Centri Clinici

Michela Muggeo

Leggi tutti gli articoli di Michela Muggeo
Condividi
Michela Muggeo

PSICOLOGA COGNITIVO COMPORTAMENTALE

Psicologa presso “Istituti Clinici Zucchi”, presidio di Carate Brianza

Assistenza minori presso i servizi sociali del comune di Cernusco s/N (MI)

Iscritta all’Ordine degli Psicologi della regione Lombardia, sez. A numero 03/13498


  • MAIL: michela.muggeo@gmail.com


BIOGRAFIA:

Nata a Milano il 15/04/1984, ho conseguito la laurea triennale in Psicologia e quella specialistica con lode in Psicologia Clinica presso l’Università Cattolica di Milano nel 2008. Da allora i miei interessi si sono concentrati soprattutto sulla relazione parentale, con grande attenzione ai fattori cognitivi e relazionali implicati nella trasmissione della psicopatologia dai genitori ai loro bambini: prima con una tesi sperimentale svolta all’Isituto Bosisio Parini nel reparto di neuropsichiatria infantile, poi con un periodo di due anni di ricerca presso la University of Reading, in Inghilterra, occupandomi della trasmissione intergenerazionale dell’ansia. Mi sono anche occupata di un progetto nel campo delle neuroscienze, in particolare dell’effetto di specifici nutrienti assunti con l’alimentazione sul nostro cervello.Al momento lavoro nell’ambito dell’infanzia occupandomi di sostegno scolastico, valutazione e assistenza dei minori e delle loro famiglie in casi di affido. Sono iscritta alla scuola di specialità “Studi Cognitivi” di Milano, training a indirizzo cognitivo e cognitivo-comportamentale e svolgo colloqui psicologici, valutazione testistica e colloqui diagnostici in pazienti adulti con disturbi dell’umore, disturbi psicotici e disturbi di personalità presso la clinica Zucchi di Carate Brianza.



Contatti

Articoli di Michela Muggeo

I comportamenti aggressivi dei bambini: ma è sempre colpa dei genitori? – parte 2

I comportamenti aggressivi dei bambini: ma è sempre colpa dei genitori? – parte 2

Studio dei comportamenti aggressivi dei bambini in relazione allo stile genitoriale applicato. In questa seconda parte vedremo in che modo e perché lo stile genitoriale influisce direttamente sul comportamento aggressivo dei figli. Anche se il luogo comune “E’ sempre colpa dei genitori” è effettivamente limitativo e i fattori in gioco

I comportamenti aggressivi dei bambini: ma è sempre colpa dei genitori?

I comportamenti aggressivi dei bambini: ma è sempre colpa dei genitori?

  PARTE 1  – PARTE 2 – PARTE 3 – PARTE 4 I comportamenti aggressivi dei bambini in età scolare, soprattutto nelle società occidentali, costituiscono un problema a più livelli, sia per la problematicità del comportamento stesso e della sua gestione, sia a lungo termine, per il fatto che i

L’abito (non) fa il monaco

L’abito (non) fa il monaco

Qualche giorno fa mi è capitato di vedere in televisione un dibattito in occasione del compleanno delle gemelline Schepp scomparse lo scorso Febbraio. Ricordiamo che delle due bambine di 6 anni si è persa traccia dopo il suicidio del padre alla stazione di Cerignola, in Puglia. Uno dei temi centrali

Sonno e Memoria: Ti serve un’idea brillante? Dormici sopra
Neuroscienze

Sonno e Memoria: Ti serve un’idea brillante? Dormici sopra

Il sonno non è uno stato di incoscienza inerte ma un periodo di cambiamenti ciclici regolari tra l’attività del corpo e del cervello.

La narcosi catodica: cervelli in stand-by e deficit d’attenzione.
Neuroscienze

La narcosi catodica: cervelli in stand-by e deficit d’attenzione.

