Andrea Bassanini

Leggi tutti gli articoli di Andrea Bassanini
Condividi
Andrea Bassanini

  • Psicologo Psicoterapeuta
  • Istruttore MBSR e Protocolli Mindfulness-Based AIM (Associazione Italiana per la Mindfulness).
  • Docente presso la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Studi Cognitivi
  • Professore a Contratto presso la Facoltà di Psicologia della Sigmund Freud Privat Universitat Wien – Milano.

 

 

 

 

Iscritto all’Albo degli Psicologi abilitato alla Psicoterapia dell’Ordine degli Psicologi della Lombardia – n° 12985

BIOGRAFIA:Nel 2006 inizia il suo interesse personale per la pratica di consapevolezza (insight meditation) e, nel 2010, per la Acceptance and Commitment Therapy (ACT) e per le loro applicazioni in psicoterapia. Ha svolto molteplici formazioni e percorsi di pratica di consapevolezza, alcuni tra questi con Michael Chaskalson e Rebecca Crane (Centre for Mindfulness Research and Practice, Bangor University, UK), Jon Kabat-Zinn e Melissa Blaker (Center for Mindfulness, University of Massachusetts Medical School, US), Fabio Giommi e Antonella Commellato (Associazione Italiana per la Mindfulness), David Rynick, Henk Barendregt, Stefano Marchi e Pietro Spagnulo (Istituto per l’ Applicazione della Mindfulness in Medicina e Psicoterapia). Sta attualmente proseguendo la sua formazione da istruttore tramite il Teacher Training avanzato per istruttori MBSR/MBCT/MBIs tramite lo strumento MBI-TAC, organizzato dal CMRP-Center for Mindfulness Research and Practice della Bangor University (U.K.) e da AIM- Associazione Italiana per la MIndfulness, condotto da Rebecca Crane e Karunavira. Il CMRP è oggi riconosciuto come il centro più avanzato al mondo per la formazione superiore di istruttori mindfulness.

Inoltre, ha svolto il Training di formazione alla Acceptance and Commitment Therapy della ACBS (Association for Contextual Behavioral Science)/Italian Chapter ACT Italia.



Contatti

Articoli di Andrea Bassanini

Non imparo perché… sono pigro e incapace. O per dire qualcosa a mamma e papà? #1

Non imparo perché… sono pigro e incapace. O per dire qualcosa a mamma e papà? #1

Esistono modelli che considerano i DSA come una problematica multi-fattoriale, in cui anche gli aspetti relazionali hanno un peso consistente. Nonostante non siano molti, alcuni studi presenti in letteratura si sono interessati agli stili di attaccamento dei bambini dislessici, disgrafici, disortografici o discalculici.

Le reazioni psicologiche dei pazienti con scompenso cardiaco

Le reazioni psicologiche dei pazienti con scompenso cardiaco

Dal momento in cui viene fatta la diagnosi, si innesca un processo psicologico di adattamento a questa nuova condizione medica, che di fatto è anche una condizione psicologica (“il malato cronico”) che richiede il passaggio attraverso alcune fasi “naturali”.

“Dottore, ora ho paura di non ruminare più come prima…”

“Dottore, ora ho paura di non ruminare più come prima…”

Bene, questo paziente stava chiedendo al terapeuta di aiutarlo a scoprire altre strategie più funzionali da sostituire al ruminare. Ma stava anche chiedendo, a mio parere, di dargli il tempo di abituarsi a “stare” con un po’ di paura, a tollerare un po’ di incertezza e ad “accettare” quel “nuovo

Perchè Why è meglio di How nei problemi quotidiani dei pazienti depressi?

Perchè Why è meglio di How nei problemi quotidiani dei pazienti depressi?

Effetti disfunzionali del pensiero ripetitivo e effetti negativi della focalizzazione sul depressive mood (Ingram & Smith, 1984; Carver & Scheier, 1990; Watkins & Teasdale, 2001; Watkins, 2004)

Lo Psicodramma

Lo Psicodramma

Lo Psicodramma trae origine dalla concezione psicologica e dal metodo psicoterapeutico e formativo elaborati da Moreno in quasi sessant’anni di attività nel campo clinico, sociale,educativo, dapprima in Vienna e poi – a partire dal 1925 – negli USA…

La signorina Annie Almond che abita nel Sistema Limbico – sulla (dis)regolazione emotiva
Neuroscienze

La signorina Annie Almond che abita nel Sistema Limbico – sulla (dis)regolazione emotiva

Sistema Limbico, disturbo di personalità borderline e approcci neurobiologici radicali. Il nucleo della teoria della Linehan è che alla base delle caratteristiche psicopatologiche dei pazienti borderline vi sia proprio un deficit del sistema di regolazione delle emozioni. A causare tale deficit, entrano in gioco variabili di temperamento (che portano i

Narcisismo e Leadership: gli svantaggi delle apparenze.

Narcisismo e Leadership: gli svantaggi delle apparenze.

