Magrezza non è bellezza – Genova, 01 Ottobre 2016

Ha avuto inizio il ciclo "Di sabato, la psicoterapia a Genova", nel corso del primo incontro la Dott.ssa Sassaroli sul tema dei Disturbi Alimentari.

ID Articolo: 140354 - Pubblicato il: 11 ottobre 2016
Magrezza non è bellezza – Genova, 01 Ottobre 2016
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

Si è svolto sabato 1 ottobre 2016 il primo incontro dal titolo “Magrezza non è bellezza” del ciclo “Di sabato, la psicoterapia a Genova”.

 

La partecipazione era aperta a professionisti che operano nel campo della salute mentale ed è stato organizzato dal nuovo centro Psicoterapia e Scienza Cognitiva formato da un’equipe di psicoterapeuti ad orientamento cognitivo-comportamentale.

Messaggio pubblicitario A condurre la giornata la dott.ssa Sassaroli che ci ha parlato dei disturbi dell’alimentazione. Partendo da un cappello introduttivo in cui si sono analizzati i criteri diagnostici dei disturbi dell’alimentazione secondo il DSM 5, abbiamo osservato i fattori di rischio temperamentali, psichiatrici, biologici che rappresentano un rischio di insorgenza dei disturbi anoressici e bulimici.

Particolare attenzione è stata posta sulle caratteristiche familiari che possono influire e in parte determinare lo sviluppo e anche il mantenimento del disturbo dell’alimentazione.

Infine ci si è soffermati sull’analisi di due casi clinici e sulla strutturazione della loro terapia permettendo un confronto aperto sulla gestione terapeutica di tali tipi di disturbi.

Il prossimo degli incontri organizzati dal centro Psicoterapia e Scienza Cognitiva dal titolo “Tematiche suicidarie e psicoterapia” condotto dal Dr. Francesco Centorame si svolgerà sabato 22 ottobre 2016 dalle ore 10 alle ore 13.

PER SCOPRIRE DATE E ORARI DEI PROSSIMI INCONTRI CLICCA QUI

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 1, media: 5,00 su 5)

Consigliato dalla redazione

Disturbi alimentari - Magrezza non e bellezza - featured

La storia dei disturbi alimentari: da curiosità psichiatrica del passato a epidemia nel novecento

Il rifiuto del cibo dell’anoressia è legato alla negazione di sé e alla paura di non raggiungere l’ideale individualistico dell’affermazione personale.
State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario