Trattamento della bulimia: le condotte di compenso

Durante la terapia della bulimia è importante che ci sia un'astensione dalle condotte di compenso, ossia lassativi, vomito autoindotto o eccessivo esercizio

ID Articolo: 120658 - Pubblicato il: 29 aprile 2016
Trattamento della bulimia: le condotte di compenso
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

Per quanto riguarda le condotte di compenso (vomito, lassativi, diuretici, esercizio fisico) occorre chiarire con il paziente che l’astenersi da queste condotte è fondamentale per la buona riuscita del contratto terapeutico. Il trattamento cognitivo delle condotte di compenso è naturalmente ancora una volta centrato sull’accertamento e sulle credenze cognitive.

MAGREZZA NON E’ BELLEZZA – I DISTURBI ALIMENTARI: Il trattamento di Fairburn per la bulimia: la funzione delle condotte di compenso (Nr. 11)

 

Interrompere le condotte di compenso durante la terapia

Il paziente attua tali condotte di compenso per le solite ragioni: per controllare il peso e l’aspetto corporeo e perché fa dipendere la propria esistenza, la soddisfazione di sé e il senso di realizzazione unicamente dall’aspetto e dal peso. Se il paziente manca di astenersi dalle condotte di eliminazione e compenso, si determina un rallentamento se non un blocco del processo terapeutico.

Sarà allora necessario informare il paziente che la sua collaborazione e motivazione al cambiamento sono indispensabili e che senza un impegno attivo volto a interrompere tali condotte una terapia efficace è impossibile. Ciò non implica affatto l’abbandono completo della cura: il terapeuta può continuare a ricevere il paziente, ma deve essere chiaro che, almeno per il momento, non si tratta più di terapia cognitiva ma semmai di supporto e consulenza, in attesa di potere ripartire nel momento in cui il paziente sarà più motivato. È importante che il paziente sia consapevole che la terapia è tecnicamente interrotta, anche se gli incontri con il terapeuta continuano.

Messaggio pubblicitario È una fase di attesa in cui il terapeuta accoglie il paziente nella sua – ci si augura – temporanea difficoltà a cambiare. Ma non è terapia. Naturalmente la motivazione a interrompere i cicli abbuffate/condotte di eliminazione va rafforzata e alimentata attraverso l’analisi cognitiva di questi cicli. E quindi, ancora una volta, si sottolineerà l’importanza sproporzionata che il paziente riserva al controllo del peso e dell’aspetto corporeo e la dipendenza rigida della stima di sé da questo controllo. Ma la consapevolezza cognitiva non sempre basta. Occorre anche una forte motivazione personale.

 

Come astenersi dalle abbuffate

In questa fase, comunque, si possono suggerire alcuni accorgimenti comportamentali per aiutare la paziente ad astenersi dalle abbuffate. Vediamoli: 1) individuare cibi temuti (che vomiterò) e cibi rassicuranti (che posso tenermi in pancia); 2) ideare, insieme al terapeuta, una lista di comportamenti alternativi alle abbuffate o alle condotte di eliminazione e portarla sempre con me (possibili attività alternative: a) sport (attenzione però che l’esercizio fisico non costituisca attività di compenso); b) passeggiare con familiari, amici; c) farsi una doccia o un bagno; d) telefonare, far visita; e) musica).

È inoltre importante incoraggiare il paziente a riflettere sugli aspetti psicologici dei suoi episodi di abbuffata e condotte eliminative. Più precisamente, il paziente deve essere maggiormente consapevole del tempo mentale occupato da un impulso ad abbuffarsi o a vomitare. Il paziente inizia così a ragionare sui suoi stati d’animo anziché obbedire loro meccanicamente e ciecamente. Un impulso va ricondotto alla sua natura di episodio che per un breve tempo occupa l’intero spazio mentale ma che è destinato a scomparire altrettanto rapidamente. In tal modo può essere possibile disinnescare un episodio impulsivo.

