Watching eye effect: sentirci osservati ci rende più onesti e generosi

La vista di un paio d'occhi può scoraggiare le persone dal comportarsi in modo scorretto: sentirci osservati, infatti, ci spinge ad aderire alle regole.

ID Articolo: 115239 - Pubblicato il: 10 novembre 2015
Watching eye effect: sentirci osservati ci rende più onesti e generosi
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

Il bisogno di approvazione sociale è così forte che anche la sola presenza di un paio d’occhi, per esempio raffigurati in un dipinto, è efficace nel motivare il comportamento in tal senso.

La vista di un paio d’occhi può scoraggiare le persone dal mentire e dal comportarsi in modo egoistico; sentirci osservati, infatti, ci spinge ad aderire maggiormente a norme e regole comunitarie. Il bisogno di approvazione sociale è così forte che anche la sola presenza di un paio d’occhi, per esempio raffigurati in un dipinto, è efficace nel motivare il comportamento in tal senso.

Un nuovo studio giapponese ha osservato il watching eye effect nella situazione in cui due valori sociali entrano in conflitto: l’onestà e l’aiutare chi ne ha bisogno. Ai partecipanti allo studio è stato chiesto di tirare un dado per determinare l’entità di una donazione da parte degli sperimentatori alla Croce Rossa giapponese, in aiuto alle vittime del terremoto e dello tsunami del 2012. Il lancio dei dadi avveniva in privato, in modo che i soggetti potessero decidere di mentire sul risultato per aumentare la donazione.

Messaggio pubblicitario La metà dei partecipanti tirava i dadi in una stanza in cui era appesa la foto di un paio di occhi, mentre l’altra metà si trovava in una stanza vuota. Confrontando i valori dei tiri di dado riferiti dai partecipanti con quelli attesi in un contesto di tiro casuale, i ricercatori hanno potuto stimare quanti partecipanti hanno barato. Molti di quelli che non si sentivano osservati hanno mentito, riferendo agli sperimentatori un valore superiore a quello ottenuto con il lancio dei dadi, e destinando in questo modo più soldi alla beneficenza. Nel gruppo che era ‘osservato’ invece i soggetti erano più propensi a dire la verità. Insomma, la generosità vince sull’onestà fino a che questo rimane in un contesto privato.

Ma il watching eye effect ci espone immediatamente e ancor prima che ce ne rendiamo conto, all’idea di un giudizio sociale, e in questo caso i rischi connessi all’essere visto come disonesto sono percepiti come maggiori di quelli connessi a un comportamento ingeneroso. In questo caso è l’onestà a vincere sulla generosità.

In ogni caso i risultati di questo studio ci inducono riflettere su quanti e quali potrebbero essere i contesti pubblici e privati in cui forse sarebbe auspicabile appendere un bel quadro con un paio di occhi che ci scrutano per promuovere comportamenti prosociali o prevenire quelli disonesti.

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 3, media: 5,00 su 5)

Consigliato dalla redazione

Come la Percezione dello Sguardo altrui cambia il nostro Comportamento. -- Immagine: © magann - Fotolia.com

Come la Percezione dello Sguardo altrui cambia il nostro Comportamento

Il sistema di rilevamento dello sguardo, congenito in tutti noi, può essere attivato anche da un “simulacro” di occhi umani (es. un poster).

Bibliografia

State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Categorie

Messaggio pubblicitario