Video: parlare d’amore, le parole che salvano l’amore – di Alain de Botton

Il broncio comincia con una delusione e si concretizza in un profondo rifiuto di spiegare il motivo di questa e in un disperato bisogno di essere capiti.

ID Articolo: 111627 - Pubblicato il: 03 luglio 2015
Video: parlare d’amore, le parole che salvano l’amore – di Alain de Botton
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

Il broncio di solito comincia con una delusione e si concretizza in un profondo rifiuto di spiegare il motivo della delusione, un disperato bisogno di essere capiti e un persistente impegno a non spiegare se stessi.

All’interno delle relazioni uno dei comportamenti più tragicomici è il broncio. Ma che cos’è un broncio?

Messaggio pubblicitario Il broncio di solito comincia con una delusione e si concretizza in un profondo rifiuto di spiegare il motivo della delusione, un disperato bisogno di essere capiti e un persistente impegno a non spiegare se stessi.

Spiegare se stessi è il problema centrale: se il partner richiede una spiegazione, allora questa è la prova che non è degno di averne alcuna.

Questo porta allo strano privilegio di ricevere il broncio: si mette il broncio alle persone che si ritiene dovrebbero capire. È uno dei regali d’amore più strani.

Ciò che ne consegue è una vera e propria guerra fredda. Perchè non diciamo al partner cosa ci turba? A causa di un assunto: l’amore significa non dover dire tutto per filo e per segnò, ma il regalo più grande che possiamo fare alla persona che amiamo è dare spiegazioni.

Il broncio può essere superato quando siamo in grado di sorridere di questa folle ambizione e bussare alla porta chiedendo se gentilmente è possibile entrare per una parola.

Scopri di più visitando il Book of life. Di seguito il video ideato da Alain de Botton, fondatore della The school of Life.

 

Per visionare il video con i sottotitoli in Italiano clicca qui.

 

ARTICOLO CONSIGLIATO:

Come NON smettere di fare sesso – Video

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 5, media: 5,00 su 5)
State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario