DECADIMENTO COGNITIVO E MALATTIE CARDIOVASCOLARI: QUALI RAPPORTI?

ID Articolo: 120342 - Pubblicato il: 11 aprile 2016
Messaggio pubblicitario SFU 2020

Martedì 19 aprile 2016, ore 16.30 presso l’Ordine dei Medici e Odontoiatri di Como – Via Masia 30

Si terrà martedì 19 aprile alle 16.30, presso la sede dell’Ordine dei Medici di Como, l’incontro “Cambia il tuo modo di vivere: decadimento cognitivo e malattie cardiovascolari. Quali rapporti?” organizzato dalla sezione di Como dell’Associazione Mogli Medici Italiani (AMMI) con il patrocinio dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Como. Interverranno la dottoressa Rosanna Jemoli, cardiologa, e il dottor Marco Arnaboldi, neurologo e Direttore del reparto di Neurologia dell’Ospedale S. Anna di Como.

Messaggio pubblicitario ISFAR EFT Le malattie cardiovascolari sono la principale causa di mortalità e di ripetuti ricoveri ospedalieri nella popolazione anziana dopo i 65 anni, mentre il deterioramento cognitivo è la prima causa di invalidità. Queste due patologie condividono nel loro sviluppo fattori di rischio comuni, come l’ipertensione arteriosa e il diabete mellito, e posso essere strettamente collegate: studi clinici e di popolazione dimostrano che nei soggetti con età superiore ai 65 anni il decadimento cognitivo si aggira al 10 – 20% della popolazione, percentuale che sale anche a più del 30% nei cardiopatici.

Il deficit cognitivo interferisce sia con le modalità di cura che con la prognosi della cardiopatia e una sua identificazione consentirebbe un miglior inquadramento del paziente e l’adozione di appropriate modalità di assistenza. Durante l’incontro verranno quindi analizzati i fattori di rischio comuni, i rapporti tra le due patologie e la possibilità di un riconoscimento precoce.

 

 

 

L’incontro è gratuito e aperto a tutti.

Per informazioni:

Rosanna Scaravelli – 338 3287517

Tucci Salati – 339 6811883

 

Ufficio Stampa Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Como

ELLECISTUDIO

Tel. + 39.031.301037 – +39 333.1639705

ellecistudio@ellecistudio.it – www.ellecistudio.it

 

Consigliato dalla redazione

Immagine: Fotolia_90783986_Statue in movimento attività fisica e decadimento cognitivo

Statue in movimento: attività fisica e prevenzione del decadimento cognitivo

L’esercizio fisico è un fattore protettivo e preventivo del rischio della demenza e del rallentamento cognitivo - Neuroscienze
State of Mind © 2011-2022 Riproduzione riservata.

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Messaggio pubblicitario