Messaggio pubblicitario ISC Congresso 2019

Pica – Definizione Psicopedia

La pica si caratterizza per la continuativa ingestione di una o più sostanze di contenuto non alimentare e non commestibili per almeno 1 mese - Psicologia

ID Articolo: 102799 - Pubblicato il: 07 ottobre 2014
Messaggio pubblicitario SFU Presentazioni Settembre 2019
Condividi

 

LE DEFINIZIONI DI PSICOPEDIA

Psicopedia - Immagine: © 2011-2012 State of Mind. Riproduzione riservata

Si caratterizza per la continuativa ingestione di una o più sostanze di contenuto non alimentare e non commestibili per almeno 1 mese. Esempi possono essere carta, sapone, stoffa, capelli, lana, terra, gesso, vernice, gomma, metallo, cenere, terra, ciottoli, ghiaccio………

 

 Rientra tra i Disturbi della Nutrizione e dell’Alimentazione del DSM-5 (uscito nel maggio 2013), il manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali dell’Associazione Americana di Psichiatria. Nella versione precedente era inserita nel paragrafo “Disturbi della nutrizione e dell’alimentazione dell’infanzia o della prima fanciullezza”, del capitolo “Disturbi solitamente diagnosticati per la prima volta nell’infanzia, nella fanciullezza o nell’adolescenza”.

Si caratterizza per la continuativa ingestione di una o più sostanze di contenuto non alimentare e non commestibili per almeno 1 mese. Esempi possono essere carta, sapone, stoffa, capelli, lana, terra, gesso, vernice, gomma, metallo, cenere, terra, ciottoli, ghiaccio………

Vanno escluse le pratiche di ingestione all’interno di contesti culturali e sociali particolari, quali rituali di popolazioni lontane o immigrate.

Abitualmente non si manifesta avversione per il cibo.

Messaggio pubblicitario L’esordio è più frequente in età infantile, comunque superiore ai 2 anni (fino ad allora fa parte dei gesti abituali degli bambini piccoli), anche in presenza di uno sviluppo normale; negli adulti, invece, spesso, si associa a disabilità intellettiva grave o altri disturbi mentali, in questo caso viene apposta la diagnosi di pica solamente in presenza di un quadro clinico importante. Il decorso del disturbo, soprattutto negli adulti, con comorbilità è duraturo.

Può comparire nelle donne in gravidanza come desiderio incontrollato, si pone però solo diagnosi di pica quando c’è un rischio medico legato all’ingestione.

Conseguenze mediche di questo comportamento sono ostruzioni intestinali, avvelenamenti, infezioni e deficit nutrizionali.

 

ARTICOLO CONSIGLIATO:

Disturbi della nutrizione e dell’alimentazione – Definizione Psicopedia 

 

BIBLIOGRAFIA:

  • American Psychiatric Association (2014). Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali. Quinta edizione (DSM – 5). Raffaello Cortina editore.  ACQUISTA ONLINE
VOTA L'ARTICOLO
(voti: 1, media: 5,00 su 5)
State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi

Articoli che trattano questo argomento

Feeding disorders o Eating disorders? I disturbi alimentari durante l’infanzia
Psicologia

Feeding disorders o Eating disorders? I disturbi alimentari durante l’infanzia

I disturbi alimentari sono una classe diagnostica che, forse più di ogni altra classe presente nei manuali diagnostici (DSM e ICD), comprende una serie di disordini caratterizzati da un’eziologia multifattoriale.  Martina Tramontano e Veronica Aggio – OPEN SCHOOL Studi Cognitivi Milano   In tali disturbi, i comportamenti alimentari sono caratterizzati

La pica: un disturbo dalle voglie alimentari insolite
Psichiatria Psicologia

La pica: un disturbo dalle voglie alimentari insolite

La pica, anche denominato allotriofagia, è un disturbo del comportamento alimentare caratterizzato dall’ingestione continuata nel tempo di sostanze non nutritive (terra sabbia, carta, gesso, legno, cotone, etc.). L’ingestione di sostanze non alimentari si deve protrarre per un periodo di almeno un mese ed è inappropriata rispetto al livello di sviluppo

Messaggio pubblicitario DEFAULT SU NETWORK FORMAZIONE
Messaggio pubblicitario Performat - Evento Pisa

Si parla di

Diventare Psicoterapeuta

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Categorie