Vostro figlio non riesce a concentrarsi? Forse sta guardando troppa televisione. «E’ il numero di ore e l’età in cui un bimbo inizia a guardare la televisione che incidono biologicamente sull’individuo. Ed è principalmente a causa del mezzo stesso, non del messaggio trasmesso, che si ottengono questi effetti devastanti». Sono

Ma la musica può
Neuroscienze

Ma la musica può

Musica per il nostro cervello – Parte 3 Ci eravamo lasciati sottolineando i benefici che la musica porta al nostro cervello e come essa agisca su di esso; vedremo oggi più nel dettaglio questi meccanismi cercando anche di capire come la musica possa essere usata in terapia e perché. Va premesso

L’opinione: faticate, studiate!

L’opinione: faticate, studiate!

Questo journal vuole incoraggiare l’espressione delle idee dei giovani psicologi e psichiatri italiani, troppo spesso un po’ riservati. Per questo volentieri pubblichiamo questo piccolo pensiero della nostra redattrice. Lo pubblichiamo così come è, fresco di forno senza revisioni. Lavorando da diversi anni nelle scuole e vedendo molti bambini, all’inizio di

Musica per il nostro cervello (seconda parte)
Neuroscienze

Musica per il nostro cervello (seconda parte)

Nella prima parte di questo articolo ho scritto dell’influenza positiva che la musica esercita sul nostro cervello; non sorprende, infatti, che fin dalle antiche civiltà greche venissero intonati canti per curare le ferite di guerrieri e contadini, così come nei secoli successivi la musica fosse impiegata in casi di epilessia, perdita

Musica per il nostro cervello (prima parte)
Neuroscienze

Musica per il nostro cervello (prima parte)

Suonare uno strumento musicale non  è semplicemente un’attività di piacere  ma è anche un mezzo per sviluppare le  capacità del cervello. È quanto  dimostra uno studio presentato a  Firenze all’ 8° Congresso Mondiale dell’International Brain Research Organization, uno dei più importanti nel settore delle neuroscienze. Lo dice uno studio condotto

Omega 3, formula per essere (anche) più felici
Neuroscienze

Omega 3, formula per essere (anche) più felici

Che l’olio di fegato di merluzzo facesse bene alla salute ce lo dicevano già i nostri nonni, ma ora la ricerca scientifica ci dice di più: i ben noti Omega 3, oramai venduti sotto forma di integratori alimentari di ogni genere, allevierebbero anche i sintomi depressivi. Ma che cosa sono

Meno problemi comportamentali e voti più alti a scuola per chi è stato allattato al seno?

Meno problemi comportamentali e voti più alti a scuola per chi è stato allattato al seno?

Il latte materno, ricco di grassi polinsaturi, proteine e ferro rappresenta il miglior alimento per i neonati, tanto che l’OMS, l’Unicef e l’Unione Europea lo raccomandano come scelta esclusiva per i primi sei mesi di vita del bambino, per poi continuare come alimento complementare fino ai due anni. I vantaggi

Le cure materne fanno crescere, anche il cervello
Neuroscienze

Le cure materne fanno crescere, anche il cervello

  Che l’interazione della mamma con il proprio figlio sia fondamentale per la sopravvivenza e lo sviluppo del bambino è cosa tanto nota da apparire scontata, ma sono in pochi a sapere che questi scambi precoci hanno importanti conseguenze anche sullo sviluppo cerebrale. Peculiarità intrinseca al nostro cervello è quella

I doni del cioccolato
Neuroscienze

I doni del cioccolato

Addio carote. Una gustosa tavoletta di cioccolato può migliorare la nostra vista. Ricercatori dell’Università di Reading hanno dimostrato, in un campione di giovani-adulti, un miglioramento delle capacità visive due ore dopo avere consumato 35 grammi di un particolare tipo di cioccolato fondente, rispetto al gruppo che aveva assunto cioccolato bianco.

Messaggio pubblicitario