì, ma non è più l’aspetto principale; ciò che i ragazzi oggi si chiedono è piuttosto: “mi piace questa persona? è gentile con gli altri? È attraente? Sicura? di successo?”

Nello studio Dar-Nimrod e i suoi colleghi hanno reclutato quasi 1.000 persone perchè rispondessero a un ampio questionario su quali aggettivi, comportamenti e personaggi fossero, secondo loro, associati alla parola cool.

La felpa di Mark Zuckerberg a Wall Street. - Immagine: Facebook. https://www.facebook.com/photo.php?fbid=409670752382205

Articolo consigliato: La felpa di Mark Zuckerberg a Wall Street: il Razionalismo Pragmatico

I ricercatori hanno condotto tre studi separati. Nello primo studio, i partecipanti hanno identificato le caratteristiche che definiscono l’essere cool. Nel secondo studio, due campioni di partecipanti hanno valutato decine di queste caratteristiche su due dimensioni: freddezza e la desiderabilità sociale. Nel terzo studio infine, i partecipanti hanno valutato i loro amici sia rispetto alla loro freddezza e che rispetto a una serie di descrittori di personalità che sono stati identificati come rilevanti negli altri studi.

I risultati indicano che un numero significativo di partecipanti ha usato aggettivi che esprimevano aspetti positivi e socialmente desiderabili della personalità, come l’essere amichevole, competente, trendy ed attraente.
Per certi versi, i partecipanti allo studio hanno apprezzato gli elementi tradizionali del concetto di cool, come la ribellione e il distacco, ma non tanto quanto l’amicizia, il calore e la passionalità.

Abbiamo una sorta di concetto di coolness schizofrenico nella nostra mente”, ha detto Dar-Nimrod.

“Come si può coniugare l’idea di cool – emotivamente controllato e distante – con passione? Suggeriamo che stia avvenendo il passaggio da una versione tradizionale del cool contro-culturale a una versione “it’s good and I like it” più generica di esso. Ma questa transizione non è in alcun modo compiuta”.

Le modificazioni del concetto di cool, concludono i ricercatori, possono avere un impatto significativo sulla scelta di comportamenti salutari e orientare ricerche future sull’uso di droghe, comportamenti alimentari e sessuali.

 

 

BIBLIOGRAFIA

  • Dar-Nimrod, I., Hansen, I.G., Proulx,T., Lehman, D.R., Chapman, B.P., &  Duberstein, P.R. (2012). Coolness: An Empirical Investigation. Journal of Individual Differences. 33(3): 175-185.  
VOTA L'ARTICOLO
(voti: 1, media: 5,00 su 5)
State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Sono citati nel testo

Università e centri di ricerca

Categorie

Messaggio pubblicitario