E’ possibile osservare la mente? Human Robot Interaction e osservazione della mente e degli stati mentali

Human Robot Interaction (HRI): il Dott. C. Lombardo ci spiega, in un video, perché e come l'HRI può influenzare la nostra conoscenza degli stati mentali

ID Articolo: 161304 - Pubblicato il: 08 gennaio 2019
E’ possibile osservare la mente? Human Robot Interaction e osservazione della mente e degli stati mentali
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

“Sorvegliare” il comportamento degli altri, tentando di leggere i loro stati mentali al fine di comprendere le loro intenzioni, in modo da saperci comportare di conseguenza, è un atteggiamento che mettiamo in atto quotidianamente.

 

La «Tesi di non osservabilità» degli stati mentali sostiene che quest’ultimi sono inaccessibili, inosservabili.

Messaggio pubblicitario

Ma è possibile dimostrare il contrario?

Il dott. Claudio Lombardo spiega come raggiungere “l’osservabilità” degli stati mentali tramite il campo di indagine definito Human Robot-Interaction (HRI).

 

HUMAN-ROBOT INTERACTION – GUARDA IL VIDEO:

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 4, media: 3,75 su 5)

Consigliato dalla redazione

Non sono un algoritmo - presentazione del libro di Claudio Lombardo

Interazione Uomo-Robot e la Teoria della Mente - VIDEO

Un campo emergente denominato Interazione Uomo-Robot (HRI) ci illumina sui meccanismi relazionali rispondendo alle domande più complesse: perché siamo portati a trattare il robot come un nostro simile, provvisto di
State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Sono citati nel testo

Messaggio pubblicitario