I narcisisti, è ahimè noto, scalano la società. Questo perché gli altri li ritengono self-confident, vestendoli così “di leadership”.

Twitter Global Mood: misurare la temperatura emotiva del pianeta.

Twitter Global Mood: misurare la temperatura emotiva del pianeta.

E il mondo, svegliandosi allegro, si addormenta triste… Grazie a Twitter, un gruppo di ricerca ha misurato il “global mood” fotografato in diversi momenti della giornata. I ricercatori della Cornell University, sul numero di Science di settembre, riferiscono i risultati di uno degli studi che ha visto partecipare il maggior

Respira lento e in modo “mindful”…

Respira lento e in modo “mindful”…

La pratica della mindfulness ci insegna molte cose in termini di consapevolezza e di “presenza” a noi stessi ma ci mostra anche come il respiro sia un “ancora di aggancio” per imparare a notare i nostri pensieri e le nostre emozioni e non rimanervi impantanati, ritenendoli la verità assoluta e

Ansia
Psicopedia

Ansia

L’ansia è un’emozione caratterizzata da sensazioni di tensione, minaccia, preoccupazioni e modificazioni fisiche, come aumento della pressione sanguigna.

Le esperienze di rottura nel terapeuta e nel paziente

Le esperienze di rottura nel terapeuta e nel paziente

La rivista della SPR (Society for Psychotherapy Research) di settembre ha pubblicato uno studio qualitativo molto interessante sulle rotture dell’alleanza terapeutica. Le rotture dell’alleanza terapeutica sono state definite come “momenti di tensione o breakdown nell’alleanza tra il terapeuta e il paziente, che generano emozioni intense negative” (Safran & Muran, 2000).

Musica, comunicazione e universali culturali.

Musica, comunicazione e universali culturali.

Come è noto, dove c’è vita c’è musica. Ogni essere umano, di qualsiasi cultura conosciuta, ascolta o suona musica. Anche nel mondo animale i suoni e le “melodie” hanno spesso una funzione adattiva per le specie che li producono. Nella musica c’è sempre un messaggio, un desiderio comunicativo potente e

Come o Perché? E le conseguenze per il pensiero.

Come o Perché? E le conseguenze per il pensiero.

Le persone depresse tendono a focalizzare i pensieri sul “perché” piuttosto che sul “come” aggrovigliandosi in loop mentali inefficaci e paralizzanti. Ormai da qualche tempo sono noti gli effetti disfunzionali che il pensiero ripetitivo e la focalizzazione sul depressive mood hanno sull’individuo (Ingram & Smith, 1984; Carver & Scheier, 1990;

L’occhio della mente o il tocco della mente?
Neuroscienze

L’occhio della mente o il tocco della mente?

Leggiamo sul volume settembrino di Cerebral Cortex una interessante ricerca svolta dai ricercatori della USC. Damasio e colleghi hanno scoperto che quando guardiamo un oggetto il nostro cervello non solo elabora le caratteristiche fisiche dell’oggetto in questione, ma recupera in memoria anche i ricordi legati alle sensazioni che tale oggetto dà

Mindfulness
Psicopedia

Mindfulness

Sempre più conosciuta e praticata sia in psicoterapia cognitiva sia in contesti molto differenti, dalla formazione dei manager allo sport, la mindfulness è una forma di meditazione applicabile all’attività clinica. La mindfullness è una pratica di attenzione consapevole, intenzionale, non-giudicante nel momento presente”. Jon Kabat-Zinn, primo al mondo a portare

In medio stat virtus: Mindfulness e Disturbo Bipolare

In medio stat virtus: Mindfulness e Disturbo Bipolare

In una ricerca pubblicata sull’ultimo volume di Psychotherapy Research, Paul Chadwick e i suoi colleghi dell’Institute of Psychiatry del King’s College, del Royal Holloway dell’Università di Londra e del Royal South Hants Hospital di Southampton hanno esplorato, tramite una ricerca qualitativa, come la pratica della mindfulness porti benefici agli individui

Clicca su “condividi” su Facebook: sì, ma solo se mi fa agitare, arrabbiare o divertire!
Neuroscienze

Clicca su “condividi” su Facebook: sì, ma solo se mi fa agitare, arrabbiare o divertire!

Condividi su Facebook: sentirsi spaventati, arrabbiati o divertiti porta le persone a condividere storie e informazioni

Distrarsi o pensarci: due strategie per affrontare le emozioni negative

Distrarsi o pensarci: due strategie per affrontare le emozioni negative

Leggiamo su PsyPost una ricerca molto interessante sulle differenti modalità con cui gli esseri umani regolano le proprie emozioni negative. Uno studio, che verrà pubblicato sul prossimo numero di Psychological Sciencemostra come le persone rispondono in modo differente alle situazioni che provocano emozioni negative. Tutti sappiamo quanto per noi le emozioni siano

Messaggio pubblicitario