inTherapy

L’effetto dello Stress sugli uomini: comportamenti Pro-sociali

Nuovi studi mettono in crisi il paradigma teorico "fight or flight" (attacco o fuga) a favore di una risposta "tend-and-befriend" Prosociale

ID Articolo: 9683 - Pubblicato il: 24 maggio 2012
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

– Rassegna Stampa –  

Rassegna Stampa - State of Mind - Il Giornale delle Scienze PsicologicheUn gruppo di ricercatori dell’Università di Friburgo (Germania) hanno indagato come gli uomini reagiscono a situazioni di forte stress presentando un ribaltamento di prospettiva in questo ambito. Di fronte a situazioni stressanti è dimostrato che gli esseri umani mostrano una risposta “fight-or-flight” altrimenti tradotta “risposta “attacco-o-fuga.

Già dal 1990 alcuni studiosi hanno iniziato ad apportare dati secondo cui le donne presenterebbero una modalità di risposta alternativa allo stress e cioè “tend-and-befriend: in altre parole, una reazione protettiva di cura e amichevolezza. Al contrario, finora si è continuato ad assumere che invece individui di genere maschile fossero portati a diventare aggressivi in condizioni di stress. Nello studio di von Dawans e colleghi è stato indagato sperimentalmente il comportamento sociale di individui di genere maschile sotto stress.

Per indurre sperimentalmente una condizione di stress i ricercatori hanno utilizzato una procedura standardizzata implicante un compito di public speaking all’interno di specifici giochi di interazione sociale. Questi dispositivi ludici sono stati progettati per la misurazione dei comportamenti sociali positivi (ad esempio di fiducia e condivisione) e negativi (ad esempio comportamenti punitivi e aggressivi). Dallo studio emerge che i soggetti maschili sotto stress mostravano comportamenti sociali significativamente più positivi rispetto al gruppo di controllo. D’altro canto i comportamenti sociali a carattere negativo non erano influenzati dalla condizione di stress.

Guardando ai risultati sembrerebbe dunque che anche gli uomini, da sempre considerati più tesi all’attacco in situazioni stressanti, mettano in atto una strategia per far fronte allo stress basata sull’attivazione di comportamenti prosociali e promotori dell’affinità relazionale.

 

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 1, media: 5,00 su 5)
State of Mind © 2011-2021 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Sono citati nel testo

Università e centri di ricerca

Categorie

Messaggio pubblicitario