 

Individuare i pensieri che precedono le abbuffate

Messaggio pubblicitario Comprendere i pensieri che portano alle abbuffate significa anche riflettere sulle circostanze che accompagnano questi episodi, In genere si tratta di situazioni stressanti in cui il paziente si sente giudicato o peggio, escluso o emarginato. Scrivere nel diario i pensieri tra un pasto e l’altro e quando emerge il desiderio di abbuffarsi, rende il paziente più consapevole dei suoi problemi e anche delle possibili attività alternative, aiutandolo a gestire meglio l’impulso di abbuffarsi. Perché mi abbuffo? A che mi serve? Mi calma? Mi punisco? Mi gratifica? Mi distrae?

L’analisi cognitiva alla Ellis aiuta il paziente a capire che le abbuffate e le condotte eliminative non capitano a caso, ma in presenza di situazioni problematiche: 1) individuare il problema; 2) definirlo con esattezza come ostacolo per uno scopo a cui tengo; 3) elaborare delle soluzioni specifiche, evitando le genericità e descrivendo azioni determinate; 4) elencare i pro e contro di ciascuna soluzione; 5) scelta; 6) esecuzione. Il paziente va incoraggiato a intraprendere questa strada e a evitare di rifugiarsi in azioni ripetitive il cui unico obiettivo è procurarsi stati emotivi di anestesia, come appunto le abbuffate. Il paziente, insomma, va aiutato a comprendere che il desiderio di abbuffarsi può essere la spia di un problema da affrontare. Come? Col problem solving, appunto.

 

RUBRICA MAGREZZA NON E’ BELLEZZA – I DISTURBI ALIMENTARI

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 2, media: 3,00 su 5)

Consigliato dalla redazione

Disturbi alimentari - Magrezza non e bellezza - featured

Il modello cognitivo come base teorica del protocollo di Fairburn per la bulimia - Magrezza non è bellezza Nr. 9

Nel 1981 Fairburn pubblicò un protocollo di cura per la bulimia che stimolò la diffusione del modello cognitivo nei servizi pubblici e privati.

Bibliografia

  • Beck, A. T., Emery, G., Greenberg, R. L. (1985), Anxiety Disorders and Phobias: A Cognitive Perspective, New York Press, New York.
  • Beck, A.T., Rush, J., Shaw, B., Emery, G. (1979), Cognitive therapy of depression, Guilford Press, New York. Clark, D. M. (1986), A cognitive approach to panic, in “Behaviour Research and Therapy”, 24, pp. 461-471.
  • Clark, D. M., Wells, A. (1995), A cognitive model of social phobia, in R. Heimberg, M. Liebowitz, D. A. Hope, F. R. Schneier (eds.), Social Phobia: Diagnosis, Assessment and Treatment, Guilford Press, New York, pp. 261-309.
  • Ehlers, A., Clark, D.M. (2000), A cognitive model of posttraumatic stress disorder, in “Behaviour Research and Therapy”, 38, pp. 319-345.
  • Ellis, A. (1955), New approaches to psychotherapy techniques, in “Journal of Clinical Psychology”, 11, pp. 207-260.
  • Fairburn, C. G., Marcus, M. D., Wilson, G. T. (1993), Cognitive-behavioral therapy for binge eating and bulimia nervosa: A comprehensive treatment manual, in C. G. Fairburn, G. T. Wilson (eds.), Binge eating: Nature, assessment and treatment, Guilford Press, New York, pp. 361-404.
  • Fairburn, C. G., Shafran, R., Cooper, Z. (1999), A cognitive behavioural theory of anorexia nervosa, in “Behaviour Research and Therapy”, 37, pp. 1-13. 38 Fairburn, C. G. (1985), Cognitive-behavioral treatment for bulimia, Guilford Press, New York.
  • Fairburn, C. G., Cooper, Z., Cooper, P. J. (1989), The validity of the eating disorder examination and its subscales, in “The British Journal of Psychiatry”, 154, pp. 807-812.
  • Salkovskis, P. M (1985), Frontiers of Cognitive Therapy, Guilford Press, New York.
State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario