Gli effetti di Pokémon Go: una fonte di distrazione per conducenti, passeggeri e pedoni

Un recente report ha indagato gli effetti di Pokémon Go e di come questo porti a una forte distrazione di automobilisti, passeggeri e pedoni.

ID Articolo: 140113 - Pubblicato il: 20 ottobre 2016
Gli effetti di Pokémon Go: una fonte di distrazione per conducenti, passeggeri e pedoni
Condividi

Un nuovo report pubblicato online da JAMA Internal Medicine parla degli effetti di Pokémon Go e di come il recente e popolarissimo gioco di realtà aumentata porti a una forte distrazione di automobilisti, passeggeri e pedoni.

 

Un nuovo report sugli effetti di Pokémon GO

John W. Ayers della San Diego State University in California, affiancato dai suoi coautori, è andato a caccia di messaggi pubblicati sul social Twitter e di notizie in Google News che trattavano informazioni relative la distrazione dei conducenti alla guida e dei relativi incidenti a causa del gioco Pokémon GO, in quanto impegnati a catturare Pokémon in luoghi del mondo reale.

Messaggio pubblicitario Un’ analisi fatta al principale target del gioco ha evidenziato come gli incidenti automobilistici siano la principale causa di morte, in particolare nei soggetti con un’età compresa tra i 16 e i 24 anni. I giovani conducenti sono infatti molto suscettibili alla distrazione. L’American Automobile Association riporta inoltre che il 59% degli incidenti che coinvolgono i giovani sono causati da forti distrazioni che nell’arco di 6 secondi portano allo schianto.

Gli autori dello studio hanno raccolto un campione causale di 4000 tweets contenenti i termini Pokémon, driving (guidando), drives (guida), drive (guidare), car (macchina) o queste parole associate tra loro (ad es. Pokémon e guida) per un periodo di 10 giorni durante il mese di luglio.

 

Gli effetti di Pokémon GO: risultati del report

Gli autori, sugli effetti di Pokémon GO, riportano che:

  • Il 33% dei tweets indicano che un conducente, un passeggero o un pedone sono stati distratti dal gioco Pokémon GO, e che questi dati si correlino a 113,993 incidenti segnalati su Twitter.
  • Il 18% dei tweets indicano che una persona stava giocando alla guida (“OMG I’m catching Pokémon and driving”), l’11% che stava giocando un passeggero (“Just made sis drive me around to find Pokémon”), e il 4% riguardava un pedone distratto (“Almost got hit by a car playing Pokémon GO”).
  • Sono stati effettuati 14 arresti la cui causa è stata attribuita a Pokémon GO, tra cui un giocatore che si è schiantato contro un albero.

Ha dichiarato Ayers:

Pokémon GO è una nuova fonte di distrazione per conducenti, pedoni e passeggeri, e i messaggi di sicurezza inseriti nel gioco sono scarsi e poco efficienti

Secondo gli autori queste scoperte potrebbero aiutare a sviluppare nuove strategie per gli sviluppatori del gioco, i legislatori e il pubblico, così da poter limitare i potenziali pericoli e i negativi effetti di Pokémon GO.

Messaggio pubblicitario Per quanto riguarda gli autori del gioco, alcuni tentativi di miglioramento della sicurezza sono già stati fatti, principale tra tutti la restrizione del gioco a velocità superiori a 10 miglia l’ora (20 km/h), ma questo non è sufficiente.

Secondo Ayers e colleghi occorrerebbe rendere inaccessibile il gioco per un periodo prolungato tutte le volte che i giocatori superano il limite di velocità di marcia, con lo scopo di evitare che i conducenti giochino alla guida. Inoltre il gioco potrebbe essere disattivato nei pressi di strade e parcheggi per proteggere sia i pedoni che i conducenti. Infine il gioco potrebbe includere chiari avvertimenti circa la guida e la sicurezza dei pedoni.

 

 

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 1, media: 5,00 su 5)

Consigliato dalla redazione

E' tempo di connettersi! La Nomofobia e la paura di essere offline - Immagine: 86797561

E' tempo di connettersi! La Nomofobia e la paura di essere offline

Internet può causare dipendenza se l’uso della rete è fatto a discapito del lavoro e delle relazioni, portando conseguenze negative sulla vita quotidiana.

Bibliografia

State of Mind © 2011-2020 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Sono citati nel testo

Università e centri di ricerca

Riviste scientifiche

Categorie

Messaggio pubblicitario