PTSD: Insulino-Resistenza e Sindrome Metabolica

Pazienti con PTSD hanno un rischio più elevato di sviluppare resistenza all'insulina e sindrome metabolica, con rischio di malattie cardiache e diabete.

ID Articolo: 27850 - Pubblicato il: 20 marzo 2012
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

FLASH NEWS

Rassegna Stampa - State of Mind - Il Giornale delle Scienze Psicologiche

Pazienti con PTSD hanno un rischio più elevato di sviluppare resistenza all’insulina e sindrome metabolica, con rischio di malattie cardiache e diabete.

LEGGI GLI ARTICOLI SU: PTSD – Disturbo da Stress Post-Traumatico

Se inizialmente il PTSD era riservato ai veterani di guerra, ora sta rapidamente emergendo come un disturbo diffuso al di fuori della popolazione dei veterani. L’Istituto Nazionale di Salute Mentale stima che quasi 8 milioni di americani abbiano un PTSD.

Secondo una ricerca presentata American College of Cardiology’s 62nd Annual Scientific Session i pazienti con diagnosi di disturbo post-traumatico da stress (PTSD) hanno un rischio significativamente più elevato di sviluppare una resistenza all’insulina e la sindrome metabolica, questo li espone a maggior rischio di malattie cardiache e diabete.

Questo studio retrospettivo ha incluso 207.954 veterani nel sud della California e del Nevada tra i 46 e 74 anni di età (93% maschi) con e senza PTSD. Tutti i soggetti sono stati individuati nel contesto delle cure primarie e non avevano una storia nota di malattie cardiache o diabete. I soggetti sono stati seguiti per una media di due anni per verificare se avevano sviluppato una resistenza all’insulina, che contribuisce a indurimento delle arterie e aumenta il rischio di attacco di cuore, e / o sindrome metabolica, un insieme di condizioni, tra cui aumento della pressione sanguigna, alti livelli di glicemia, grasso corporeo in eccesso, e livelli di colesterolo anomali che aumentano il rischio di malattie cardiache, diabete e ictus. Tutti i dati sono stati raccolti attraverso la Veterans Administration in cartelle cliniche elettroniche.

LEGGI GLI ARTICOLI SU: NEUROPSICOLOGIA

Trauma: Problema Diagnostico. - Immagine: © udra11 - Fotolia.com

Articolo Consigliato: Trauma: Problema Diagnostico

Al follow-up, l’insulino-resistenza era significativamente più alta nei soggetti con PTSD: (35% rispetto il 19% dei soggetti senza PTSD). Analogamente, la sindrome metabolica era significativamente più probabile nel gruppo PTSD (53% rispetto al 38% della popolazione non-PTSD). Dopo un aggiustamento dei punteggi per età, sesso, etnia, pressione alta, colesterolo alto e storia familiare di malattia coronarica prematura e l’obesità, il PTSD era ancora indipendentemente associato a tassi più elevati di resistenza all’insulina e di sindrome metabolica.

“Dal momento che la resistenza all’insulina e la sindrome metabolica possono essere invertite durante le fasi preliminari del trattamento modificando lo stile di vita, con la dieta e l’esercizio fisico, è importante che tutti i pazienti a rischio vengano identificati precocemente”, ha detto Ramin Ebrahimi, professore di medicina alla University of California e co-ricercatore a capo dello studio. “I nostri risultati mostrano che il PTSD è di per sé un importante predittore indipendente di queste condizioni in entrambi i sessi.”

LEGGI GLI ARTICOLI SU: GENDER STUDIES

Messaggio pubblicitario  L’ attuale trattamento del PTSD è in genere limitato alla gestione dei sintomi psichiatrici, ma alla luce di questi risultati Ebrahimi si dice a favore di un approccio più integrato alla cura dei pazienti affetti da PTSD: “Focalizzando l’attenzione sulla diagnosi precoce e la gestione delle condizioni mediche PTSD-correlate, compresi i disturbi metabolici e l’aterosclerosi, in combinazione con disturbi psichiatrici PTSD-correlati, gli eventi medici e psichiatrici a lungo termine avversi legati al PTSD possono essere significativamente ridotti o impediti”.

Nonostante non si sappia ancora cosa lega PTSD, insulino-resistenza e disturbi metabolici, i ricercatori sospettano che, come in altre condizioni mediche, l’infiammazione e la disfunzione vascolare possono essere coinvolte in questo meccanismo. In ultima analisi, anche le variazioni nei livelli ormonali e i fattori generici potrebbero avere un peso.

I ricercatori stanno anche studiando il rapporto tra trattamento precoce del PTSD e lo sviluppo di resistenza all’insulina e di sindrome metabolica, così come il rapporto di gestione simultanea psichiatrica e medica di PTSD e disturbi metabolici e gli esiti clinici come infarto, ictus e morte.

 

LEGGI GLI ARTICOLI SU:

 PTSD – Disturbo da Stress Post-Traumatico – NEUROPSICOLOGIA – GENDER STUDIES

 

BIBLIOGRAFIA:

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 3, media: 5,00 su 5)
State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Categorie

Messaggio pubblicitario