Il trattamento di Fairburn per la bulimia: la funzione delle abbuffate di cibo

Secondo Fairburn è importante promuovere nei pazienti bulimici un'alimentazione regolare e comprendere la funzione svolta dalle abbuffate di cibo.  

ID Articolo: 120574 - Pubblicato il: 22 aprile 2016
Il trattamento di Fairburn per la bulimia: la funzione delle abbuffate di cibo
Condividi

La funzione dell’abbuffata è espressione di un’infelicità esistenziale da esaminare a fondo, cercando di capire in quali ambiti il paziente si sente insoddisfatto, non realizzato: ambito sociale, affettivo, scolastico, lavorativo. Il paziente si sente socialmente isolato o escluso, affettivamente abbandonato, o non realizzato nelle sue aspirazioni scolastiche o lavorative?

MAGREZZA NON E’ BELLEZZA – I DISTURBI ALIMENTARI: Il trattamento di Fairburn per la bulimia: la funzione delle abbuffate di cibo (Nr. 10)

 

Favorire nei pazienti un’alimentazione regolare

Per capire e affrontare queste situazioni l’analisi cognitiva degli stati d’animo e dei pensieri è preziosissima. Ma al tempo stesso occorre continuare a motivare il paziente a rispettare un’alimentazione regolare, che aiuta a controllare in maniera ragionevole il peso, previene le abbuffate e migliora l’umore. L’alimentazione regolare, naturalmente, va ristabilita facendo visitare il paziente da uno specialista, nutrizionista o dietologo. Nella visita nutrizionale si stabilirà un modello di alimentazione regolare specifico per il paziente. Tra le regole da rispettare, si raccomanderà di non lasciar passare più ore tra pasti e spuntini, non saltare pasti o spuntini, non mangiare tra pasti e spuntini. Un altro intervento da fare durante questa fase è l’esame cognitivo delle eventuali infrazioni all’alimentazione regolata. In tali casi, emerge la tentazione paradossale di reagire abbandonandosi a un’enorme abbuffata.

 

I pensieri disfunzionali alla base dell’abbuffata

Messaggio pubblicitario Qui il paziente applica al comportamento alimentare il suo stile di pensiero dicotomico: se non sono capace di osservare la tabella dell’alimentazione equilibrata, allora valgo poco. E per gestire la sofferenza e il disagio emotivo legati al valere poco, mi abbuffo. Oppure il paziente può pensare, senza passare per la mediazione dell’autovalutazione: se ho sgarrato, tanto vale abbuffarsi. Invece occorre incoraggiare il paziente a non lasciarsi andare a questi atteggiamenti disfattisti e cercare di comprendere che tollerare un’infrazione parziale senza trasformarla in un’abbuffata può essere altrettanto importante che saper rispettare un diario alimentare, e che anzi saper giudicare se stessi in maniera non dipendente da un’infrazione alimentare può essere ancora più rilevante. L’alimentazione, tuttavia, deve rimanere la priorità.

 

Indicazioni di Fairburn sulla prevenzione delle abbuffate

Fairburn fornisce alcuni suggerimenti da condividere con il paziente, suggerimenti che dovrebbero facilitare l’autocontrollo alimentare. Ecco alcuni esempi: – decidere la sera prima gli orari dei pasti del giorno dopo; – mangiare solo in alcune stanze; – stare concentrati mentre si mangia, non distrarsi; – mantenere limitata la disponibilità di cibo sul tavolo; – posare giù le posate tra un boccone e l’altro; – fare delle pause durante i pasti; – lasciare del cibo nel piatto; – buttare gli avanzi; – se in compagnia, non ascoltare le esortazioni a mangiare; – se al ristorante, prendere tempo tra una portata e l’altra.

 

RUBRICA MAGREZZA NON E’ BELLEZZA – I DISTURBI ALIMENTARI

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 4, media: 3,75 su 5)

Consigliato dalla redazione

Disturbi alimentari - Magrezza non e bellezza - featured

Il modello cognitivo come base teorica del protocollo di Fairburn per la bulimia - Magrezza non è bellezza Nr. 9

Nel 1981 Fairburn pubblicò un protocollo di cura per la bulimia che stimolò la diffusione del modello cognitivo nei servizi pubblici e privati.

Bibliografia

  • Beck, A. T., Emery, G., Greenberg, R. L. (1985), Anxiety Disorders and Phobias: A Cognitive Perspective, New York Press, New York.
  • Beck, A.T., Rush, J., Shaw, B., Emery, G. (1979), Cognitive therapy of depression, Guilford Press, New York. Clark, D. M. (1986), A cognitive approach to panic, in “Behaviour Research and Therapy”, 24, pp. 461-471.
  • Clark, D. M., Wells, A. (1995), A cognitive model of social phobia, in R. Heimberg, M. Liebowitz, D. A. Hope, F. R. Schneier (eds.), Social Phobia: Diagnosis, Assessment and Treatment, Guilford Press, New York, pp. 261-309.
  • Ehlers, A., Clark, D.M. (2000), A cognitive model of posttraumatic stress disorder, in “Behaviour Research and Therapy”, 38, pp. 319-345.
  • Ellis, A. (1955), New approaches to psychotherapy techniques, in “Journal of Clinical Psychology”, 11, pp. 207-260.
  • Fairburn, C. G., Marcus, M. D., Wilson, G. T. (1993), Cognitive-behavioral therapy for binge eating and bulimia nervosa: A comprehensive treatment manual, in C. G. Fairburn, G. T. Wilson (eds.), Binge eating: Nature, assessment and treatment, Guilford Press, New York, pp. 361-404.
  • Fairburn, C. G., Shafran, R., Cooper, Z. (1999), A cognitive behavioural theory of anorexia nervosa, in “Behaviour Research and Therapy”, 37, pp. 1-13. 38 Fairburn, C. G. (1985), Cognitive-behavioral treatment for bulimia, Guilford Press, New York.
  • Fairburn, C. G., Cooper, Z., Cooper, P. J. (1989), The validity of the eating disorder examination and its subscales, in “The British Journal of Psychiatry”, 154, pp. 807-812.
  • Salkovskis, P. M (1985), Frontiers of Cognitive Therapy, Guilford Press, New York. 39
State of Mind © 2011-2020 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Sono citati nel testo

Messaggio pubblicitario