Tra malati e stress: test psicologici obbligatori e periodici, con presidi fissi negli ospedali

Tra malati e stress: test psicologici obbligatori e periodici, con presidi fissi negli ospedali - COMUNICATO STAMPA ASSOCIAZIONE UNITARIA PSICOLOGI ITALIANI

ID Articolo: 120236 - Pubblicato il: 06 aprile 2016
Tra malati e stress: test psicologici obbligatori e periodici, con presidi fissi negli ospedali
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

COMUNICATO STAMPA ASSOCIAZIONE UNITARIA PSICOLOGI ITALIANI

 

Tra malati e stress: test psicologici obbligatori e periodici, con presidi fissi negli ospedali

ROMA 1 APRILE 2016 –

“Chi lavora in corsia svolge un compito molto delicato. Da un lato deve gestire le emergenze e dall’altro deve supportare i malati e i familiari, cercando di mantenere sempre la calma. È chiaro che lo stress a cui sono sottoposti i medici e gli infermieri è quotidiano e spesso è anche scarsamente considerato. In alcuni luoghi di lavoro i test psicologici devono essere obbligatori e periodici”.

Le parole del segretario generale dell’Associazione unitaria psicologi italiani, Mario Sellini, arrivano dopo l’arresto a Piombino dell’infermiera professionale Fausta Bonino, accusata di avere ucciso 13 persone che erano ricoverate nell’ospedale in cui prestava servizio. Ai malcapitati, secondo l’accusa, l’infermiera avrebbe somministrato delle “bombe” di eparina, provocando la morte lenta e silenziosa dei pazienti.  Dalle indagini risulta inoltre che l’infermiera ha avuto problemi di depressione, alcol e uso di psicofarmaci che, secondo i carabinieri, potrebbero essere collegati con quei delitti.

“E, in realtà, se tali circostanze verranno accertate dai magistrati possiamo dire che le condizioni psicologiche della donna – spiega Sellini – l’hanno certamente portata a compiere quegli insani gesti. Abbiamo accolto – dice ancora il presidente Aupi – l’invito della Federazione dei Collegi degli Infermieri che ha denunciato l’assenza di controlli psicologici, chiedendo aiuto. Noi siamo disponibili ad un dialogo, anche con il governo, affinchè si trovi una soluzione. Chiediamo che ci si attivi affinchè venga istituito un presidio di psicologi all’interno degli ospedali non solo per i malati ma anche per chi lavora sotto stress, nella gestione quotidiana delle emergenze. Siamo stanchi di arrivare quando è ormai troppo tardi. Da anni insistiamo sulla prevenzione poiché sappiamo che i sintomi di alcuni disturbi mentali, se individuati per tempo, possono essere attenuati. Nel caso specifico di Piombino, che non ha giustificazioni, se ci fossero stati prima adeguati controlli probabilmente il numero delle vittime sarebbe stato inferiore o nullo. L’infermiera sarebbe stata aiutata per tempo, anche nello svolgimento del suo lavoro quotidiano. È il momento in cui anche in Italia si dia alla nostra professione un ruolo centrale nella società che, come vediamo ogni giorno, è cambiata e va interpretata con gli strumenti giusti. Ringraziamo ancora una volta il sottosegretario alla Salute, Vito De Filippo, per aver istituito presso il Ministero il tavolo tecnico della psicologia, in cui partecipiamo insieme all’Ordine nazionale degli Psicologi, dimostrando così, profonda sensibilità su certi temi. Alla prossima riunione parleremo anche delle emergenze in corsia e delle richieste di aiuto che arrivano a noi psicologi e a cui vogliamo rispondere adeguatamente”.

 

Messaggio pubblicitario

Per Informazioni:

Ufficio Stampa Aupi

Angela Corica – 333 9892161

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 2, media: 4,50 su 5)

Consigliato dalla redazione

Comunicato stampa AUPI: manca un'adeguata assistenza psicologica ai detenuti nelle carceri

Manca un'adeguata assistenza psicologica ai detenuti nelle carceri

L'Associazione Unitaria Psicologi Italiani sostiene che non venga fornita un'adeguata assistenza psicologica ai detenuti all'interno delle carceri.
State of Mind © 2011-2021 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Messaggio pubblicitario