Inibizioni sociali e orientamento sessuale – fluIDsex

Ciao, conosco molte persone che mostrano attrazione verso il proprio genere da ubriache. Sarei curioso di sapere quanto sia imputabile all'effetto dell'alcol

ID Articolo: 141133 - Pubblicato il: 09 novembre 2016
Inibizioni sociali e orientamento sessuale – fluIDsex
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

Ciao, conosco molte persone che mostrano attrazione verso il proprio genere da ubriache. Sarei curioso di sapere quanto sia imputabile all’effetto dell’alcol e quanto semplicemente al venir meno delle inibizioni autoimposte per via della società.

Purtroppo o per fortuna non esiste alcuna bevanda capace di farti fare cose che non proveresti normalmente da sobrio. Anche se uno degli effetti di qualche bicchiere di troppo è quello di influenzare i comuni meccanismi inibitori: “in vino veritas”.
L’inibizione quotidiana dei nostri comportamenti, pensieri o preferenze è probabilmente imputabile a quella che definiamo “morale della società”. Non è forse vero infatti che le aspettative, che siano proprie, dei nostri genitori o dei nostri amici, possono condizionare il nostro modo di essere? O che la religione giochi in ruolo importante nel definire cosa è buono e giusto e cosa no?
Legittimo quindi chiedersi se: “è possibile che la società ci influenzi così tanto da deviare i nostri gusti sessuali?”

Messaggio pubblicitario I nostri gusti sessuali possono essere definiti o mutevoli nel tempo, in divenire come le esperienze che viviamo. La “morale della società” può però spingerci a nasconderli o rinnegarli: per istinto di conformità, per paura di essere giudicato diverso (ma diverso da chi?), per altre mille svariate ragioni. Vero anche che non c’è nessun manuale sul “come costruire la propria identità”. La sua costruzione è cosa faticosa per chiunque e senza dubbio per alcuni l’alcool è visto come un amico col quale e grazie al quale poter vivere esperienze che di norma non si affronterebbero: come l’avvicinarsi a una persona dello proprio genere!

Così, per quanto rifugiarsi dietro ad un “Ma ero ubriaco…!” sia molte volte più semplice, personalmente ritengo che l’alcool non possa aiutare una persona nel raggiungimento di una piena consapevolezza di sé, della propria identità sessuale, del proprio orientamento sessuale.
Il mio invito è quindi quello di sentirsi liberi di vivere la propria sessualità per quella che è e di soddisfare qualsiasi tipo di desiderio in ambito sessuale, sempre nel rispetto dell’altro, senza cercare per forza l’approvazione dell’amico di turno o ancor peggio dell’amico alcool.

Valentina Orlandi

 

 


 

HAI UNA DOMANDA? Clicca sul pulsante per scrivere al team di psicologi fluIDsex. Le domande saranno anonime, le risposte pubblicate sulle pagine di State of Mind.

La rubrica fluIDsex è un progetto della Sigmund Freud University Milano.

Sigmund Freud University Milano

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 11, media: 4,27 su 5)

Consigliato dalla redazione

Disturbo dell'identità di genere: credenze metacognitive e ansia

Disturbo dell'identità di genere, credenze metacognitive e livello di ansia

E' stato dimostrato come le credenze metacognitive abbiano un impatto sui sintomi ansiosi nella popolazione con disturbo dell'identità di genere. 
State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Categorie

Messaggio pubblicitario