Memorie di casa, intorno a una tavola imbandita – Becoming Adult

Cosa significa appartenere a un luogo – sentirsi a casa - per una persona che ha lasciato il proprio paese di origine durante l’infanzia?

ID Articolo: 114754 - Pubblicato il: 20 ottobre 2015
Memorie di casa, intorno a una tavola imbandita – Becoming Adult
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

Cosa significa appartenere a un luogo – sentirsi a casa – per una persona che ha lasciato il proprio paese di origine durante l’infanzia?

Durante una riunione del progetto Becoming Adult, condotto all’Universita’ di Oxford, abbiamo provato a rispondere alla domanda, con un esercizio teatrale.

Al nostro gruppo di ricerca – composto anche da giovani ricercatori eritrei ed afgani– e’ stato chiesto di rappresentare, con il nostro corpo, due immagini di casa. Una prima imagine che definisse il nostro senso di casa in Inghilterra. E una seconda, la casa nel nostro paese di origine. Avendo lasciato l’Italia sette anni fa, e avendo lavorato con ragazzi e ragazze che hanno abbandonato il proprio paese insieme alla loro famiglia, ho subito provato un senso di sottile irritazione e disagio. E forse, anche un distante dolore. Com’e’ possibile esprimere una simile idea di casa? Una che sia cosi ordinatamente ancorata ad un luogo, nettamente divisa tra due paesi?

 

Memories of home - Francesca Meloni - becoming adult foto 2

 

Quasi anticipando i miei pensieri, Semhar lancia uno sguardo a me ed Habib, e dice con fermezza tagliente e perentoria: la casa non e’ da nessuna parte. Su queste parole, ci fermiamo a riflettere. Davvero non e’ in nessun luogo? La casa e’ forse uno spazio rimasto vuoto?

Messaggio pubblicitario Infine, abbiamo deciso di rappresentare una sola imagine condivisa. Ci siamo seduti intorno ad un tavolo, e abbiamo immaginato di essere parte di una famiglia (o forse parte di un senso di comunita’ ricreato in Inghilterra). Una famiglia che chiacchera di fatti banali, ride di cose difficili da spiegare, e costruisce alberi di storie. E una famiglia che fa tutto questo, condividendo un grosso piatto al centro della tavola.

Abbiamo immaginato cibi lontani che profumano di casa, cucinati da qualcuno che ci ama. I nostri piatti preferiti – quelli che ci riportano, con un odore, a ricordi d’infanzia, luoghi che abbiamo attraversato ogni giorno, colori e paesaggi familiari.
Questa, la nostra idea di casa. Rattoppi di memorie ed immagini che sono cosi distanti eppure continuano a ritornare nitide e vive – attorno a una tavola imbandita con le persone che amiamo, nel cibo che ancora cuoce sul fuoco.

Francesca Meloni e’ ricercatrice e antropologa presso l’Universita di Oxford, Dipartimento di Politiche Sociali. Ha condotto ricerche etnografiche in Italia e Canada. Il progetto di ricerca Becoming Adult:  Conceptions of futures and wellbeing among young people subject to immigration control in the UK e’ finanziato da ESRC, e condotto all’Universita’ di Oxford e all’Universita’ di Birmingham. Il progetto e’ diretto da Elaine Chase.

Per maggiori informazioni:

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 2, media: 5,00 su 5)

Consigliato dalla redazione

Psicologia delle Migrazioni: Globalizzazione & Nostalgia di Casa. - Immagine: © carlosgardel - Fotolia.com

Psicologia delle Migrazioni: Globalizzazione & Nostalgia di Casa

Psicologia delle Migrazioni. Gli effetti psicologici sulle vite di milioni di persone che si spostano per lavoro. E il concetto di casa?
State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Università e centri di ricerca

Messaggio pubblicitario