In ricordo di Maria Miceli

È purtroppo scomparsa la professoressa Maria Miceli, psicologa sociale con una formazione filosofica, ricercatore presso l’ISTC-CNR.

ID Articolo: 180406 - Pubblicato il: 10 dicembre 2020
In ricordo di Maria Miceli
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

È purtroppo scomparsa la professoressa Maria Miceli, psicologa sociale con una formazione filosofica, ricercatore presso l’ISTC-CNR.

Miceli ha realizzato una significativa attività di ricerca sulla relazione tra il dominio cognitivo e quello emotivo e motivazionale. Condivideva con il suo principale collaboratore Cristiano Castelfranchi una impostazione cognitiva di tipo computazionale in cui si indagavano gli stati mentali riconducendoli a scopi e credenze. Al tempo stesso, e forse in questo consisteva il suo contributo distinto rispetto a Castelfranchi (dal quale non era sempre facilmente distinguibile, tanto elevato era il loro affiatamento), Miceli nutriva interesse per gli aspetti emotivi e motivazionali meno riconducibili all’aspetto cognitivo o, almeno, alla cognizione come valutazione realistica degli ostacoli dell’ambiente esterno e dei limiti delle proprie capacità. Vi è, scriveva Miceli, un’altra cognizione che non valuta ostacoli esterni e limiti personali ma rappresenta le aspirazioni, le ambizioni e i valori dell’individuo.

Insomma, Miceli ampliò l’oggetto dell’indagine cognitiva dalla ragion pura alla ragion pratica. Per questo studiò a fondo le emozioni associate ad autovalutazioni negative (senso di colpa, vergogna), alle emozioni “ostili” (rabbia, risentimento, indignazione, disprezzo, disgusto), a quelle che implicano processi di confronto sociale (senso di inferiorità, ammirazione, invidia, emulazione, gelosia), a quelle che implicano rappresentazioni anticipatorie (paura, ansia, speranza, fiducia) o sono provocate dall’invalidazione di rappresentazioni anticipatorie (sorpresa, delusione, scoraggiamento, sollievo, rimpianto). Con questo bagaglio di studi scrisse con Cristiano Castelfranchi libri sulle emozioni e sui bisogni che ebbero una grande influenza che andò oltre la scienza pura e investirono la clinica e la psicoterapia cognitivo comportamentale italiana, grazie alla mediazione di Francesco Mancini.

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 4, media: 5,00 su 5)

Consigliato dalla redazione

Senso di colpa: come viene vissuto dai pazienti depressi

Il senso di colpa nei pazienti depressi: come viene vissuto

I pazienti depressi spesso vivono un senso di colpa molto alto e si giudicano negativamente in maniera globale piuttosto che situazionale. 

Bibliografia

  • Castelfranchi Cristiano, Francesco Mancini, Maria Miceli (2002). Fondamenti di cognitivismo clinico. Torino: Bollati Boringhieri.
  • Maria Miceli, Cristiano Castelfranchi (1992). La cognizione del valore: una teoria cognitiva dei meccanismi e processi valutativi. FrancoAngeli: Milano.

 

State of Mind © 2011-2021 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

ECDP 2021

Argomenti

Sono citati nel testo

Messaggio pubblicitario