Un selfie al giorno toglie lo psicologo di torno: gli effetti positivi della condivisione di foto sui social network

Secondo un recente studio, pubblicare una propria foto al giorno sui social network favorirebbe l'adozione di un atteggiamento riflessivo verso se stessi e tale atteggiamento è ritenuto dagli utenti stessi una forma di miglioramento del proprio benessere.

ID Articolo: 155097 - Pubblicato il: 25 maggio 2018
Un selfie al giorno toglie lo psicologo di torno: gli effetti positivi della condivisione di foto sui social network
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

Scattarsi una foto al giorno e pubblicarla sui social network sembra favorire il proprio benessere personale.

 

Messaggio pubblicitario Sul social network Instagram è possibile trovare milioni di foto sotto il tag #365. In questo modo, milioni di utenti pubblicano quotidianamente foto, condividendole con i propri amici o con un pubblico virtuale ben più vasto del giro di amicizie “reali”.

Così come avviene su Instagram, anche su social meno conosciuti in Italia, come Blipfoto, si verifica lo stesso fenomeno digitale.

Partendo da questa evidenza empirica, il dott. Liz Brewster della Lancaster University ed il dott. Andrew Cox della Sheffield University si sono interessati al fenomeno.

Lo studio sperimentale

I ricercatori hanno registrato, per due mesi, le foto scattate quotidianamente da 30 persone reclutate attraverso la pagina Facebook “friends of Blipfoto”. Inoltre, sono stati analizzati anche il testo inserito a capo della foto e le modalità con le quali i soggetti hanno interagito con gli altri utenti.

Da queste osservazioni etnografiche, supportate da interviste approfondite, è emerso che scattarsi una foto al giorno sembra migliorare il benessere nelle dimensioni della cura di sé, dell’interazione sociale, della riflessione su se stessi e dell’esplorazione delle novità.

I partecipanti allo studio hanno usato le proprie foto quotidiane per documentare ed adottare un atteggiamento riflessivo verso se stessi e tale atteggiamento è ritenuto dagli utenti stessi una forma di miglioramento del proprio benessere.

Messaggio pubblicitario Lo studio inquadra il miglioramento del benessere come un processo attivo da parte dei soggetti, i quali creano significati e nuove concettualizzazioni di “salute”.

Volendo implementare lo studio, i ricercatori ritengono sia utile avere ulteriori dati sul contesto di vita dei partecipanti per comprendere meglio le aspettative sul proprio benessere. Sarebbe inoltre opportuno raggiungere un ampliamento del campione al fine di ottenere risultati più facilmente generalizzabili rispetto alla popolazione generale.

Quello che si augurano gli autori del presente studio è che i risultati possano aprire le porte ad ulteriori studi legati alle pratiche digitali.

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 14, media: 4,79 su 5)

Consigliato dalla redazione

State of Mind - Il Giornale delle Scienze Psicoogiche - Flash News

Facebook: il confronto con gli altri può renderci depressi? - Psicologia del Social Network

Se Facebook è utilizzato per confrontare il proprio status sociale con quello degli altri può provocare invidia e quindi lo sviluppo di sintomi depressivi

Bibliografia

State of Mind © 2011-2020 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Sono citati nel testo

Università e centri di ricerca

Categorie

Messaggio pubblicitario